Recensione Murderville: su Netflix si ride con il giallo risolto da detective improvvisati

Murderville
Murderville. (L to R) Will Arnett as Terry Seattle, Ken Jeong as Guest 106 in episode 106 of Murderville. Cr. Darren Michaels/Netflix © 2021
- Pubblicità -

Murdervill dal 3 febbraio su Netflix la serie in 6 episodi con 6 guest star che si improvvisano detective

Murderville è la crime-comedy disponibile da oggi giovedì 3 febbraio a partire dalle 9:01 in streaming su Netflix con i 6 episodi che compongono la prima stagione. La serie è ispirata al format Murder in Succesville di BBC 3 andato in onda dal 2015 al 2017 e la formula è esattamente la stessa: in ogni puntata una diversa guest star interpreta il detective ma senza avere alcun copione, dovendo arrivare alla soluzione attraverso l’intuito e le indagini.

Will Arnett è il protagonista il detective Terry Seattle che in ogni puntata ha un partner diverso, suo malgrado, le 6 guest star della prima stagione sono Sharon Stone, Ken Jeong, Kumail Nanjiani, Annie Murphy, Conan O’Brien e Marshawn Lynch.

Murderville la trama

Murderville è un procedurale crime riletto in chiave comica. In ogni puntata viene commesso un delitto e il detective Seattle è chiamato a risolverlo con un collaboratore sempre diverso e che non ha alcun copione. La formula è codificata. Il capo della polizia ed ex di Seattle, introduce la guest star, presenta il caso e poi Seattle con l’assistente indaga.

I sospettati sono sempre 3 e in ogni puntata c’è una scena sotto copertura proprio per giocare con l’improvvisazione. Alla fine la guest star di turno deve cercare di indovinare il colpevole e sarà il capo della polizia a svelare se ha azzeccato o meno ripercorrendo i diversi indizi lasciati dai sospettati.

Murderville la classifica degli episodi migliori

La risata è altamente soggettiva, così come la simpatia che si può provare verso un attore, quindi non c’è una formula oggettiva per definire gli episodi migliori e peggiori di Murderville, anzi più o meno divertenti, solamente il gusto personale e l’approccio alla risata.

Secondo il mio “insindacabile” (si scherza) giudizio l’episodio migliore di Murderville è l’ultimo con ospite uno sfrenato Ken Jeong che sembra quasi incapace di improvvisare, totalmente succube degli eventi e dei suggerimenti di Terry Seattle – Will Arnett. Eppure proprio per questo la sua risata spontanea è fortemente contagiosa.

Subito dopo metterei quello di Kumail Nanjiani, il terzo, abilissimo nell’improvvisare con Arnett ma anche bravo a tenergli testa, contestando l’assurdità di alcune situazioni. A seguire il quarto con Annie Murphy che ha assecondato il più possibile il canovaccio impostato mostrando tutta la propria abilità.

Poi nella classifica degli episodi di Murderville metterei il quinto con Sharon Stone, divertente ma fin troppo impostata nell’improvvisazione, cercando quasi troppo di prendere in mano la situazione e il racconto. Poi il primo con Conan O’Brien che ha fatto se stesso e si è lasciato trascinare da Will Arnett, infine metterei il secondo episodio purtroppo Marshawn Lynch, ex giocatore di football, si è prestato a un gioco che non è il suo, faticando a trovare il ritmo giusto.

La recensione e il voto

Com’è complessivamente Murderville? Mi può piacere? tutti ci facciamo questa domanda leggendo le trame e le recensioni che girano per le diverse serie tv che arrivano ogni settimana. Una risposta certa però non c’è mai e ancor di più in questo caso perchè la formula ibrida di questa serie tv è unica (pur non essendo originale trattandosi di un format). La commistione tra giallo e comedy è ormai abbastanza diffuso ma in questo caso viene declinato in una formula rigidamente codificata, con una struttura rigida e definita nelle sue parti.

Una staticità che viene mossa dall’improvvisazione delle guest star che diventano così fondamentali per la serie tv. Proprio per questo, come abbiamo visto anche qui sopra, non tutte le puntate sempre funzionano e questa formula rigida rischia di girare a vuoto senza una reazione decisa della controparte. Will Arnett è a suo agio nel ruolo del detective sui generis, decisamente surreale nella gestione delle indagini e dei rapporti umani. Tra i momenti più divertenti ci sono sicuramente quelli in cui “conosce” la recluta. Per questo la serie funziona tra alti e bassi e il voto è 6.5.

Il cast

  • Will Arnett è il Senior Detective Terry Seattle
  • Haneefah Wood è il capo Rhonda Jenkins-Seattle
  • Lilan Bowden è Amber Kang, medico forense
  • Phillip Smithey è Det. Darren “Daz” Phillips
  • Sharon Stone
  • Marshawn Lynch
  • Conan O’Brien
  • Annie Murphy
  • Ken Jeong
  • Kumail Nanjiani

Murderville 2 si fa?

Manca una conferma ufficiale ma sembra che ci sarà un nuovo giro di guest star pronte a improvvisare le indagini di un caso di omicidio con Murderville che sarà rinnovato.

…è da vedere se

Murderville è da vedere se amate le contaminazioni tra comedy e crime come in The Afterparty, Only Murders in the Building, Cops, anche se qui a prevalere è il gusto per l’assurdo. Per scoprire altre serie tv da vedere simili c’è l’app gratuita dei nostri partner TV Tips. Divertirvi a cercare il vostro nuovo amore seriale potete sfruttare la funzione “match” per trovare nuove serie: scarica l’app, il tuo prossimo amore seriale ti aspetta.

- Pubblicità -
PANORAMICA RECENSIONE
Riccardo Cristilli
6.5
Recensione Murderville su Netflix il giallo - comedy con 6 guest star senza copione chiamate a risolvere il caso di puntatarecensione-murderville-netflix-serie-tv-trama-cast-guest-star-chi-sono-formula