9-1-1 Lone Star: lo spinoff di 9-1-1 con Rob Lowe in onda lunedì 1 giugno su FOX

911 lone star

Recensione 9-1-1: Lone Star, lo spinoff di 9-1-1, con Rob Lowe e Liv Tyler arriva in Italia su FOX dal 1° giugno alle 21:00

Il franchise di 9-1-1, la serie sul noto numero d’emergenza americano, prodotto da Ryan Murphy, si espande con uno spinoff dal titolo 9-1-1: Lone Star, andato in onda a gennaio sulla FOX americana e da oggi, lunedì 1 giugno 2020, arriva in Italia su FOX ogni lunedì alle 21:00 con due episodi a settimana.

In questo spinoff i protagonisti sono Rob Lowe e Live Tyler, con Lowe nei panni di produttore esecutivo insieme a Ryan Murphy, Brad Falchuk e Tim Minear. La serie è già stata rinnovata per una seconda stagione da FOX. Ecco un promo:

Recensione 9-1-1: Lone Star – I Nostri Commenti

Lone Star nasce come spinoff di 9-1-1 anche se in realtà le due serie non sono molto collegate, se non in qualche caso di puntata minore che richiamerà eventi accaduti in 9-1-1. Il paragone con la serie madre è d’obbligo, la serie ha un tono diverso rispetto a 9-1-1, più serio pieno di tematiche di rilevanza sociale, dal razzismo al transfobismo, all’alcolismo, un cambio di tono un po’ richiesto anche dalla location, il Texas, lo Stato più conservatore degli Stati Uniti, e per questo teatro di situazioni più problematiche, rispetto alla Los Angeles di 9-1-1. Nonostante un periodo di smarrimento iniziale dovuto all’impressione che i personaggi di Rob Lowe e Liv Tyler non si adattano alle caratteristiche, e alle carriere, degli attori, la serie trova un suo stile, una sua narrazione, si lascia alle spalle i momenti cupi e alla fine riesce in qualche modo a emulare quella leggerezza e quell’esagerazione sul ruolo dei first responders, che tanto ci hanno convinti in 9-1-1, pur restando nel contesto locale molto diverso rispetto a quello della serie madre. Voto 7 – Davide Allegra

Il procedurale riletto in chiave Ryan Murphy, inclusivo e catastrofico, costruito sui personaggi e le personalità ma anche su grandi e piccoli sorprendenti disastri, si espande e potenzialmente potrebbe avere infinite ramificazioni visto il successo di pubblico sia live che nei giorni successivi. La formula quindi non cambia: protagonisti forti e conosciuti e una squadra di semi-sconosciuti a fargli da supporto. Tutti hanno le loro storie, i loro trascorsi ma insieme nonostante le difficoltà e le diffidenze reciproche e del dipartimento, finirà per diventare una famiglia. A differenza di 9-1-1 le vicende dei protagonisti sono subito preponderanti. Rob Lowe porta alla serie il suo lato più guascone e affascinante, Liv Tyler inizialmente appare fuori luogo ma col tempo si abitua alla parte (un po’ come Angela Basset in 911). Alla fine la serie funziona e assolve al suo compito di appuntamento settimanale procedurale. Voto 7 – Riccardo Cristilli

Dove lo trovo in streaming

Gli episodi settimanali in onda su FOX (canale 112 di Sky) saranno disponibili in streaming su NowTV (con il pass Entertainment) dopo la messa in onda e per un periodo di circa 28 giorni, quindi consigliamo di seguirla in contemporanea con la messa in onda perchè si rischia che gli episodi precedenti non siano più disponibili se passa troppo tempo.

9-1-1: Lone Star, la trama

Rob Lowe interpreta Owen Strand, l’unico sopravvissuto di una caserma di Manhattan durante gli attentati dell’11 settembre. Dopo una tragedia simile accaduta a Austin (in Texas), Owen avrà il compito, insieme al figlio T.K. (Ronen Rubinstein) di ricostruire la caserma grazie ai suoi valori progressisti in un paese tra i più conservatori. Owen sembra il classico uomo di città sicuro di se, ma in realtà nasconde un segreto, di quelli che possono minacciare la sua stessa esistenza.

Il Cast

  • Rob Lowe è Owen Strand
  • Liv Tyler è Michelle Blake, paramedico e capitano della EMS (Emergency Medical Services) che sta cercando sua sorella, scomparsa ormai da tre anni.
  • Jim Parrack è Judd Ryder, un vigile del fuoco texano unico sopravvissuto della caserma;
  • Ronen Rubinstein è TK Strand, il figlio di Owen, anche lui vigile del fuoco;
  • Natacha Karam è Marjan Maewani, una vigile del fuoco musulmana e molto coraggiosa;
  • Brian Michael Smith è Paul Strickland, un vigile del fuoco transessuale;
  • Rafael Silva è Carlos Reyes, un poliziotto del dipartimento di polizia di Austin;
  • Julian Works è Mateo Chavez, un apprendista dislessico, che deve necessariamente lavorare per evitare di essere deportato.