The Me You Can’t See su Apple Tv+ i documentari sulla salute mentale con Oprah Winfrey e il principe Harry

the me you can't see
- Pubblicità -

The Me You Can’t See Oprah Winfrey e il principe Harry in una serie di documentari sulla salute mentale dal 21 maggio su Apple Tv+

The Me You Can’t See su Apple Tv+ da oggi 21 maggio i documentari realizzati da Oprah Winfrey con il principe Harry e dedicati alla salute mentale con al centro storie illuminanti che aiutano a sollevare il velo sulla salute mentale e il benessere emotivo. Collaborando con 14 esperti e organizzazioni accreditati di tutto il mondo, la serie spera di far luce sui diversi percorsi nel trattamento di questo tipo di disturbo.

Oltre ai due già citati la docuserie è prodotta anche da Terry Wood e Catherine Cyr di Harpo Productions, insieme alla RadicalMediaa di Jon Kamen, Dave Sirulnick e Alex Browne sono gli showrunner. È diretta e prodotta da Dawn Porter, candidata all’Emmy Award e allo Spirit Award, e Asif Kapadia  vincitrice dell’Academy Award e quattro volte BAFTA.

- Pubblicità -

In “The Me You Can’t See”, Oprah Winfrey e il principe Harry guidano discussioni sincere sulla salute mentale e il benessere emotivo, mentre si confrontano sulle loro battaglie in questo campo. Con ospiti di alto profilo e a un’ampia gamma di persone provenienti da tutto il mondo che convivono con le ordinarie sfide dei problemi di salute mentale, la serie trascende la cultura, l’età, il sesso e lo stato socioeconomico, per de-stigmatizzare un argomento altamente frainteso e dare speranza agli spettatori. I produttori hanno collaborato con 14 esperti e organizzazioni accreditati di tutto il mondo per aiutare a far luce sui diversi percorsi nel trattamento di questo tipo di disturbo.

Tra gli ospiti che parteciperanno alla serie ci sono Lady Gaga, Glenn Close, DeMar DeRozan dei San Antonio Spurs, Langston Galloway dei Phoenix Suns (ex Detroit Pistons), Mental Health Advocate and Speaker Zak Williams, Olympic Boxer Virginia “Ginny” Fuchs, Celebrity Chef Rashad Armstead e tanti altri ancora.

- Pubblicità -