La Banda Battestini su History il documentario sui criminali di Pescara degli anni ’80

La banda battestini
- Pubblicità -

La Banda Battestini il documentario lunedì 21 e martedì 22 febbraio su History Channel

La Banda Battestini è il titolo del documentario in onda su History Channel canale 411 di Sky lunedì 21 e martedì 22 febbraio prodotto da Stand By Me con al centro la storia di una banda criminale che negli anni ’80 sconvolse il centro Italia.

Il documentario in due episodi in onda alle 21:00 solo su History Channel su Sky è stato scritto da Antonio Plescia e diretto da Claudio Pisano costruito attraverso le testimonianze, tra gli altri, dei cronisti dell’epoca (Marco Patricelli, Lorenzo Colantonio, Francesco Sidoti), il materiale di repertorio e soprattutto i punti di vista del fratello incensurato dei Battestini, il noto fumettista Roberto, all’epoca dei fatti ancora un bambino, e  degli ex membri della banda, uno su tutti Massimo Ballone.

La storia dei criminali di Pescara

La Banda Battestini racconta la storia di un gruppo di giovani che a Pescara nel 1980 semina il terrore in tutta la regione e in quelle limitrofe, rendendosi protagonista di una lunga scia di rapine e compiendo due omicidi. Il nome arriva da due fratelli Rolando e Pasquale, che ne erano i principali esponenti.

La loro storia è simile a quella della romana Banda della Magliana, ragazzi maledetti che si arricchiscono non solo rapinando banche, uffici postali e attività commerciali ma anche gestendo bische, night club e corse  clandestine. Dopo l’arresto di due componenti, tutti finiscono a processo e in cella, ma il 29 gennaio 1985 la Battestini è protagonista di una clamorosa fuga dal carcere di San Donato a Pescara.

Tra gli evasi, Massimo Ballone, Claudio Di Risio e Raimondo Coletta. La fuga dei fuggitivi termina a fine febbraio dello stesso anno. Il gruppo è rintracciato nel quartiere San Basilio a Roma e di nuovo arrestato dopo un conflitto a fuoco con la Polizia. Pasquale Battestini, muore nel 1988 colpito dalle forze dell’ordine dopo aver forzato un posto di blocco a Giulianova. Rolando, invece, si spegne in circostanze misteriose nel carcere di Campobasso nel 1992. Nel 2012, a Pescara, avviene l’omicidio – ancora irrisolto – di Italo Ceci, il “pentito” della Battestini.

- Pubblicità -