Recensione Schmigadoon! quando la ricerca della perfezione stilistica blocca la creatività

Schmigadoon recensione
- Pubblicità -

Recensione Schmigadoon! la comedy musicale da venerdì 16 luglio 2021 su Apple TV+

Da venerdì 16 luglio 2021 su Apple TV+ debutterà la nuova comedy musicale Schmigadoon!. La serie è prodotta da Lorne Michaels con Cecily Strong e Keegan-Michael Key nei panni dei protagonisti. Da venerdì saranno disponibili solo i primi due episodi, la serie poi continuerà ogni venerdì con un episodio a settimana su Apple TV+.

La serie, composta da sei episodi, è prodotta da Broadway Video in collaborazione con Universal Television ed è stata creata da Cinco Paul e Ken Daurio. Cinco Paul è anche showrunner e compositore di tutta la colonna sonora originale della serie.

- Pubblicità -

Schmigadoon!, la trama

Una parodia di musical iconici della Golden Age che vede protagonisti Cecily Strong e Keegan-Michael Key nei panni di una coppia che si mette in viaggio con lo zaino in spalla per rinvigorire la propria relazione, finché non si imbatte in una città magica in cui tutti si comportano come se fossero in un musical degli anni ’40. I due scoprono anche che non possono lasciare la città finché non troveranno il “vero amore”. La serie di sei episodi vede nel cast anche Alan Cumming, Kristin Chenoweth, Aaron Tveit, Dove Cameron, Ariana DeBose, Fred Armisen, Jaime Camil, Jane Krakowski e Ann Harada. Martin Short si unisce come guest star.

Recensione Schmigadoon! – I commenti

La commistione tra elementi musicali e commedia ci ha spesso regalato in passato piccole gemme come Galavant e Zoey’s Extraordinary Playlist, due prodotti assolutamente diversi ma accomunati da aver avuto solo due stagioni. L’entusiasmo per Schmigadoon! era così accompagnato dalla voglia di riscattare due prodotti di qualità ma poco fortunati. Purtroppo però la nuova serie tv Apple Tv+ non è all’altezza delle aspettative. Complessivamente la serie funziona e scorre in modo piacevole, ma a mancare è l’anima. Pur essendo una commedia romantica musicale, ci si trova davanti un prodotto di plastica e non solo per l’ambientazione in studio da vecchio musical.

Le canzoni fanno sorridere ma sembrano costruite troppo a tavolino e l’elemento divertente nasce per lo più dalle reazioni dei due protagonisti che si ritrovano nella finta cittadina per caso e con un rapporto da recuperare. Anche se può sembrare assurdo dirlo, sembra un prodotto costruito per far lavorare i talenti dei musical rimasti disoccupati a causa della pandemia e dei teatri chiusi. Tutti fanno il loro compito alla perfezione, dal ballerino di ultima fila alla star come Aaron Tveit, Kristin Chenoweth, Fred Amisen e Alan Cumming, ma è talmente tutto così perfetto da risultare finto. Finito il compito tutto si spegne, i riflettori si allontanano e l’anima romantica prevale, ammosciando la narrazione. Tutto troppo perfetto e patinato ma è difficile riuscire a entrare nell’anima di Schimigadoon! Voto 6+ Riccardo Cristilli

E’ tutta una questione di aspettative. Sicuramente leggendo la trama di Schmigadoon! e guardando il trailer l’idea che ci facciamo è quella di trovare una comedy che riesca a veicolare un messaggio attraverso la musica attraverso personaggi fuori dal comune, che hanno il compito di divertirci. Questi elementi nella serie ci sono, anche perchè scegliendo quel tipo di ambientazione è molto semplice creare personaggi fuori dalle righe. Il problema grosso di Schmigadoon, che quindi delude le aspettative, è che non fa ridere, e probabilmente non era quello lo scopo della serie. La serie soffre della mania da perfezione tipica dei prodotti Apple. Schmigadoon ha un ottima fotografia, ottimi effetti speciali, buoni protagonisti, numeri da musical invidiabili, insomma una realizzazione impeccabile. Il problema è la morale, la storia, ambientarla in un contesto del passato per facilitare la battuta sui pensieri retrogradi dei personaggi che popolano il villaggio, che generano macchiette e storie molto semplici e prevedibili. Probabilmente è più adatta a chi ama le favole romantiche da manuale, con una partenza positiva, uno svolgimento pieno di problemi e un happy ending inevitabile, con il “plus” della musica. Voto 6 Davide Allegra, per l’ottima messa in scena.

Il trailer in inglese

Il cast

  • Cecily Strong è Melissa
  • Keegan-Michael Key è Josh
  • Alan Cumming è il sindaco Menlove
  • Fred Armisen è il reverendo Layton
  • Kristin Chenoweth è Mildred Layton
  • Aaron Tveit è Danny Bailey
  • Dove Cameron è Betsy
  • Ariana DeBose è Emma Tate
  • Jaime Camil è il dott. Lopez
  • Jane Krakowski è La contessa
  • Ann Harada è Florence Menlove
- Pubblicità -