La Fabbrica del Mondo con Marco Paolini in replica sabato 23 luglio su Rai 3

la fabbrica del mondo
- Pubblicità -

La Fabbrica del Mondo su Rai 3 sabato 23 luglio 2022 con Marco Paolini

Sabato 23 luglio 2022 su Rai 3 andrà in onda in replica la seconda puntata de La Fabbrica del Mondo la trasmissione in 3 puntate, ideata e condotta da Marco Paolini con lo scienziato Telmo Pievani. Unendo narrazione teatrale e divulgazione scientifica, racconto cinematografico e dialoghi autorevoli, l’obiettivo è raccontare il presente del nostro pianeta.

Tra scienza, economia, letteratura, una riflessione sul disastro verso cui sta andando il nostro pianeta, a partire dai temi dell’agenda 2030 delle Nazioni Unite. Pipistrelli e virus è il tema della prima puntata in replica stasera su Rai 3.

I temi della seconda puntata

La seconda puntata de La Fabbrica del mondo stasera su Rai 3 sabato 23 luglio 2022 parlerà dei i danni che abbiamo causato al pianeta. Uno studio ha messo a confronto il peso dei manufatti (artificiali di ogni genere, dall’asfalto alle piramidi, ai microchip…) con quello della biomassa, scoprendo che nell’ultimo secolo il peso delle cose è aumentato esponenzialmente fino a raggiungere, nel 2020, il peso della biomassa. Praticamente oggi la natura pesa meno dei manufatti dell’uomo.

Gli ospiti di La Fabbrica del Mondo

A Trieste con sullo sfondo il mare, Paolini e Pievani incontrano Alex Bellini che ha navigato i fiumi più inquinati del mondo per ripercorrere idealmente il viaggio di una bottiglia di plastica fino al Great Pacific garbage patch, l’isola di rifiuti plastica che si è formata nell’Oceano Pacifico. All’orto Botanico di Padova, Marco Paolini, trascinato dai suoi ricordi d’infanzia, incontra Barbara Mazzolai che ha realizzato robot bio-ispirati alle piante.

Le biologhe marine Mariella Rasotto e Laura Airoldi spiegano come qualsiasi inquinante scaricato nel ciclo dell’acqua giunga inevitabilmente agli oceani. Lo spazio dedicato all’acqua si chiude con il tema dei Pfas e con i corvi “meccatronici” di Marta Cuscunà che danno vita a una visione distopica di un mondo dove i cambiamenti climatici sono già avvenuti.  Andri Snær Magnason, scrittore e attivista islandese, affronta il tema della difficoltà di prendere coscienza della crisi climatica e introduce il racconto finale di Marco Paolini che, citando l’esempio della Sagrada Familia di Gaudì, indaga sulla capacità di immaginare e progettare il futuro.

- Pubblicità -
Siamo la redazione di dituttounpop... Lo sappiamo, sembra un'entità indefinita, una cosa brutta, ma tranquilli è sempre un umano a scrivere questi articoli... o meglio più di uno di solito. Per questo usiamo questo account. Per sapere chi siamo c'è la pagina "Redazione" in fondo... facile vero? Ci trovate anche sui social. Ciao.