Voglio Essere un Mago su Rai 2 dal 21 settembre, come funziona?

Voglio essere un mago
- Pubblicità -

Voglio Essere un Mago i 12 concorrenti del programma di Rai 2 dal 21 settembre

Debutta martedì 21 settembre Voglio Essere un Mago! su Rai 2, un programma che cerca di ripetere la formula de Il Collegio portando 12 ragazzi all’interno di un’accademia di magia. Protagonisti sono dei “teen wizard” che arrivano da tutta Italia e hanno tra i 14 e i 19 anni d’età.

Giovanissimi apprendisti dalle diverse personalità ma con un’unica passione la magia. Il programma è in onda su Rai 2 dalle 21:20, prodotto da Stand by Me, si tratta di un format originale ideato da Cristiana Farina e Ennio Meloni.

- Pubblicità -

I 12 protagonisti i teen wizard

Ecco i 12 protagonisti del programma i teen wizard

  • Pasquale Guercia (16, Salerno);
  • Luca Funzione (18, Sarzana – SP);
  • Giulia Serafin (17, Treviso);
  • Giuseppe Capitolino (15, Cleto – CS);
  • Marco Loffredo (17, Napoli);
  • Silvia Lollino (18, Varese); 
  • Giulia Mangialomini (16, Castelvetrano -TP); G
  • iorgio Andolfatto (16, Torino);
  • Elettra Tercon (17, Ferrara);
  • Christian Ceresera(18, Brescia);
  • Daniel Motta (17, Villasanta – MB);
  • Matilde Carioli (14, Bergamo)

Per conoscerli c’è una pagina su RaiPlay dove vedere le storie dei protagonisti loro sogni e le loro aspettative; una sfida per acquisire capacità tecniche e artistiche, ma soprattutto  per imparare a vedere le difficoltà come un’occasione per migliorarsi e superare i propri limiti.

Voglio essere un mago! come funziona il programma

I 12 ragazzi vengono divisi in 3 casate, sulla falsariga di Harry Potter: le Volpi Rosse, le Piume D’Oro e gli Abisso Blu. La squadra peggiore dovrà affrontare gli esami di sbarramento, in cui ogni componente della casata sarà a rischio bocciatura e, per evitarla, dovrà dimostrare di avere le competenze pratiche e teoriche necessarie per rimanere nella scuola.

Tutti in gara quindi per conquistare il Diploma di mago ed il migliore tra loro si aggiudicherà la bacchetta d’oro.

Saranno dunque cinque settimane di divertimento ma anche di impegno per gli apprendisti, che dovranno rispettare una serie di regole: isolamento rispetto al mondo esterno per evitare distrazioni, niente cellulari, divieto assoluto di lasciare il castello, indossare la divisa della casata, andare a letto presto e non entrare nelle stanze delle altre casate.

Per i ragazzi gli attrezzi del mestiere saranno i più vari, perchè tutto può diventare un oggetto magico, dalle carte da gioco, le monete e le colombe, una classica dotazione da prestigiatore, alle bombolette spray, fino alle paperelle di plastica o ai tablet.

Dove è ambientato?

Voglio Essere un mago è ambientato nel castello di Rocchetta Mattei sull’Appennino bolognese. Ogni casata avrà la sua stanza arredata con i propri colori, un luogo di studio e di svago per gli aspiranti maghi. Ci saranno però molti spazi comuni come l’Aula magna, dove gli apprendisti seguono le lezioni e consumano i loro pasti, e il teatro, che ospita le prove degli spettacoli, le verifiche di casata e le esibizioni degli apprendisti.

Per riposarsi a fine giornata ci sarà il dormitorio, sala circolare in cui tutti i ragazzi dormono insieme in letti a castello e la cui vita notturna è seguita costantemente. A tutto questo si aggiunge la stanza dei desideri, il luogo in cui gli apprendisti confessano ad uno specchio magico richieste e sogni con la speranza che siano esauditi.

Chi sono i Babbaloni?

I Babbaloni sono dei giovani influencer estrani al mondo della magia ma maghi dei social. Non sono stati comunicati i nomi.

I Professori

Come ogni accademia anche Voglio Essere un mago ha dei professori che aiuteranno i ragazzi a migliorare nella loro arte.

Eleonora Di Cocco (vista a Italia’s Got Talent) si occuperà delle grandi Illusioni, Federico Soldati per il mentalismo, Jack Nobile, Hyde e Sbard per la micromagia.  Come nella migliore tradizione delle scuole di magia, il corpo docente sarà presieduto da un “magister”, Raul Cremona, che avrà il compito di supervisionare gli “apprendisti” e gli insegnanti nelle loro attività. A vigilare su tutti, uno dei più grandi e famosi illusionisti al mondo: Silvan, “il mago dei maghi”, narratore degli eventi che racconterà le evoluzioni di ognuno dei ragazzi.

- Pubblicità -