Recensione Archive 81 da oggi su Netflix, [inserire un titolo qui]

archive 81
Foto Cr. Quantrell D. Colbert/Netflix © 2021
- Pubblicità -

Recensione Archive 81, il nuovo thriller disponibile dal 14 gennaio 2022 su Netflix. Ecco i nostri commenti

Da venerdì 14 gennaio 2022 su Netflix è disponibile “Archive 81” una serie che viene leggermente spoilerata dal sottotitolo scelto per la versione italiana, come spesso accade. Archive 81 è un thriller composto da 8 episodi scritto da Rebecca Sonnenshine (The Boys, The Vampire Diaries) alla sua prima esperienza da showrunner in una serie.

La serie racconta la storia di Dan che un giorno viene ingaggiato da qualcuno per restaurare delle videocassette che contengono dei filmati di una ragazza, realizzati nel 1994, che era alla ricerca della madre in un palazzo nel cuore di New York (qui trama completa e trailer). Noterete che i nostri commenti oggi sono abbastanza diversi tra loro, ecco perchè abbiamo giocato col titolo della recensione.

- Pubblicità -

Recensione Archive 81, stagione 1 – I nostri commenti

Archive 81 l’inganno iniziale che conquista

Archive 81 ha un grande merito: i primi episodi imbastiscono una trama avvincente che cattura lo spettatore sempre a caccia di misteri. Peccato però che finisca per essere soltanto un inganno. La serie con il passare delle puntate sembra andare alla ricerca spasmodica della scena a effetto, del colpo di scena, pescando volutamente a piene mani dall’immaginario horror/thriller con finti omaggi che hanno il retrogusto dell’eterno ritorno dell’uguale.

Il tentativo di rendere i due “universi paralleli” allo stesso livello, crea un effetto straniante che finisce per dimenticare l’espediente dei filmati ritrovati. E quando ci vengono mostrate scene in cui nessuno dei due protagonisti è presente, bisogna accettare la normalizzazione del racconto. Se i due protagonisti riescono a dar forma a personaggi complessi e strutturati, tutti gli altri sembrano incastrati in stereotipi del genere a partire dai pur bravi Martin Donovan e Matt McGregory. Particolarmente riuscito il personaggio di Dan che ci aiuta anche a superare l’idea dell’assurdità del suo incarico: perchè quelle cassette sono lì e non possono essere spostate?

Il susseguirsi continuo di colpi di scena sempre più a effetto con il passare delle puntate risulta fin troppo ossessivo soprattutto per una serie pensata per il binge watching e non per il rilascio settimanale. Però in Archive 81 la storia alla base c’è e funziona, al netto di alcune scelte da rivedere. Per questo è un buon prodotto d’intrattenimento che piacerà agli appassionati del genere. Voto 6.5 Riccardo Cristilli

Abbiamo un nuovo podcast sulle serie tv, si chiama Crossover, è gratis è puoi ascoltarlo cliccando qui.

Quando il già visto può essere ristrutturato

Archive è uno di quei pochi casi in cui quello che di solito si comunica per incuriosire il grande pubblico, corrisponde a quello che in realtà ci troviamo davanti. Gli sceneggiatori hanno dichiarato che si sono ispirati a X-Files, Fringe e Shining per questa serie, e senza fare un mero paragone, Archive 81 ha davvero tanti elementi dei tre generi a cui appartengono. Non si può elaborare molto su questa affermazione ma basta dire che la serie salta tra generi ed è il risultato di un’idea molto più complessa di quella che avrete in mente quando inizierete a guardarla.

Archive 81 non un cast di attori bravissimi da farci urlare al capolavoro, ma il suo vero punto di forza è la storia, come questa è strutturata e il livello di coinvolgimento che genera. La serie sa quando rivelare i suoi assi, non è una serie campata in aria, l’impressione è che ci sia un progetto e che la prima stagione sia solo un tassello, anche il cliffhanger finale è frutto di uno sviluppo che inizia ben prima dell’ultimo episodio. Archive 81 sicuramente non sarà originale nei rimandi ai vari generi, ma fa un ottimo lavoro nel mescolarli e “ristrutturarli” creando un prodotto diverso. Voto: 7.5 – Davide Allegra.

…è da vedere se

Archive 81 è una serie perfetta per l’algoritmo, sicuramente è un buon prodotto se avete visto Dark, o The OA (sempre su Netflix), o più in generale se siete amanti dei thriller ad alto contenuto di colpi di scena. Per scoprire altre serie tv da vedere simili c’è l’app gratuita dei nostri partner TV Tips. Divertirvi a cercare il vostro nuovo amore seriale potete sfruttare la funzione “match” per trovare nuove serie: scarica l’app, il tuo prossimo amore seriale ti aspetta.

- Pubblicità -