Star la versione internazionale di Hulu a febbraio in Italia dentro Disney+

Star

Star arriva a febbraio dentro Disney+ che aumenterà di 2 euro ma con le serie tv di FX e Hulu

Gli appassionati di serie tv la invocano ormai da anni: una versione internazionale di Hulu. E Disney sembra averci ascoltato. Segnatevi questa data: 23 febbraio 2021. Da quel giorno dentro Disney+ arriva Star. 

In Europa, Australia e Nuova Zelanda Disney decide di non rilasciare una piattaforma autonoma, creando un complicato bundle che magari non tutti capiscono, ma di inserire Star dentro Disney+ come un bottone accanto a quelli di Marvel e Pixar, così da avere tutto in un unico posto. Comodo anche per gli accordi in vigore con altri operatori come quello con TIMVision e quello in arrivo con Sky Q.

Star porterà a livello internazionale le serie tv di FX, di Hulu prodotte da Searchlight, 20th Century, Freeform. Insomma porterà su Disney+ quei contenuti adulti che in molti stavamo aspettando. Quella serialità d’autore, matura, di qualità che mancava nel mondo Disney+ troppo immerso nei cartoon, nei fumetti, nelle serie tv per tutta la famiglia.

In parallelo, però, il costo dell’abbonamento mensile di Disney+ aumenterà di 2 euro arrivando a 8,99 € al mese, una cifra sempre inferiore a quella di Netflix (che secondo le indiscrezioni dovrebbe aumentare ulteriormente nei prossimi mesi). Un costo irrisorio per quello che promette.

Pur con tutte le cautele del caso, visto che finchè non c’è una lista ufficiale è sempre meglio non sbilanciarsi, Star dovrebbe contenere i titoli FX e Hulu prodotti dagli studios del gruppo Disney. Quindi dovrebbero arrivare serie tv annunciate per il 2021 su Hulu e FX come Only Murders in the Building, o The Dropout o la miniserie Dopesick ma anche The Old Man, lo spinoff di American Horror Story American Horror Stories, Y: The Last Man, Platform e Reservation Dogs. Potrebbero esserci titoli rilasciati nei mesi scorsi ma ancora inediti in Italia come A Teacher, Devs, Love Victor e altri.

Non dovrebbero passare a Star tutti quei titoli prodotti per i canali broadcaster che servirebbero a mantenere in vita (almeno per il momento) i canali Fox presenti in vari paesi d’Europa e Africa e anche in Italia su Sky.