Knightfall la seconda stagione con Mark Hamill da questa sera su History

Knightfall 2 su History dal 23 maggio alle 21:50 su History

In otto episodi con il sorprendente arrivo di Mark Hamill, debutta questa sera da giovedì 23 maggio alle 21:50 su History la seconda stagione di Knightfall, la saga che racconta le vicende dei Cavalieri Templari, il più potente, ricco e misterioso ordine di monaci guerrieri del medioevo.

Torna il valoroso Landry, interpretato da Tom Cullen, per guidare la lotta a difesa della cristianità tra intrighi di corte presso il re di Francia, Filippo, e gli interessi del Papato. Intenzionato a ingrandire il proprio regno e far valere le proprie prerogative nei confronti della Chiesa, il Re Filippo (Ed Stoppard) ha un conto aperto con i Templari e con lo stesso Landry, che è stato l’amante della moglie, la regina Giovanna di Navarra, uccisa nella prima stagione.

Nel cast ritornano anche Pádraic Delaney (The Wind That Shakes The Barley), che interpreta Gawain, Simon Merrells (Spartacus, Dominion) nelle vesti di Tancredi, un cavaliere coraggioso, costante e risolutivo e Julian Ovenden (Downton Abbey, Person of Interest, The Colony) nel ruolo di Guglielmo di Nogaret.

La super new entry di stagione è Mark Hamill meglio conosciuto da tutti come Luke Skywalker di Guerre Stellari. Hamill interpreta Talus: cavaliere templare, veterano delle crociate, sopravvissuto a dieci anni di prigionia in Terra Santa, Talus si occuperà di addestrare le reclute, tra cui lo stesso Landry, ritornato a far parte dell’ordine di monaci guerrieri, dopo esserne stato espulso.

Tra i nuovi ingressi anche Tom Forbes (The Bastard Executioner) nei panni del Principe Luigi, il figlio violento di Re Filippo, e Genevieve Gaunt (The Royals) in quelli di Isabella, sorella di Luigi, che passerà alla storia come la “Lupa di Francia”.

Nuovo showrunner e produttore esecutivo di questa nuova stagione è Aaron Helbing che già si è occupato di Flash e Spartacus. Knightfall è prodotto da A+E Studios con The Combine e Midnight Radio, mentre autori sono Don Handfield e Richard Rayner.