Kevin Can F*** Himself su Amazon Prime Video un’insolita nuova serie tv dal 27 agosto

Kevin Can F Himself
Alex Bonifer as Neil, Annie Murphy as Allison, Eric Petersen as Kevinp - Kevin Can F*** Himself _ Season 1, Episode 2 - Photo Credit: Jojo Whilden/AMC
- Pubblicità -

Kevin Can F*** Himself dal 27 agosto su Amazon Prime Video con Annie Murphy di Schitt’s Creek

Un titolo che sicuramente attira attenzione questo Kevin Can F*** Himself che da oggi 27 agosto troviamo all’interno del catalogo di Amazon Prime Video. Una serie tv in 8 episodi interamente già rilasciati da AMC+ e AMC, che con AMC Studios e LeTrain Train di Rashida Jones e Will McCormack producono la serie, decisamente particolare.

Protagonista è Annie Murphy, reduce dal successo di Schitt’s Creek, nei panni di Allison una moglie da sitcom che all’improvviso ha un risveglio personale, rendendosi conto dell’assurda vita che conduce e cercando di uscire da questa sua realtà. La serie rompe così la parete tra generi seriali mostrando il dietro le quinte della vita dei personaggi che popolano le classiche multi-camera comedy americane.

- Pubblicità -

Kevin Can F*** Himself la trama tra finzione e…finzione

Allison McRoberts (Murphy) è la classica moglie da sitcom, bionda, bella e attraente, sposata con un uomo che ha vinto alla lotteria per averla conquistata. Il pubblico la incontra mentre Allison fa i conti con la realtà e comprende l’assurdità della sua vita. Inizia così a meditare la sua vendetta dopo gli anni di battute sessiste e stereotipate, tra amicizie finte e situazioni al limite dell’improbabile.

Il mondo della multi-camera colorato e luccicante, lascia spazio alla cupezza della single camera con la telecamera a spalla che segue la presa di coscienza di Allison nel mondo mentre cerca un lavoro e scruta una realtà fuori dallo studio.

Una serie interessante…sulla carta

AMC Studios da qualche tempo ha abbandonato il sistema dei pilot per la scelta di nuovi progetti da realizzare, passando a un metodo misto non un ordine diretto ma l’apertura della writers room, anche con un numero ridotto di sceneggiatori, per preparare le sceneggiature e poi valutare l’ordine. Kevin Can F*** Himself, creata da Valerie Armstrong, rientra in questo modello e ne mostra i limiti.

La serie sulla carta funziona, l’idea è interessantissima, ma la resa lo è decisamente meno. Tutta la spinta innovativa dell’idea si perde nella sua realizzazione. Mentre ci aspettiamo un’ironica critica al mondo delle sitcom e ai suoi personaggi ci ritroviamo davanti all’ennesima riproposizione di un personaggio negativo per cui dobbiamo fare il tifo, che cerca soltanto un modo per uccidere il marito e farla franca. L’elemento surreale è accentuato da questi passaggi tra sitcom e drama che risultano forzati e improbabili. L’anima “comedy” che dovrebbe sbeffeggiare è una semplice caricatura di una classica sitcom così improbabile da non far ridere. Dov’è la critica caustica a questo mondo? dov’è la molla scatenante della reazione? L’innovazione sembra fermarsi al titolo e alla sinossi…

Chi è Kevin?

La scelta del nome Kevin nel titolo non è affatto casuale. Il riferimento diretto evidente è a Kevin James, attore di tante sitcom più o meno di successo e in particolare di Kevin Can Wait, in cui addirittura il personaggio della moglie è talmente inutile da essere eliminato nella seconda stagione per ragioni creative. E allora Kevin può andare beatamente a quel paese perchè le mogli contano e hanno una vita, e su questo nessuno ha dei dubbi, così come sull’assurdità dei personaggi femminili in certe comedy multi-camera degli anni ’90/00.

kevin can f himself

Il cast

Ecco il cast della serie

  • Annie Murphy: Allison Devine-McRoberts
  • Eric Petersen: Kevin McRoberts
  • Mary Hollis Inboden: Patricia “Patty” O’Connor
  • Alex Bonifer: Neil O’Connor
  • Brian Howe: Peter McRoberts
  • Raymond Lee: “Sam”
- Pubblicità -