- Pubblicità -
Home SERIE TV Recensioni American Rust, dalla Ruggine Americana emerge un ritratto desolato del presente

American Rust, dalla Ruggine Americana emerge un ritratto desolato del presente

American Rust
Photo credit: Dennis Mong/SHOWTIME.

American Rust su Sky e NOW da oggi 25 ottobre la serie tv Showtime con Jeff Daniels e Maura Tierney

Debutta oggi lunedì 25 ottobre su Sky e NOW American Rust, serie tv Showtime, adattamento del romanzo di Philipp Meyer pubblicato in Italia da Einaudi con il titolo Ruggine Americana. Ruggine che percorre i volti scavati dalla sofferenza dei protagonisti della serie tv.

Siamo a Buel cittadina di provincia della Pennyslvania su quella che viene chiamata la “Rust Belt” la cintura industriale degli Stati Uniti che ha subito pesantemente le conseguenze della crisi degli ultimi anni: fabbriche chiuse, assenza totale di prospettive per il futuro. Questa è la realtà lontana dai luccicanti grandi centri delle coste, lontane dal lusso che popola la serialità americana.

In American Rust si respira quell’America vera e popolare che già abbiamo visto rappresentata in Mare of Easttown, ma è l’unico punto di contatto con il capolavoro HBO, tagliente scrittura di uno spiazzante thriller drammatico.

Alla ricerca della moralità perduta

In questa realtà in cui i sogni vengono a morire, si aggira l’anima persa di Del Harris, che ogni giorno deve controllare il dosaggio delle sue medicine, come un rituale che anticipa la morte. Il solitario capo della polizia è innamorato di una donna, perso in un amore romantico e delicato, ricambiato secondo necessità da Grace madre single, ancora a tratti presa dal suo ex, il classico macho di paese. Grace è una donna combattiva, lotta per i suoi diritti e per quelli delle sue colleghe tentando di farle iscrivere al sindacato.

- Pubblicità -

Grace ha un figlio, Billy, ex stella del liceo, assistente allenatore, finito nei guai con la legge, ma dall’animo buono, soprattutto verso l’amico Isaac che si occupa del padre infermo ma ha il sogno di scappare per inseguire un futuro migliore. Un giorno però le vite di tutti cambieranno. Perchè Billy sembra coinvolto in un caso di omicidio; Del proverà ad aiutarlo rischiando per amore quella morale che lo aveva portato fino a rintanarsi a Buel lontano dalla grande città; Isaac, spinto da Billy, proverà a cambiare vita e sua sorella sarà costretta a lasciare il sogno del lusso per aiutare il padre, ripiombando nelle dinamiche del paese.

American Rust non è un giallo o un thriller classico, quanto un’analisi sulla provincia contemporanea. Uno spaccato di un mondo lontano dai fasti, in cui i sogni spariscono sotto la coltre di ruggine che avvolge le fabbriche in disuso.

American Rust e quell’eccessiva ricerca della realtà

Una serie che spazza via influencer e social per riportarci sulla terra ma lo fa in modo fin troppo compassato, portando il tema oltre la narrazione, finendo per insistere ossessivamente su alcune situazioni perdendo di vista il fulcro centrale della narrazione. American Rust sembra perdere l’equilibrio tra l’esigenza di raccontare uno spaccato di mondo, di dire “la verità” e quella narrativa della creazione di una serie tv. 

L’incedere fin troppo compassato non agevola lo spettatore che fatica a trovare un punto d’appiglio per continuare l’esperienza con la serie, oltre le interpretazioni dei protagonisti. Jeff Daniels, Maura Tierney fanno il loro mestiere nel dar vita all’endemica tristezza di Del e alla tenacia di Grace, Alex Neustaedter è perfetto nel ruolo dell’ex atleta che reprime con rabbia i sogni infranti, Bill Camp dà corpo all’orgoglio di un padre ferito, costretto sulla sedia a rotelle, incapace di vivere da solo e abbandonato da un sistema sanitario che non esiste.

- Pubblicità -

Ma tutti questi personaggi restano quadri di una realtà più che parti di una narrazione, finendo per restare estranei al loro stesso racconto. American Rust pecca nella resa e non nella sostanza.

Voto 7

Il cast

  • Jeff Daniels è Del Harris
  • Maura Tierney è Grace Poe
  • Bill Camp è Henry English
  • Alex Neustaedter è Billy Poe
  • David Alvarez è Isaac English
  • Mark Pellegrino è Virgil Poe
  • Rob Yang è Steve Park
  • Jon Collin Barclay è Aaron
  • Clea Lewis è Jillian
  • Dallas Roberts è Jackson Berg
  • Diretto da John Dahl, Darnell Martin e Craig Zisk
- Pubblicità -