Petrolio Antivirus su Rai 2 sabato 25 aprile una puntata dedicata ai 75 anni della Liberazione

petrolio

Petrolio Antivirus puntata di sabato 25 aprile dedicata alla Liberazione

Il programma di approfondimento informativo del sabato sera di Rai 2 Petrolio cambia veste in vista del 25 aprile e del 75esimo anniversario della Liberazione, con una puntata dedicata al tema anche in relazione alla “liberazione” dal Coronavirus. Un modo per non dimenticare la dittatura, quello che è stato e il passaggio del nostro paese alla cultura democratica ma senza perdere di vista l’attualità.

Petrolio è in streaming su Rai Play dove sono disponibili anche le puntate di questa e delle precedenti edizioni del programma.

Petrolio il tema di sabato 25 aprile

Il 25 aprile 1945 l’Italia è libera dal nazifascismo. Il 25 aprile 2020 l’Italia insegue, insieme al resto del mondo, una diversa liberazione, combattendo una guerra contro un nemico invisibile di cui ancora non conosciamo tutte le armi.

Il coronavirus ha cambiato radicalmente la nostra vita. Per la prima volta cambia il nostro modo di stare insieme e le piazze della Liberazione saranno vuote, i festeggiamenti saranno a distanza, ma la memoria rimane un terreno da condividere. Come ci ricorda Petrolio nella puntata di sabato 25 aprile.

E mentre l’Italia si appresta alla Fase 2, mentre il mondo scopre la fragilità degli equilibri economici e politici globali nati con il dopoguerra, le scoperte scientifiche non si fermano.

Petrolio-Antivirus proporrà in esclusiva alcuni estratti del documentario di Paolo Soglia e Lorenzo K.  Stanzani “The Forgotten Front”, sulla resistenza di Bologna.

Non mancheranno gli ospiti, i collegamenti per parlare di oggi come di ieri. Interverranno nel corso della puntata: Luca Parmitano, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea che commenterà in esclusiva le immagini del film documentario “Starman”; Giacomo Gorini, immunologo dello Jenner Institute di Oxford; Pierluigi Lopalco, epidemiologo e igienista dell’Università di Pisa; Paolo Mieli, giornalista e saggista; Alessandro Barbero, ordinario di storia medievale all’Università del Piemonte Orientale; Nathalie Tocci, politologa dell’Istituto Affari Internazionali; Salvatore Dama, giornalista di Libero; Simona Siri Gerstein, giornalista del Washington Post e Vanity Fair; i corrispondenti Rai di Londra, Pechino, Berlino, New York, Parigi.