PresaDiretta stasera lunedì 14 marzo, gli argomenti della puntata

presa diretta
- Pubblicità -

PresaDiretta su Rai 3 lunedì 14 marzo gli argomenti di stasera

Prosegue stasera l’appuntamento con PresaDiretta su Rai 3 condotto da Riccardo Iacona che realizza le sue inchieste in collaborazione con Cristina De Ritis, Giulia Bosetti, Lisa Iotti e Raffaella Pusceddu. L’appuntamento con la puntata è alle 21:20 di lunedì 14 marzo 2022 anche in streaming su RaiPlay.

Anche questa settimana la puntata è dedicata a quanto sta succedendo in Ucraina, alla guerra e in particolare alle conseguenze economiche della guerra. Il programma si interroga su chi potrebbe portare avanti le trattative per il cessate il fuoco e sul ruolo delle criptovalute nell’economia russa.

Il tema della puntata del 14 marzo

La puntata di lunedì 14 marzo di Presadiretta sempre guidato da Riccardo Iacona, torna a raccontare le orribili conseguenze della guerra in Ucraina, dell’attacco russo che sta distruggendo un paese e sconvolgendo l’opinione pubblica internazionale.

In particolare la puntata si sofferma a cercare di analizzare su chi potrebbe essere la guida delle trattative per la pace. Dopo il fallimento della mediazione turca sarà la Cina la protagonista delle trattative e dei negoziati per il cessate il fuoco? e quali vantaggi questo potrebbe portare all’economia del paese? Intanto il rublo continua a crollare. La trasmissione si sofferma sulle conseguenze della guerra russa sul progetto cinese della Via della Seta, che potrebbe spingere la Cina a fare pressioni sulla Russia.

E poi uno sguardo all’Italia e a quelle che rischiano di essere le conseguenze delle sanzioni contro la Russia sulla nostra economia. Riccardo Iacona si avvarrà di ospiti in studio e in collegamento per trattare questi argomenti e cercare di portare informazioni utili agli spettatori travolti dalle notizie più disparate. Un altro aspetto approfondito riguarda le criptovalute e il modo in cui potrebbero aiutare la Russia a sfuggire alle sanzioni.

Infine la trasmissione è andata in Estonia, confine europeo dove le forze della Nato sono vicine alla Russia, un paese che praticamente si sente già in guerra.

- Pubblicità -