Mr. Corman su Apple Tv+ la serie tv nella mente di Joseph Gordon-Levitt

Mr Corman
Foto Apple/A24
- Pubblicità -

Mr. Corman la serie tv su Apple Tv+ da oggi venerdì 6 agosto di e con Joseph Gordon-Levitt

Mr. Corman è il titolo della serie tv in 10 episodi disponibile a partire da oggi su Apple Tv+, venerdì 6 agosto, con il classico rilascio settimanale degli episodi. Protagonista, autore e regista di diversi episodi della serie è Joseph Gordon-Levitt attore dalla lunga carriera a partire da quando undicenne era in Beethoven passando per 131 episodi di Una Famiglia del Terzo Tipo, il film 500 giorni insieme che lo ha consacrato insieme a Zooey Deschanel, fino al Processo ai Chicago 7 su Netflix.

L’appuntamento è dal 6 agosto ogni venerdì in streaming su Apple Tv+ con Mr. Corman, l’abbonamento alla piattaforma ha un costo di 4.99 € al mese (dopo 7 giorni di prova), l’app è disponibile sui device Apple, diverse Smart Tv, Fire Stick tv e su tutti i browser.

- Pubblicità -

Mr. Corman la trama della serie Apple

Di cosa parla Mr. Corman? probabilmente la trama della serie non è d’aiuto per capire se possa essere o meno una serie tv di nostro interesse. Al centro c’è la storia di Josh Corman un uomo che avrebbe potuto fare il musicista ma è insegnante in una scuola pubblica per ragazzi tra i 10 e gli 11 anni (la fifth grade per il sistema scolastico americano).

Nonostante apparentemente non dovrebbe avere alcun problema, Josh inizia a sentire il peso di insoddisfazioni, insicurezze e precarietà della vita e la ricerca della via d’uscita non appare poi così semplice.

I nostri commenti

Mr. Corman è un dramedy d’autore, intellettuale, costruito sulla parola più che sull’azione, pensato da Joseph Gordon-Levitt a sua immagine e somiglianza. La serie è una finestra aperta su un lato della mente di Gordon-Levitt, uno sguardo su come sarebbe potuta essere la sua vita se a quel bivio di tanti anni fa avesse preso una strada diversa. Una situazione che esplode in modo esplicito nel bellissimo episodio Many Words, il settimo, fulgido esempio di come non sia una serie per tutti ma che si rivolge a una nicchia ben precisa (e che forse mancava su Apple).

La serie chiede allo spettatore pazienza e fiducia, perchè c’è bisogno di tempo per trovare l’anima di Mr. Corman, per entrare in sintonia con una storia e un personaggio che sembra respingerci, lasciarci sull’uscio della sua vita. Fiducia perchè forse i primi episodi sono proprio i più ostici e ostili allo spettatore. Eppure, pur sentendosi un Donald Glover di Atlanta che non può essere un rapper nero dei sobborghi, Mr. Corman trova una sua strada soprattutto grazie agli ultimi episodi, in cui il Covid non fa altro che amplificare le ansie di Josh. Gordon-Levitt pesca a piene mani dal mondo di 500 giorni insieme il film simbolo della sua filmografia da cui in passato a cercato di staccarsi, ma a cui è finito per tornare anche se declinando alcune formule (canzoni, cartoni su tutti) in chiave depressiva. Mr. Corman incarna l’insofferenza verso il mondo dell’intellettuale moderno, incapace di trovare il proprio spazio nella vacuità dell’esistenza. Voto 7.5 Riccardo Cristilli

Mr Corman
Foto Apple/A24

Mr Corman è creata, diretta e interpretata da Joseph Gordon-Levitt e si inserisce nell’insieme di prodotti seriali creati da attori che volevano cimentarsi anche dall’altra parte della barricata perché avevano qualcosa da dire, da esprimere creativamente. E non è sempre facile in questi casi trovare e mostrare una propria identità. Mr Corman non fa eccezione e, se ricorda in parte l’esperimento di Jason Segel con Dispatches from Elsewhere, è molto più “autobiografica” e legata all’attualità. Vuole raccontare il sentirsi inadatti e fuori posto nel mondo di oggi, soprattutto per un personaggio come il suo Josh Corman – anche per questo respingente – che si sente migliore degli altri. Il “male di vivere” del 21° secolo raccontato e mostrato allo spettatore attraverso momenti drama, momenti comedy, momenti onirici, momenti musical e addirittura cartoon. Un mix di espedienti e strumenti per far propria la narrazione, non riuscendoci sempre pienamente, come spesso capita in questi casi. Voto 7,5 Federico Vascotto

Il cast

  • Joseph Gordon-Levitt è Josh Corman
  • Arturo Castro è Victor
  • Logic è Dax
  • Debra Winger è Ruth Corman, la mamma di Josh
  • Juno Temple è Megan, l’ex di Josh
  • Jamie Chung è Emily
  • Hugo Weaving è Artie, il padre di Josh
  • Shannon Woodward è Elizabeth Corman, la sorella
- Pubblicità -