Mollami la commedia Youn Adult di Sky Cinema da Alice nella Città alla Tv

Mollami
by Giuseppe Di Viesto

Mollami la commedia di Sky Cinema e IIF presentato ad Alice nella Città alla festa del cinema di Roma. In tv il 24 novembre su Sky Cinema

Nella cornice di Alice nella Città è stato presentato Mollami, un road movie young adult produzione originale Sky dalle venature fantasy che arriverà in prima TV domenica 24 novembre alle 21.15 su Sky Cinema Uno, disponibile anche on demand su Sky e NOW TV.


Mollami è una commedia Sky Original e Italian International Film, società controllata da Lucisano Media Group, prodotta da Fulvio e Federica Lucisano. Alla regia Matteo Gentiloni, che esordisce dietro la macchina da presa di un lungometraggio e firma la sceneggiatura con Andrea AgnelloDaniela Gambaro e Federico Fava. Oltre al regista, anche la protagonista Martina Gatti è al suo primo film e sarà accompagnata da Alessandro Sperduti. Nel cast anche Maria Chiara GiannettaCaterina Guzzanti Gian Marco Tognazzi, oltre a Neri Marcorè che presta la voce a Renato.

 

Mollami la trama

Valentina ha 17 anni, molti problemi, tanti casini e un senso di colpa unico. Unico perché, da quando il fratellino è morto tuffandosi da una scogliera per una sfida con lei, si trova a convivere con Renato, un enorme pupazzo “morbidoso” che solo lei può vedere. Per farlo sparire e stare tranquilla almeno un attimo, si droga con la PCP, un oppiaceo derivato dalla morfina.

Ma forse stavolta ha oltrepassato il limite: ha infatti diffuso intenzionalmente un proprio video hard che è diventato immediatamente virale, troppo virale. Per questo il padre, prestigioso avvocato della capitale, decide di mandarla per il resto dell’anno scolastico in un collegio austriaco per punirla e per allontanarla in un momento così “imbarazzante”.

Valentina e il padre hanno da sempre un rapporto difficile: non l’accompagnerà nemmeno al collegio, ma incarica un suo praticante di farlo. Si tratta di Antonio, lo schiavo dell’ufficio, uno sfigato che sopporta le umiliazioni del padre di Valentina nella vaga e vana speranza di una promozione. Così inizia il viaggio in auto dei nostri due protagonisti, o meglio tre, Valentina e Antonio non saranno soli, saranno accompagnati nel loro viaggio da un terzo incomodo tanto indesiderato quanto ingombrante, l’esuberante e peloso Renato, unica vera costante nella vita di Valentina. Ciò che la ragazza però ancora non sa è che Antonio non la sta portando in collegio, ma in un centro di riabilitazione. Di sicuro quando lo scoprirà per Antonio non sarà facile contenerla.

by Giuseppe Di Viesto

Cast e Personaggi

Valentina (Martina Gatti), 17 anni, viene spedita in un rehab in Austria, dopo che un sex tape che la vede protagonista, diventa vi­rale. In realtà suo padre, il rigido av­vocato Cordiale, non ne può più dei comportamenti di Valentina e ha in­caricato uno dei suoi giovani prati­canti, Antonio, di accompagnarla in macchina da Roma, fingendo che si tratti di un trasferimento in collegio. Il vero motivo invece è che Valentina fa uso quotidiano di PCP, una dro­ga sintetica, per cercare di dimenti­care un trauma della sua infanzia e soprattutto di mandare via Renato, il pupazzo blu peloso di due metri che vive nella sua testa.

Antonio (Alessandro Sperduti), 28 anni, è un praticante av­vocato sottopagato e sfruttato da Cordiale. Sul lavoro cerca di farsi af­fidare un incarico importante e l’oc­casione per consolidarsi agli occhi del capo è quella di accompagnare la figlia ribelle in un centro per disin­tossicarsi in Austria. Ma la missione si rivela più complessa del previsto: Valentina riesce a scappare costan­temente dal suo controllo. Nel viag­gio Antonio dovrà fare i conti con la sua integrità e mettere in discussione per la prima volta in vita sua che tipo di uomo vuole diventare.

Renato (la voce è di Neri Marcorè) è un pupazzo blu di due metri che vive nella testa di Valentina prati­camente da sempre. Solo lei può ve­derlo. È cinico, cattivo, piuttosto sboccato nel linguaggio, è iper­trofico, ha sempre voglia di mangiare, di toccare Valentina e darle fastidio in generale. Non manca mai di ricor­dare a Valentina che è colpa sua se suo fratello sia morto mentre stava­no giocando insieme da piccoli. Qualunque tentativo di Valentina di uccidere Renato negli anni si è rive­lato un buco nell’acqua. Ma forse questa è l’ultima avventura per get­tarselo definitivamente alle spalle.

Cordiale (Gianmarco Tognazzi), il papà di Valentina, è un importante avvocato romano che gestisce un grande studio legale. Quando scopre che un sex tape del­la figlia è diventato virale, decide di spedirla a sua insaputa in un rehab per disintossicarla dal PCP, una dro­ga sintetica. All’apparenza, sembra essere un uomo troppo cinico e oc­cupato per occuparsi degli altri, ma in realtà nasconde la sua umanità.

Elena (Maria Chiara Giannetta) è la storica fidanzata di An­tonio. Come lui, lavora come prati­cante nello studio legale di Cordiale, ma sembra essere preferita rispetto ad Antonio.

Elisabetta (Caterina Guzzanti) è la mamma di Valentina. Ha abbandonato la famiglia dopo la tragedia del figlio e non ha più cerca­to di contattare la figlia e l’ex marito. Ha cercato di rifarsi una vita il più normale possibile in un paesino del­la Puglia. Sta con un altro uomo e fa la parrucchiera. Nasconde una fragi­lità psicologica e affettiva forse insor­montabile.

Come nasce Renato?

Per la realizzazione del personaggio Renato del film Mollami tutto il team di Makinarium ha dovuto accettare una sfida veramente grande: far recitare un personaggio “pupazzone” per un intero film. Un’operazione molto delicata ma anche infinitamente grande nel suo impatto poetico. Si è dovuto creare un vero e proprio sistema di controllo dell’animazione facciale della creatura. Nato dalle ricerche della Factory Makinarium, il sistema di controllo è stato prototipato appositamente per il film. A stretto contatto con la visione del regista e con tutte le necessità di recitazione che il film comportava, dopo aver eseguito il design del nostro personaggio, ci si è subito messi all’opera affinché dentro un costume così volumetrico oltre a due attori mimo si potessero muovere delle meccaniche invisibili. Un animatronico che, grazie a sistemi di simulazione dell’espressione mimica nati in CGI, mediante il sistema di controllo MAKS ha permesso ai due nostri puppeters di sincronizzare le battute in scena. Per metà uomo e per metà robot, il nostro protagonista è stato interamente disegnato, scolpito, formato, costruito in ogni suo motore, in ogni sua meccanica ed ogni controllo fino alla programmazione a distanza per vivere fisicamente e realmente sul set come un attore vero. Siamo orgogliosi di aver introdotto una nuova opportunità per il cinema italiano affinché i personaggi di fantasia possano realmente interagire sul set come attori con gli attori e anche rivendicare i propri diritti