Amazon chiude The Expanse, Pop cancella One Day at a Time che spera in una nuova salvezza

One Day at a Time the expanse

The Expanse e One Day at a Time chiudono di nuovo

Novità in vista per The Expanse e One Day at a Time, entrambe si preparano ad affrontare una nuova cancellazione seppure con spirito diverso.

Per il primo si tratta di una chiusura voluta e condivisa, mentre per One Day at a Time è una nuova brutale cancellazione.

The Expanse rinnovo e chiusura

Amazon Studios con Alcon Television Group hanno infatti annunciato il rinnovo per una sesta stagione di The Expanse che sarà anche l’ultima. La serie era stata salvata da Amazon dopo la cancellazione alla terza stagione da parte di Syfy.

Ambientata in un futuro in cui la terra ha colonizzato lo spazio portando a un conflitto con Marte e gli abitanti della Cintura degli Asteroidi, The Expanse è un action sci-fi dalle venature molto umane e profonde con una riflessione sull’attualità e la società in cui viviamo.

La quinta stagione della serie debutta con i primi 3 episodi il 16 dicembre, poi il rilascio sarà settimanale su Amazon Prime Video. A quel punto probabilmente per fine 2021 la sesta stagione chiuderà le vicende della serie ma non ci sarà uno dei suoi protagonisti, infatti Cas Anvar è stato allontanato dalla produzione dopo le accuse di molestie arrivate nel corso dell’estate.

One Day at A time una nuova cancellazione e un nuovo salvataggio?

Travagliato il percorso di One Day at a Time. La comedy su una famiglia di origine cubana, adattamento contemporaneo di una vecchia serie di Norman Lear è stata trasmessa per tre stagioni da Netflix poi travolta tra le proteste generali, dalla regola del 3 della piattaforma: oltre la terza stagione va solo chi possa portare premi o pubblico a sufficienza per giustificarne i costi.

Così la serie prodotta da Sony si è messa in cerca di una nuova casa trovata in Pop canale cable del gruppo ViacomCBS. La rete ha ordinato la quarta stagione la cui produzione è stata bloccata dal Covid portando anche a una riduzione del numero di episodi. Nel frattempo però c’è stata la fusione tra Viacom e CBS e la nuova società ha iniziato a ripensare Pop togliendo di fatto tutte le serie tv. One Day at a Time, la cui quarta stagione è inedita in Italia, è stata trasmessa da Pop e TVLand (canale del gruppo dedicato alle commedie) ed è stato fatto anche un tentativo su CBS.

Nonostante questo ViacomCBS ha deciso di non ordinare una nuova stagione nè per Pop, nè per TvLand nè tanto meno per CBS. Sony Pictures Tv però non si arrende e avendo i contratti degli attori in scadenza a dicembre, proverà fino all’ultimo a trovare una nuova casa. A complicare il tutto c’è questa frammentazione delle stagioni su canali diversi che non favorisce l’approdo su un altro canale.

Riuscirà Sony a salvare per la seconda volta la serie?