La Traviata su Rai 3 l’opera unisce cinema, teatro e tv con la regia di Mario Martone

la traviata
- Pubblicità -

La traviata venerdì 9 aprile su Rai 3

L’opera di Roma e Rai Cultura, dopo il precedente successo de Il Barbiere di Siviglia di Rossini, venerdì 9 aprile portano di nuovo l’opera in tv con la Traviata su Rai 3 alle 21:20 anche in streaming su RaiPlay. Il capolavoro di Giuseppe Verdi diventa un ibrido tra teatro/cinema/tv, un film opera “in forma mista tra teatro, cinema, televisione” come racconta Mario Martone regista dell’operazione.

Erano scommesse difficili considerando i tempi strettissimi di ripresa ma sono riuscito riuscito a realizzarle grazie al coinvolgimento straordinario di tutte le persone di Rai Cultura e della squadra operativa di Napoli. La loro passione ha fatto scavalcare ogni ostacolo, e non era affatto scontato. È stato un vero coinvolgimento artistico e professionale, che spero apra anche nuove prospettive per il futuro” ha commentato Mario Martone. La protagonista è Lisette Oropesa già in  “A riveder le stelle”, che ha inaugurato la stagione della Scala.

- Pubblicità -

La traviata di che parla

Per chi fosse digiuno di opera lirica, scopriamo insieme di che parla La traviata, un’opera in 3 atti di Giuseppe Verdi basata su La signora delle Camelie opera teatrale di Alexandre Dumas tratta dall’omonimo romanzo.

La protagonista è VIoletta Valery una giovane cortigiana parigina che ama il lusso, protetta dal barone Douphol che non le fa mai mancare nulla. Malata di tisi una sera durante una festa incontra Alfredo Germont che si è innamorato di lei, ma la ragazza non sa se cedere alle sue lusinghe o se vivere “sempre libera”. Violetta e Alfredo vivono sereni lontano da Parigi ma la donna deve vendere i suoi averi per onorare i debiti. Il padre di Alfredo la accusa di sperperare i beni di famiglia e la invita a lasciare il figlio. L’amore alla fine trionferà?

Il cast

  • Listette Oropesa (soprano) è Violetta Valery
  • Saimir Pirgu (tenore) è Alfredo
  • Roberto Frontali (baritono) è Giorgio Germont
  • Anastasia Boldyreva è Flora
  • Roberto Accurso è il barone Douphol

Ci sono poi molti artisti che arrivano dalla Young Artist Program dell’Opera di Roma: Angela Schisano (Annina), Arturo Espinosa (Marchese D’Obigny) e Rodrigo Ortiz (Gastone), mentre Andrii Ganchuk sarà il Dottor Grenvil, Michael Alfonsi (Giuseppe), Leo Paul Chiarot (un domestico) e Francesco Luccioni (un commissario).

Il Coro dell’Opera di Roma è diretto dal maestro Roberto Gabbiani, mentre il Corpo di Ballo, diretto da Eleonora Abbagnato, interpreta coreografie di Michela Lucenti.

Nel nuovo allestimento dell’opera di Verdi su libretto di Francesco Maria Piave, i costumi sono firmati da Anna Biagiotti, mentre Pasquale Mari cura la fotografia.

- Pubblicità -