The Witcher: Blood Origin, su Netflix la serie prequel di The Witcher

The Witcher: Blood Origin è la serie prequel in 4 episodi di The Witcher in arrivo il 25 dicembre 2022 su Netflix in streaming. Ambientata 1200 anni prima di The Witcher racconta proprio la creazione del primo prototipo di Witcher. La terza stagione della serie principale arriverà soltanto in estate, intanto sappiamo che è stata rinnovata per una quarta stagione ma anche che Henry Cavill non sarà più il protagonista sostituito da Liam Hemsworth dalla quarta stagione. Le riprese si sono svolte nel 2021 Declan De Barra è showrunner e produttore con Lauren Schmidt Hissrich.

The Witcher: Blood Origin la trama

La trama di The Witcher, Blood Origin ci riporta in un mondo elfico 1200 anni prima del mondo che già conoscevamo, dell’epoca di Geralt, Yennefer e Ciri. Racconta la storia di sette sconosciuto che formano un’alleanza per fermare un impero implacabile. Nonostante appartengano a clan in lotta tra loro, Eile e Fjall dovranno iniziare a fidarsi per ribellarsi agli oppressori. Quando però si aprono portali verso nuovi mondi e un saggio assetato di potere dispiega una nuova arma, i Sette capiscono che dovranno creare un mostro per poterne distruggere un altro…

Il trailer

Il cast

Nel cast inizialmente doveva esserci Jodie Turner-Smith ma a causa dei ritardi legati alla pandemia, l’attrice ha dovuto abbandonare il progetto. Laurence O’Fuarain, Sophia Brown sono Fjall e Eile i due guerrieri dei due clan opposti di cui abbiamo letto nella trama. Michelle Yeoh è Scian maestra di spade, l’ultima della sua tribù.

Accanto a loro Mirren Mack è la principessa Merwyn, Minnie Driever è Seachaì, Francesca Mills è Meldof, Lenry Henry è Sage Balor, Zach Wyatt e Lizzie Annis sono i gemelli celesti Syndrill e Zacarè, Huw Novelli è Fratello Morte. E poi Amy Murray è Fenrik assistente di Balor, Mark Rowwley è Re Alvitir, Daniel Fathers è il capo clan Osfar e Faoileann Cunningham è sua figlia Ryl.

Redazione Dituttounpop
Redazione Dituttounpop
Siamo la redazione di dituttounpop... sembra un'entità indefinita, una cosa brutta, ma tranquilli è sempre un umano a scrivere questi articoli... o meglio più di uno di solito. Per questo usiamo questo account. Ci trovate anche sui social. Ciao.