Lili Marlene – La Guerra degli italiani su Focus il 10 e 11 giugno il docufim firmato Videonews

lili marlene

Lili Marlene – La Guerra degli Italiani Focus ricorda gli 80 anni dall’ingresso nella seconda guerra mondiale dell’Italia. Docufilm in onda il 10 e 11 giugno

Il 10 giugno del 1940 il dittatore Mussolini decide di far stare l’Italia dalla parte sbagliata della storia, di schierarsi dalla parte dell’altro dittatore spietato Hitler e affiancarlo nella seconda guerra Mondiale.

Focus (canale 35 del digitale) ricorda l’evento con un docufilm in prima visione assoluta in onda in due serate alle 21:15 il 10 e 11 giugno. 160 minuti intensi e dirompenti, di un prodotto originale firmato VideoNews, a cura di Pietro Suber, con Amedeo Osti Guerrazzi, storico del fascismo, collaboratore della Fondazione Museo della Shoah di Roma e Donatella Scuderi, autrice di soggetti e sceneggiature.

Storie poco conosciute, eventi drammatici, quelli di «Lili Marlene – La guerra degli italiani», composti in un racconto che parte dal basso, attraverso vicende straordinarie di cittadini comuni, e le testimonianze di figure autorevoli come Giorgio Napolitano, Eugenio Scalfari, Gianni Letta, Dacia Maraini, Renzo Arbore, Pippo Baudo, le Gemelle Kessler, Pupi Avati.

Lili Marlene – La guerra degli italiani

"Un'immagine indimenticabile" 🎞ll 10 e 11 giugno, in occasione degli 80 anni dell’entrata dell’Italia nella seconda guerra mondiale, #Focus trasmetterà in prima tv assoluta il documentario in due puntate "Lili Marlene – La guerra degli italiani" 📍

Publiée par Focus Canale 35 sur Jeudi 4 juin 2020

La sinossi ufficiale

La II guerra mondiale, vista dal basso, attraverso le storie straordinarie di cittadini comuni. Per comprendere la profondità delle sofferenze e l’intensità delle esperienze, è necessario raccontare le vite delle singole persone, per comunicarle a chi – come gran parte del pubblico di oggi – non ha vissuto oppure non conosce la tragedia della guerra e le sue conseguenze.

Per meglio capire cosa abbia rappresentato questa follia collettiva per il nostro Paese vengono ripercorsi quegli anni con il racconto di storie poco conosciute e le testimonianze, il più possibili dirette, di uomini e donne che hanno vissuto in prima persona, oppure attraverso i racconti dei parenti più vicini, quegli eventi.

Perchè il titolo Lili Marlene?

Lili Marlene era la canzone più popolare durante la II guerra mondiale. Nonostante fosse osteggiata dal regime nazista perché antimilitarista, ebbe un enorme successo tra gli eserciti delle opposte fazioni.

Ancora oggi è un canzone che evoca ricordi, sentimenti e passioni in chiunque abbia vissuto quel periodo. Dietrich l’ha cantata in tedesco, inglese e francese, in italiano e in russo. Ne esistono innumerevoli versioni, anche moderne, con vari interpreti tra cui Milva, Amanda Lear e i Matia Bazar.