La Caserma la quinta puntata su Rai 2 mercoledì 24 febbraio

la caserma

La Caserma su Rai 2 mercoledì 24 febbraio la quinta puntata le anticipazioni

La Caserma torna in onda mercoledì 24 febbraio con la quinta puntata su Rai 2, praticamente ormai è a un passo dalla finale ma le sorprese non mancano e una nevicata complicherà la vita dei cadetti.

La puntata e le clip del programma sono in streaming su RaiPlay. Il docu-reality è realizzato in collaborazione con Blu Yazmine. La voce di Simone Montedoro, nel ruolo di narratore, racconterà e accompagnerà le avventure dei giovani durante tutte le 6 puntate. Il programma (che non ha alcuna collocazione temporale) è un mix tra romanzo esperienziale e adventure, con l’idea di raccontare i ventenni del 2020 che gli autori del programma descrivono come “una generazione profondamente matura, capace di leggere la tradizione, proiettarsi nel futuro e ben consapevole di se stessa”.

Anticipazioni del 24 febbraio

Nella puntata di stasera de La Caserma una comunicazione ufficiale cambia gli equilibri delle squadre: ognuna avrà un comandate e un vice figure intermedie tra il gruppo e gli istruttori e tutti gli altri membri dovranno essere d’accordo sulle persone scelte.

Un’improvvisa nevicata notturna, muterà completamente lo scenario a Levico (Trento) e di conseguenza,  gli umori e i destini dei protagonisti. Anche le esercitazioni subiranno delle variazioni, ma verranno portate a termine con successo. Una nuova sfida attende i ragazzi con un’esercitazione al Forte Belvedere, una tra le più grandi e meglio conservate fortezze italiane. Lo stress alle stelle getterà la matricola Cimadoro nello sconforto, ma i compagni saranno pronti a consolarlo.

La formula de La Caserma

La Caserma è basato sul format internazionale “Lads Army”. Sono state numerose le domande di partecipazione: tantissimi i ragazzi e le ragazze con il sogno di far parte del cast. Per la realizzazione del programma hanno lavorato oltre 100 persone tra pre-produzione, produzione e post produzione. Sono state utilizzate 40 telecamere tra quelle con operatore, telecamere fisse e remotate (con relativa regia); inoltre, go pro e microcamere per attività esterne; 30 radiomicrofoni a collarino e due droni per le riprese aeree.

La location è immersa nel verde, circondata da boschi, lambita da un fiume, vicino a un lago e sovrastata da una spettacolare cima montuosa. Il centro è composto di 4 edifici e di un piazzale esterno per le esercitazioni. Attraverso un training ispirato alla disciplina militare, i ragazzi si troveranno ad affrontare duri addestramenti, percorsi ginnici, corse zavorrate, camouflage, escursioni in esterna, e poi suggestive arrampicate e spettacolari traversate di un ponte tibetano. La formula è quella de Il collegio, quindi non ci saranno nomination ed eliminazioni ma i ragazzi vivranno un’esperienza para-reale da cui potrebbero essere espulsi per comportamenti non conformi.

Questi giovani avranno dunque trenta giorni per superare i propri limiti, per crescere e diventare un po’ più adulti. Scopo del programma sarà la formazione di un gruppo solidale e unito: ciascuno dei protagonisti dovrà sviluppare il “senso del fare” – sfruttando le capacità e superando le divergenze – per un unico obiettivo, essere una squadra. Non c’è un vincitore.

Lo scenario scelto per l’ambientazione del docu-reality, particolarmente affascinante durante la stagione invernale, è quello di Levico, in provincia di Trento, con una struttura adibita a caserma, trasformata per l’occasione in un set unico per un percorso di addestramento duro e a contatto con la natura. La voce narrante, invece, è quella di Simone Montedoro.