Napoli, l’aldilà di tutto su Rai 3 il docufilm di Guarlieto Peirce con Lello Arena

Napoli l'aldilà di tutto
Photo by Zsolt Cserna on Unsplash
- Pubblicità -

Napoli, l’aldilà di tutto su Rai 3 in seconda serata lunedì 28 marzo un docufilm per raccontare la città

Napoli, l’aldilà di tutto è il titolo del docufilm in onda stasera lunedì 28 marzo 2022 su Rai 3 in seconda serata alle 23:15 circa subito dopo Presa Diretta, disponibile anche su Rai Play in streaming. Diretto da Gualtiero Peirce il docufilm vede nel cast tra gli altri Antonia Truppo, Lello Arena e Suami Puglia.

Il racconto di una città unica attraverso i suoi lati più segreti, un modo popolato da spiriti e fantasmi, spesso ignorati e sconosciuti, ma che sussurrano pensieri sereni e accoglienti a chi è disposto ad ascoltarli. Partendo da alcune frasi di un romanzo di Erri De Luca, Napoli, l’aldilà di tutto, ci porta in un viaggio fantastico e autentico, in cui una bambina e la sua mamma, profondamente segnate da un lutto recente, attraverseranno la magia e i sentimenti di un aldilà che solo a Napoli è ancora tangibile e presente.

Gli elementi del docufilm

Napoli, l’aldilà di tutto parte dalla  magia del Cimitero delle Fontanelle, allo sconosciuto Cimitero delle 366 Fosse: un’architettura illuminista unica al mondo, con una fossa per ogni giorno dell’anno, compresi i bisestili, dove poter seppellire con dignità i morti senza nome. Ci porta poi ai  resti della Chiesa di Santa Luciella, dove è custodito l’unico cranio con “le orecchie”, all’insuperabile ipogeo della Chiesa del Purgatorio ad Arco, che accoglie da secoli il culto delle anime degli ultimi, le anime pezzentelle.

Tra realtà e fantasia, tra emozioni e scoperta, il linguaggio della docufilm mixa finzione e verità raccontando gli aspetti più unici di Napoli. Lo sguardo istintivo e sorridente della bambina trascina le inquietudini della mamma attraverso questi luoghi monumentali popolati da riti e personaggi misteriosi, ma sempre colmi di umanità: una solidarietà che le accompagna costantemente. Finché la paura lascia presto spazio alla dolcezza e la vita fa pace con la morte.

- Pubblicità -