Making The Cut arriva il talent show sulla moda di Amazon: dal 27 marzo con episodi settimanali (video)

making the cut

Making the Cut dal 27 marzo il talent della moda di Amazon con Heidi Klum e Tim Gunn. Chiara Ferragni, Nicole Richie e Naomi Campbell tra i giudici. Trailer

Amazon Prime Video presenta Making The Cut il talent della moda con Heidi Klum e Tim Gunn strappati al famosissimo Project Runaway. 10 episodi suddivisi in 5 settimane con due episodi a settimana a partire dal prossimo 27 marzo.

Cos’è Making the Cut?

Making The Cut è un nuovo talent della moda che vede in gara 12 talentuosi imprenditori e designer del mondo della moda, provenienti da tutto il mondo, per portare i loro promettenti brand allo step successivo: diventare un fenomeno globale. I look che verranno mostrati durante Making the Cut saranno acquistabili su Amazon e il vincitore della competizione riceverà un milione di dollari da investire nel proprio marchio.

A giudicare i loro look e le loro abilità imprenditoriali saranno alcuni tra i nomi più influenti del mondo della moda tra cui Naomi Campbell, Nicole Richie, Joseph Altuzarra, Carine Roitfeld e Chiara Ferragni. Produttori esecutivi della serie sono Sara Rea, Page Feldman, Heidi Klum, Tim Gunn e Jennifer Love, la serie è diretta da Ramy Romany ed è prodotta da Amazon Studios e SKR Productions.

I 12 stilisti in gara

Sander Bos, 24, Hasselt, Belgium: Con i suoi look avanguardistici, Bos è un giovane stilista che gestisce una linea di abbigliamento sua omonima. Cresciuto in una piccola città del Belgio si è diplomato alla i Royal Academy of Fine Arts di Anversa ed è motivato a lasciare un segno a livello globale.

 

Rinat Brodach, 35, New York City: Brodach è sempre stata una fan della moda fin dall’infanzia in Israele per spostarsi poi negli Stati Uniti per studiare design. Lo stile della sua linea è permeato da un’estetica minimalista e gender-free e rispecchia la sua personalità schietta. Recentemente ha vestito l’attore Billy Porter in occasione dei Critics’ Choice Awards e alcune delle sue creazioni sono state indossate anche da Laverne Cox e Adam Lambert.

Ji Won Choi, 26, New York City: Laureata alla Parson è una stilista di streetwear di alto livello che vende con il suo brand omonimo. Ha collaborato con Adidas per capi che sono stati indossati anche da Beyoncé e Kendall Jenner. Nata a Seoul in Corea del Sud e cresciuta in Oklahoma, ha studiato a New York e Parigi, il suo lavoro è il riflesso di come Choi vede se stessa nel mondo.

 

Jasmine Chong, 31, New York City: Nata e cresciuta a Kuala Lumpur in Malaysia, Chong è la proprietaria di una linea di abbigliamento femminile sua omonima che ha sfilato in occasione della NYFW e che è comparsa in numerose riviste di moda. Ispirata da sua nonna sarta e da sua madre stilista, punta a disegnare capi che vestano bene tutti i tipi di corporature.

Jonny Cota, 35, Los Angeles, CA: Autodidatta proprietario del marchio di streetwear di alto livello Skingraft, Cota produce due linee maschili e femminili ready-to-wear all’anno ed ha sfilato 5 volte alla New York Fashion Week. Inoltre, ha vestito numerose celebrity tra cui Nicki Minaj e Beyoncé.
Martha Gottwald, 28, Richmond, VA: Originaria della Louisiana e madre di due bambini è la proprietaria del marchio di abbigliamento femminile Neubyrne comparso su British Vogue e mostrato alla NYFW. Proprio rispecchiando la sua creatrice, Neubyrne è colorato ed eccentrico. Sopravvissuta a un incidente quasi fatale l’episodio le ha conferito forza e capacità di resistenza, è una designer abbastanza nuova che è stata ispirata da artigiani che ha incontrato a Singapore.
Troy Hul Arnold, 34, New York City: Professore aggiunto alla Parsons, Hul Arnold è nato a Trinidad e Tobago prima di trasferirsi negli Stati Uniti quando era bambino. Il suo brand, Hul Arnold, presenta capi da donna minimalisti, avanguardistici e ispirati ai tagli maschili. Una delle sue creazioni è stata indossata da Sarah Jessica Parker in Glee. Hul Arnold ha un approccio artigianale alla moda e si riferisce alle sue creazioni come a sculture funzionali.

Joshua Hupper, 38, Shanghai, Cina: Fondatore di BABYGHOST, fortunato marchio online di moda basato in Cina, i disegni di Hupper sono stati pubblicati su Vogue e sono stati mostrati sulle passerelle di tutto il mondo. La sua linea di moda ready-to-wear è giovanile e femminile e pensata per le “ragazze birichine”. Originario di Columbus in Ohio, i talenti di Hupper si sono delineati grazie alla sua educazione artistica e ai suoi stage con Diane Von Furstenburg e Thakoon.

 

Esther Perbandt, 43, Berlino, Germania: Fondatrice del marchio omonimo Esther Perbandt è nata e cresciuta a Berlin, si è poi spostata a Mosca per finire a Parigi. Proprietaria della sua linea dai capi ispirati agli spezzati maschili, la Perbandt ha creato più di 30 collezioni in 15 anni di storia del suo brand e da 10 anni gestisce la sua boutique di Berlino. In qualità di artista ha anche collaborato su numerosi progetti musicali, cinematografici e teatrali.

Will Riddle, 31, New York City: Le abilità stilistiche di Riddle contraddistinte da un’abilità di rivedere in chiave moderna il glamour del passato gli sono valsi ruoli di rilievo, come Atelier Director presso Oscar de la Renta, 3.1 Philip Lim, e ora stilista della linea maschile presso Kith – lontano anni luce dalla sua infanzia in un campo caravan in Ohio. Con un impressionante curriculum all’attivo, Riddle è pronto a lanciare il suo brand.
Sabato Russo, 64, Milano, Italia: Esperto stilista con 25 anni di carriera all’attivo, Russo è il proprietario del brand Satorial Monk, che punta su una semplicità di alto livello. Ex modello in grado di parlare quattro lingue, Russo ha una visione globale che si rivede nei suoi look sofisticati e senza tempo. Attualmente sta lavorando sulla sua linea “Made In Italy” dal nome Sabato Russo.
 
Megan Smith, 38, Los Angeles, CA: Nata e cresciuta a Kansas City, Smith ha scoperto il suo amore per la moda per la prima volta creando abiti per le sue Barbie. Dopo aver fatto la stilista per numerosi marchi privati Smith ha lanciato la sua linea personale chiamata “Megan Renee.” La risposta dopo la sua prima sfilata alla Los Angeles Fashion Week è stata ottima e ha lanciato anche una boutique online per vendere le sue creazioni a clienti in tutto il mondo. La sua linea presenta capi femminili e ispirati ai cocktail look degli anni ‘70.