Sopravvissute le protagoniste della puntata stasera giovedì 13 maggio su Rai 3

sopravvissute
- Pubblicità -

Sopravvissute su Rai 3 le storie della puntata di giovedì 13 maggio in seconda serata

Dopo Amore Criminale in seconda serata su Rai 3 prosegue giovedì 13 maggio l’appuntamento con il programma Sopravvissute con sei nuove puntate in cui raccontare storie di donne salvate da maltrattamenti, violenza psicologica, violenza fisica e tentativi di omicidio; anche in streaming su RaiPlay. 

Guidato da Matilde D’Errico il programma in ogni puntata racconta due storie di dipendenza affettiva dalla viva voce delle vittime che racconteranno con grande coraggio come sono riuscite a uscire da relazioni pericolose. In studio saranno presenti lo psichiatra Renato Ariatti e la psicologa clinica Silvia Michelini, che spiegheranno i meccanismi del narcisismo, della dipendenza affettiva e delle relazioni tossiche.

- Pubblicità -

Le storie della quarta puntata

Le storie di dipendenze affettive di giovedì 13 maggio a Sopravvissute sono quelle di Antonella e Federica, raccontate insieme alla conduttrice Matilde D’Errico. Antonella conosce l’ex marito durante una festa. Lui fin da subito mette in chiaro il suo pensiero: la donna non potrà lavorare e dovrà occuparsi solo della casa e dei figli. Pian piano lei realizza che quel matrimonio è in realtà una prigione. Antonella s’innamora di un’altra persona e decide di chiedere la separazione, ma il marito non accetta e la costringe con le minacce a rimanere con lui.  La donna organizza un piano di fuga, vivendo nascosta per mesi. L’ex marito continua a cercarla incessantemente e, quando la rivede nel parcheggio di un supermercato, consuma la sua vendetta tentando di ucciderla a coltellate. Antonella, con grande forza, si difende e riesce a sopravvivere.

La seconda storia è quella di Federica un’imprenditrice digitale di successo, esperta di marketing, che ha vissuto una relazione tossica. Dopo un primo momento pieno di attenzioni, l’uomo rivela il suo carattere diventa possessivo e controllante e, contemporaneamente, la tradisce. Federica all’inizio non si rende conto dei lati negativi del partner, li giustifica e li minimizza: è inconsapevole del potere che lui esercita nei suoi confronti. Dopo anni Federica comprende però di essere prigioniera di relazione malata, alla quale mette fine. E rinasce.

- Pubblicità -