Naruto: Shippuden, i nuovi episodi da stasera 26 maggio 2021 su Italia 2

naruto
- Pubblicità -

Naruto: Shippuden, le nuova puntate inedite in onda mercoledì 26 maggio 2021 alle 21:10 su Italia 2.

Finite le puntate inedite di My Hero Academia, Italia 2 da mercoledì 26 maggio 2021 userà le nuove puntate della nona stagione di Naruto: Shippuden, per riempire le serate degli appassionati. L’appuntamento con la nuova stagione è per le 21:10 circa su Italia 2 (canale 66 del digitale terrestre) con ben 5 puntate a settimana.

Mediaset Italia 2 trasmetterà gli episodi che vanno dal 569 al 613, in versione originale, doppiati in italiano e senza censure. Naruto è una serie manga giapponese scritta e illustrata da Masashi Kishimoto, basata su due manga one-shot di Kishimoto: Karakuri (1995).

- Pubblicità -

Naruto Shippuden: dove eravamo rimasti e cosa ci aspetta

La nuova stagione riprende il flashback del passato di Kakashi, con cui terminava la precedente. Tornato al Villaggio della Foglia, Kakashi fatica a superare la morte di Obito e Rin, con continui incubi in particolare sull’amica. Il terzo Hokage decide di dimettersi in favore di Minato, che chiede a Kakashi di unirsi alla squadra speciale Anbu, mentre Orochimaru e Danzo tramano per ottenere il potere.

Kushina, la moglie di Minato, scopre di aspettare un bambino; la notte del parto, Madara scatena la Volpe a Nove Code, e per proteggere il piccolo Naruto, Kushina e Minato perdono la vita. Hiruzen si offre di riprendere il ruolo di Hokage, e Kakashi si imbatte in un ragazzino in grado di usare l’arte del legno, che si pensava ormai perduta dopo la morte di Hashirama, il primo Hokage nonché fondatore di Konoha. Si tratta di Kinoe, unico sopravvissuto agli esperimenti di trapianto delle cellule di Hashirama effettuati in passato da Orochimaru. Inizialmente agli ordini di Danzo, Kinoe diventerà infine amico e compagno di squadra di Kakashi con il nome di Yamato.

Pochi anni dopo, alla squadra Anbu si unisce anche Itachi, giovanissimo membro del Clan Uchiha e fratello maggiore di Sasuke; in seguito allo sterminio del clan colpevole di aver progettato un colpo di stato, Itachi fugge da Konoha per unirsi all’Organizzazione Alba. Hiruzen solleva Kakashi dal suo ruolo di Anbu e lo nomina maestro Jonin. Dopo aver bocciato un paio di squadre, Kakashi si trova di fronte Naruto, Sakura e Sasuke, e colpito dai tre ragazzini diventerà il loro maestro.

Dall’episodio 582 riprende la grande guerra ninja: Naruto cerca invano di attaccare Madara, mentre Kakashi si scontra con Obito, il quale lo incolpa della morte di Rin. L’Ottacoda e la Volpe tentano di distruggere la Statua Diabolica, ma inutilmente: il risveglio del Decacoda è ormai prossimo, e a nulla serviranno gli attacchi dei Cercoteri e dell’Esercito Alleato dei Ninja, coordinato da Shikaku e Inoichi, rimasti al quartier generale. Molti ninja perdono la vita in questo frangente, tra cui anche Neji, cugino di Hinata e amico di Naruto, e gli stessi Shikaku e Inoichi.

Nel frattempo, Orochimaru, Jugo, Sasuke e Suigetsu arrivano nel covo segreto degli Uchiha: grazie alla Tecnica della Resurrezione, il ninja leggendario riesce a riportare in vita i quattro precedenti Hokage. Hashirama Senju, il primo Hokage, racconta la storia del Villaggio della Foglia, a partire dal suo primo incontro con Madara Uchiha. Appartenenti a due clan rivali, i due ragazzini erano ben presto diventati amici, sebbene ognuno fosse all’oscuro del clan di provenienza dell’altro, e avevano iniziato a sognare di poter un giorno porre fine a tutte le guerre tra ninja e di fondare un villaggio dove regnasse la pace. A causa di una trappola ordita dai rispettivi padri ai danni dell’altro, i due si erano poi ritrovati a doversi scontrare sul campo di battaglia, portando avanti l’antica guerra tra i loro clan.

Dopo anni, Madara viene infine sconfitto, ma Hashirama si rifiuta di ucciderlo e gli chiede nuovamente di porre fine alla guerra. Il giovane accetta e comincia così la costruzione di Konoha. Seguono anni di pace e prosperità, finché Madara non abbandona il villaggio con lo scòpo di realizzare ciò che lui chiama il suo “vero sogno”. Al termine del racconto, Sasuke decide di partecipare alla grande guerra, e corre verso il campo di battaglia con Jugo, mentre Orochimaru e Suigetsu, raggiunti da Karin, si occupano di rimettere in forze i cinque Kage.

Nel frattempo, lo scontro tra l’Esercito Alleato e Madara e Obito continua. Gli Alleati vengono raggiunti dai quattro Hokage, e Hashirama è pronto a riprendere l’antica battaglia contro il suo vecchio amico. Il Decacoda muta forma più volte, e infine Obito ne diventa la Forza Portante. Messo alle strette dagli attacchi di Naruto, Sasuke, Minato e Tobirama, Obito decide di anticipare l’attivazione dello Tsukuyomi Infinito ed evoca l’Albero Divino, l’antico albero da cui ha avuto origine il chakra di tutti i ninja. Quando il bocciolo dell’albero è pronto a schiudersi, Naruto e gli altri ninja riescono a strappare i nove Cercoteri dal corpo di Obito, liberandoli;

Il giovane ninja ottiene così l’accesso alla mente e ai ricordi di Obito, che rievoca alcuni momenti della sua infanzia. Obito è stato ormai sconfitto, e Kakashi appare per dargli il colpo di grazia, ma viene fermato da Minato che gli ricorda il legame che un tempo li univa. Intanto Gaara, un tempo Forza Portante del Tasso Monocoda, chiede a quest’ultimo di aiutarlo a sigillare Madara, e ripercorre il suo passato di solitudine, così simile a quello di Naruto.

Obito si pente delle azioni commesse, e per fare ammenda si prepara a usare una tecnica che avrebbe resuscitato gli shinobi caduti, ma viene bloccato da Zetsu Nero, che lo obbliga a riportare in vita Madara; quest’ultimo assorbe il chakra eremitico di Hashirama e, grazie al Rinnegan portatogli da Zetsu Bianco, evoca nuovamente la Statua Diabolica e vi trascina tutti e nove i Cercoteri. Gaara raccoglie Naruto in fin di vita e lo porta lontano dalla battaglia, mentre Hashirama supplica Sasuke di fermare Madara con una tecnica capace di bloccare il chakra eremitico che il vecchio Uchiha ha assorbito da lui. Sasuke attacca il suo antenato, ma viene immobilizzato e trafitto. Gaara chiede a Sakura di salvare Naruto, ma lei e Karin si rendono conto che sia Naruto sia Sasuke sono ormai prossimi alla morte.

- Pubblicità -