Big Shot – Cambio di Direzione: John Stamos brilla in un normale teen dramedy sportivo

cambio di direzione
- Pubblicità -

Big Shot – Cambio di direzione dal 16 aprile su Disney+ un teen dramedy sportivo con John Stamos

Big Shot – Cambio di direzione porta dal 16 aprile su Disney+ una nuova storia di riscatto sportivo tipica delle tradizione cinematografica americana, ma rivolta a un pubblico potenzialmente più maturo e più ampio rispetto a Stoffa da Campioni arrivato giusto poche settimane fa.

Creata dal prolifico David E.Kelley su un’idea di Brad Garrett, Big Shot – Cambio di Direzione racconta la storia dell’arrivo del coach Korn in un liceo privato femminile di Los Angeles. Dopo una sfuriata nella NCAA, la lega di basket maschile del college, con tanto di sedia lanciata contro gli arbitri, la sua carriera è praticamente finita. Per ripartire accetta di allenare una squadra liceale di ragazze ma l’incontro/scontro tra mondi così diversi non sarà facile.

- Pubblicità -

L’importanza del casting

La scelta vincente di Big Shot – Cambio di direzione (almeno guardando i primi 3 episodi forniti) è stata quella di prendere John Stamos per interpretare il coach Korn, un personaggio perfetto per il suo essere sempre in bilico tra serio e faceto, sempre sull’orlo di uno scatto d’ira ma capace anche di profonda umanità. Così quando si confronta con una sua allieva cui ha palesemente detto di esser grassa dicendo banalmente “io vedo solo atleti” riesce a trovare una sintonia con il gruppo che con le sole parole zuccherose non potresti raggiungere.

Precipitato in un mondo lontano da lui, alle prese con problemi scolastici, genitori invadenti che vorrebbero essere allenatori per le figlie, Korn riesce a ritagliarsi un suo spazio per allenare a suo modo, cercando di trovare la chiave giusta per entrare in sintonia con le ragazze. E a complicargli la vita arriverà la figlia decisa a cambiare aria e a passare un po’ più di tempo con il padre.

David E. Kelley adatta il mondo di Big Sky e Big Little Lies a quello dei ragazzi, eliminando la componente mystery ma mantenendo la stessa alchimia tra donne spostandola sul parquet del basket. Soprattutto riesce a dare spessore agli adolescenti, piuttosto che appiattendoli su stereotipi già visti.

Big Shot e la formula magica Disney

Non bisogna mai dimenticarci che stiamo su Disney+ quindi i messaggi positivi prevalgono sui negativi, il dramma è annacquato dalla speranza e dalla visione di un futuro migliore, necessario, insieme all’assenza di tematiche e problematiche controverse, in una serie tv che debba esser vista da tutti, anche dai più piccoli senza la supervisione dei genitori.

Nonostante questo, grazie ai personaggi, Big Shot risulta una serie piacevole da guardare per tutti, un teen dramedy in cui gli adulti hanno il loro spazio anche se esistono in funzione degli adolescenti. Yvette Nicole Brown è la preside stretta tra gli obblighi verso i genitori paganti e le rimostranze degli altri professori che non vedono di buon occhio il nuovo coach e i suoi metodi. E tra questi c’è Toks Olagundoye che interpreta un’algida insegnante inglese e ricopre un ruolo simile anche nella terza stagione di The Rookie (quando si dice essere perfetti per il ruolo). Assistente di coach Korn è Holly (Jessalyn Gilsig) che sognava il posto di primo allenatore e si è vista scavalcare dalla star arrivata da fuori ma nonostante questo non mostra segni d’insofferenza.

Rispettando lo stile Kelley Big Shot – Cambio di direzione è capace di dosare i momenti più leggeri con altri più drammatici, in grado di prendersi le sue pause senza mai perdere l’attenzione dello spettatore e soprattutto cercando di nascondere l’effetto “già visto” di gran parte delle situazioni.

Il cast

  • John Stamos: Marvyn Korn
  • Jessalyn Gilsig: Holly Barrett
  • Yvette Nicole Brown: Sherilyn Thomas
  • Richard Robichaux: George Pappas
  • Sophia Mitri Schloss: Emma Korn
  • Nell Verlaque: Louise Gruzinsky
  • Tiana Le: Destiny Winters
  • Monique Green: Olive Copper
  • Tisha Custodio: Carolyn Smith
  • Cricket Wampler: Samantha Finkman
- Pubblicità -