La Regina degli Scacchi, la nuova serie Netflix che punta sul riscatto e gli sguardi

la-regina-degli-scacchi
Cr. PHIL BRAY/NETFLIX © 2020

La Regina Degli Scacchi, la nuova serie Netflix tratta dal romanzo di Walter Tevis, scala la Top 10 italiana (e non solo) puntando tutto su una storia di riscatto e sugli sguardi.

C’è una serie che ha debuttato in sordina su Netflix lo scorso 23 ottobre, che piano piano e in punta di piedi ha trovato la sua strada verso la prima posizione nella top 10 italiana del servizio streaming, e non solo. Si tratta de “La Regina degli Scacchi” una miniserie composta da 7 episodi, tratta dall’omonimo romanzo di Walter Tevis del 1983.

La serie (The Queen’s Gambit in inglese) è stata scritta e diretta da Scott Frank, e prodotta con William Horberg e Allan Scott che è anche co-creatore, e probabilmente ha stupito il pubblico per i temi trattati, e per la storia di riscatto di una bambina cresciuta in un orfanotrofio, che diventerà una stella dei tornei di scacchi. Ecco un trailer in italiano:

La regina degli scacchi, la trama

Crescendo in un orfanotrofio del Kentucky verso la fine degli anni ’50, la giovane Beth Harmon (Anya Taylor-Joy) scopre di avere un talento incredibile per gli scacchi mentre sviluppa un problema di dipendenza dai tranquillanti che lo stato somministrava ai bambini come sedativi. Tormentata dai propri demoni e sospinta da una miscela di narcotici e ossessioni, Beth si trasforma in una figura eccentrica, estremamente abile e glamour, decisa a superare i confini tradizionali del mondo prettamente maschile delle gare di scacchi.

Abbiamo una newsletter sulle serie tv e arriva ogni sabato. Clicca qui per iscriverti, è gratis.

La Regina degli Scacchi – Il nostro voto

In questa miniserie Netflix riesce un po’ a recuperare parte di quella “reputazione” persa inseguendo storie che portano a fenomeni pop, tornando un po’ su tematiche socialmente rilevanti e a una scrittura scorrevole e attenta allo sviluppo creativo dei personaggi. Dimostrando, di fatto, che i fenomeni pop possono nascere rispettando certi standard qualitativi. Probabilmente la base di partenza del romanzo ha contribuito a creare una storia appassionante, che al di là dei temi, appassiona, ipnotizza, anche nelle scene che a primo impatto possono sembrare difficili e noiose: quelle delle partite a scacchi, ma che in realtà sono le più ipnotiche e interessanti della miniserie.

E’ il merito di ciò va ai protagonisti e al loro talento, in primis Isla Johnston che interpreta Elizabeth da bambina, che insieme a Bill Camp è protagonista delle scene migliori della serie: delle semplici partite a scacchi fatte di lunghi silenzi e molti sguardi. Poi si continua con Anya Taylo-Joy che da vita all’ambizione e alla voglia di riscatto di Elizabeth nell’età adolescenziale.

Quindi sì, The Queen’s Gambit è la serie perfetta per gli amanti delle storie di riscatto, di storie con un senso creativo, di storie autoconclusive che danno quel senso di soddisfazione una volta concluse, e da ricordare con piacere in futuro.

Voto 7.5

Il Cast

  • Anya Taylor-Joy: Elizabeth Harmon
  • Isla Johnston: Elizabeth Harmon da bambina
  • Bill Camp: Mr. Shaibel
  • Marielle Heller: Mrs. Alma Wheatley
  • Harry Melling: Harry Beltik
  • Thomas Brodie-Sangster: Benny Watts
  • Moses Ingram: Jolene

Se volete ci trovate anche su Telegram,
cliccando qui.