Peacock debutta il 15 luglio negli USA, ecco qualche dettaglio sui progetti del servizio streaming

Peacock

Peacock vicino al lancio negli USA, ecco qualche dettaglio sulla strategia, sui contenuti originali. Co-produzioni con Sky in arrivo?

In vista del lancio negli Stati Uniti, previsto per il prossimo 15 luglio, i vertici di Peacock, il servizio streaming di casa Comcast/Universal, hanno fatto un giro di interviste per raccontare cosa ci sarà nel servizio, e soprattutto la strategia che verrà utilizzata per gli originali, tra le altre cose.

Intanto il servizio si sta preparando al lancio di The Office, che arriverà sulla piattaforma a partire da gennaio 2021. La situazione è chiara, un reboot di The Office è fuori discussione, al momento almeno. “La serie arriverà a gennaio e non abbiamo parlato di eventuali reboot per Peacock; però stiamo discutendo su cosa possiamo fare per supportarne il lancio…” ha rivelato Bill McGoldrick, Presidente dei contenuti originali di NBC Universal e dei servizi streaming.

Ci sarà una sorta di speciale reunion sulla falsa riga di quello che HBO Max sta preparando per il lancio di Friends? “abbiamo discusso di idee simili, internamente e con Greg Daniels. Ma non abbiamo ancora deciso nulla.

In arrivo altri film di Psych?

Psych, uno dei titoli più popolari di casa Universal, con la serie andata in onda su Usa Network, probabilmente continuerà con ulteriori film rilasciati direttamente da Peacock. Il secondo film “Psych 2: Lassie Come Home” sarà già disponibile al lancio (insieme all’intera serie originale), e potrebbero arrivarne altri. “Monitoreremo il successo di questo film sulla piattaforma… saremo in costante contatto con quel gruppo e siamo aperti a discutere di eventuali sequel.” Ha dichiarato a Deadline, Bill McGoldrick, il Presidente dei contenuti originali dei canali NBC Universal e dello streaming.

Peacock in trattative con Dick Wolf per nuove serie tv.

Il servizio avrà già gli episodi passati e futuri del franchise Chicago e di Law & Order, ma sembra non basti. Il mega produttore Dick Wolf, creatore di questi universi, qualche mese fa ha firmato un accordo di produzione con la casa madre, e anche se è scontato dirlo, anche Peacock ne beneficerà. “Vogliamo certamente fare qualcosa con Dick Wolf, ma al momento non abbiamo deciso nulla.”. Secondo Deadline ci sono già due serie sul tavolo: Law & Order: Hate Crimes, che fu ordinata da NBC nel 2018, per poi tornare su suoi passi e ritirare l’ordine, probabilmente dovuto al fatto che l’argomento trattato richiede più un tono da streaming o da canale via cavo, piuttosto che quello di un canale in chiaro.

L’altro progetto invece sarebbe il reboot di New York Undercover, che lo scorso anno era stato prodotto a ABC, che poi non ha ordinato il pilot a serie durante gli Upfronts di maggio. Si tratta di indiscrezioni, non confermate da Peacock, quindi non resta che attendere ulteriori sviluppi.

Il reboot di Battlestar Galactica

Bill McGoldrick ha parlato anche del reboot di Battlestar Galactica, ordinato qualche mese fa e prodotto da Sam Esmail, grande fan del franchise di Ronald D. Moore. Il progetto sta andando avanti e ha già uno showrunner, Michael Lesslie (Little Drummer Girl). “Ho visto una bibbia e siamo molto contenti” ha rivelato McGoldrick. “Si tratta ovviamente di una grande impresa e siamo consapevoli dell’importanza del titolo, quindi stiamo pensando a tutto, ma il tutto sta procedendo bene.”

White Collar su Peacock?

Il creatore della serie, in onda anni fa su USA Network (canale del gruppo), Jeff Eastin e i protagonisti hanno già testato il terreno coi fan, quando qualche mese fa uscì l’indiscrezione della realizzazione di un eventuale revival della serie. Ma pare che le trattative preliminari a cui si riferiva Matt Bomer nelle sue dichiarazioni, non includevano Peacock, che però sembra la casa ideale per un eventuale revival. “Siamo disposti ad ascoltare qualsiasi progetto che preveda una sorta di pacchetto [si riferisce anche agli episodi della serie originale], ma al momento non c’è nessuna trattativa tra Peacock e la squadra di White Collar.”

Sembra infatti che il problema principale riguarda la proprietà della serie. White Collar è stata prodotta da Fox 21 TV Studios, che adesso è parte del gruppo Disney, quindi un eventuale accordo sarebbe complicato dal fatto che nemmeno la serie originale è presente sul servizio streaming.

Il lancio di Peacock e la strategia per le serie originali

Il servizio streaming sarà disponibile per tutti dal 15 luglio (già da maggio gli abbonati alla pay tv hanno già potuto provare una versione “beta” del servizio gratuito). Bill McGoldrick avrebbe sperato di lanciare il servizio con più originali, invece dei soli. Brave New World, il film di Psych e alcune serie d’importazione inglese inedite negli USA. Come le produzioni del remake di Bayside School e altri originali, le cui produzioni sono state bloccate a causa della pandemia.

Il focus del servizio streaming saranno le comedy, da quelle classiche come 30 Rock, Cheers, King of Queens, con The Office e Brooklyn Nine-Nine che arriveranno dal 2021, scaduti gli attuali accordi in vigore. Ma le comedy originali avranno un ruolo importante, quelle

E Sky?

Beh è difficile ricordarselo perchè ancora oggi il processo di integrazione non si è concluso, o va ancora pensato, ma Comcast (casa madre di Peacock) ha acquistato Sky già da quasi due anni, ci sarà una sorta di collaborazione tra i due operatori? “Stiamo già lavorando con il nostro partner interno, è il primo posto a cui rivolgersi a livello internazionale. Ma non siamo limitati, e stiamo lavorando anche con altri partner internazionali.” ha dichiarato Frances Manfredi, responsabile delle acquisizioni di contenuti.

Manfredi ha anche rivelato che le due aziende sono in trattative per delle co-produzioni, ma è ancora presto per parlarne e non ha rivelato nient’altro.