Dituttounpop > Cinema > Mean Girls 2024: recensione del remake musical del cult anni 2000 ora in home video

Mean Girls 2024: recensione del remake musical del cult anni 2000 ora in home video

Mean Girls 2024

In occasione del 20° anniversario, il teen movie cult degli anni 2000 Mean Girls con Lindsay Lohan e Rachel McAdams torna per la prima volta in 4K Ultra HD in una speciale edizione Steelbook. Ma soprattutto, anche Mean Girls 2024 il remake basato sullo spettacolo teatrale ispirato alla pellicola originale del 2004 arriva in edizione home video con imperdibili contenuti extra.

Il film era uscito a Gennaio nella quasi disinformazione più totale da parte di Paramount Pictures, che aveva puntato a una campagna solamente social ed estremamente ridotta anche in quel frangente, e una programmazione in sala “criminale” ad orari davvero improponibili. Ne abbiamo approfittato per recuperare il remake e dirvi se merita vederlo. Scopritelo nella nostra recensione senza spoiler. La pellicola, lo ricordiamo, arriverà il 9 Luglio anche su Paramount+.

Mean Girls 2024: la trama

La nuova studentessa Cady Heron viene accolta al vertice della catena alimentare sociale dal gruppo elitario di ragazze popolari chiamato “le Barbie”, governato dalla subdola ape regina Regina George. Quando Cady compie il grave passo falso di innamorarsi dell’ex fidanzato di Regina, Aaron Samuels, si ritrova preda dell’ira dell’ape Regina. Mentre Cady cerca di sconfiggere la temibile leader del gruppo delle Barbie con l’aiuto dei suoi amici emarginati Janis e Damian, deve imparare a rimanere fedele a se stessa mentre naviga nella giungla più spietata di tutte: il liceo.

Mean Girls 2024: ma n’era meglio il film cult del 2004?

Mean Girls 2024 ricalca in tutto e per tutto – quasi scena per scena – il film del 2004. La scrittura brillante di Tina Fey (nuovamente anche interprete) si fa ancora sentire e propone qualche leggera variazione sul tema, riguardante l’uso nei social non presenti così massivamente all’epoca. Però appare poca cosa nel quadro generale e soprattutto appare strano che Fey non abbia saputo sfruttarlo molto di più.

Il nuovo cast sembra ricalcare anche a livello di costumi e acconciature quello storico ma l’impatto non è lo stesso. Angourie Rice e Reneé Rapp sono brave ma nulla a che vedere con l’iconicità che lanciò Lindsay Lohan (nonostante il cameo di quest’ultima nel nuovo film) e Rachel McAdams. O ancora Bebe Wood al posto di Amanda Seyfried o Avantika al posto di Lacey Chabert, e così via.

Non basta nemmeno la continuità di casting di Tina Fey e Tim Meadows negli stessi ruoli (anche se ora sono sposati) della precedente pellicola. E nemmeno la strizzata d’occhio alla generazione precedente con Jenna Fischer (ex Pam di The Office) nei panni della madre di Cady e Busy Philipps (ex Audrey di Dawson’s Creek) in quelli biondissimi della madre di Regina (ruolo che fu dell’amica e partner in crime di Fey, Amy Poehler).

La parte musicale è, un po’ come le interpretazioni del film, senza infamia e senza lode, con buoni numeri anche abbastanza orecchiabili ma già dimenticati a fine visione. Si vede che tutto nasce a teatro, nella mecca di Broadway, ma allo stesso tempo ci si chiede perché non c’è stato un aggiustamento nel passaggio di medium dal teatro al cinema. Come se lo si sia semplicemente spostato, senza trasporlo e adattarlo per l’occasione.

Il “vecchio” Mean Girls, se rivisto oggi, risulta incredibilmente attuale e per niente invecchiato, quindi ci chiediamo perché le nuove generazioni dovrebbero precipitarsi a vedere questo nuovo adattamento (per giunta musical, genere non molto amato in Italia rispetto alla tradizione che ha negli Usa) piuttosto che recuperare il vero e unico cult del 2004.

Mean Girls 2024: l’edizione home video

Le edizioni Blu-ray e 4K UHD + Blu-ray contengono i seguenti extra e contenuti bonus:

  • Una nuova era di Mean Girls – Tina Fey, il cast e la troupe parlano di una nuova versione della storia di Mean Girls e di come le vicende del liceo North Shore si sarebbero svolte nell’era dei social media.
  • Dietro le quinte: “Song and Dance” – Uno sguardo dietro le quinte su come i grandi numeri musicali di Mean Girls 2024 hanno preso vita. I registi, i coreografi e il cast ci raccontano come hanno preparato e reimmaginato il film classico con elementi musicali.
  • Le nuove Barbie – I membri del nuovo cast si immergono nei ricordi di quando hanno visto il film originale, i loro momenti/battute preferiti, con quale personaggio si sono identificati e cosa ha significato fare parte del cast del musical.
  • Scena estesa & Gag Reel – Alcuni dei momenti migliori avvengono dietro le quinte!
  • Not my fault – Video Musicale con Reneé Rapp e Megan Thee Stallion
  • Canta le canzoni di Mean Girls (solo in lingua inglese)

L’edizione DVD include i seguenti contenuti extra: Le nuove Barbie – Gag Reel – Not my fault.

Mean Girls 2024: il trailer

Mean Girls 2024: il cast

Angourie Rice è Cady Heron
Reneé Rapp è Regina George
Auliʻi Cravalho è Janis ʻImiʻike
Jaquel Spivey è Damian Hubbard
Avantika è Karen Shetty
Bebe Wood è Gretchen Wieners
Christopher Briney è Aaron Samuels
Jenna Fischer è Ms. Heron
Busy Philipps è Mrs. George
Tina Fey è Ms. Norbury
Tim Meadows è Mr. Duvall

La recensione

Per quanto la scrittura di Tina Fey sia sempre sagace e si sappia distinguere, guardando questo remake datato 2024 e sapendo che il film di vent’anni prima è invecchiato benissimo, viene da chiedersi perché le nuove generazioni dovrebbero approcciarsi a questo remake (per giunta musical, un genere non amato da molti a parte negli Usa) piuttosto che recuperare il film originale.

Voto:

5/10
5/10