Corpo Libero, il teen thriller all’italiana nel mondo della ginnastica su Paramount+

Corpo Libero

Corpo Libero serie tv su Paramount+ dal 26 ottobre 2022, nel 2023 su Rai 2

Corpo Libero è la serie tv disponibile su Paramount+ composta da 6 episodi pubblicati al ritmo di due a settimana a partire dal 26 ottobre 2022. Presentata ad Alice nella Città sezione della Festa del cinema di Roma, la serie è tratta dal romanzo omonimo di Ilaria Bernardini edito da Mondadori e nel corso del 2023 arriverà su Rai 2 in chiaro.

La serie è ambientata nel mondo della ginnastica artistica femminile. Corpo Libero è un teen thriller con al centro un gruppo di ragazze e un misterioso omicidio. Oltre alle giovani atlete protagoniste nel cast troviamo anche Antonia Truppo, Filippo Nigrno e Barbara Chichiarelli. Cosima Spender e Valerio Bonelli si sono divisi la regia dei sei episodi.

Corpo Libero la trama della serie

Martina ha 15 anni, la ginnastica artistica è la sua vita da sempre, ma un infortunio ne ha messo a repentaglio la carriera. Dopo essersi ripresa torna a gareggiare con la Vis Invicta, squadra napoletana che rappresenta l’Italia al torneo Winter Fox che si svolge in Abruzzo. La stella della squadra dopo l’infortunio di Martina è diventata Carla affiancata sempre dalla sua ombra Nadia e dalle “inutili” Anna e Benedetta.

Per un’intera settimana, giorno dopo giorno, chiuse in un albergo di montagna rimasto fermo nel tempo, si sfideranno insieme alle atlete di altre quattro squadre cercando di centrare l’obiettivo più alto: un posto alle prossime Olimpiadi. Il ritrovamento del cadavere di una ragazza nei boschi cambia tutto. L’indagine diventa l’occasione per conoscere meglio il mondo delle protagoniste e le tante bugie che si raccontano.

Le interviste al cast di Corpo Libero

Corpo Libero la recensione

Un thriller adolescenziale che rimanda a quelle produzioni che occupano sempre più spazio sulle piattaforme contemporanee. Corpo Libero è però anche una produzione Rai e questo si percepisce in modo chiaro ed evidente in alcune scelte di sceneggiatura e di regia, nelle smussature degli angoli più spigolosi. Persiste un’eccessiva enfasi nei dialoghi che rende tutto innaturale. La costruzione con l’interrogatorio che rimanda alla prima stagione di The Affair o di True Detective, è utile per scandire il ritmo del racconto ma non è sfruttato a pieno, appare più il controcanto del racconto che la sua misura. Non c’è corrispondenza tra il racconto di Martina e le immagini di quelli che dovrebbero essere flashback, svilendo il valore di questa costruzione.

Lontano dal trucco di Tito Tazio in Romulus, Emanuele Maria Di Stefano è una piacevole conferma, pur in un ruolo minore e più semplice rispetto a quello della serie Sky. Gli adulti svolgono il loro compito in modo impeccabile ma i personaggi sembrano tagliati su misura su quello che devono rappresentare, senza avere un respiro più ampio. Nelle prime due puntate che ho avuto modo di vedere in anteprima, è la componente thriller a non manifestarsi. Il racconto si concentra sulle dinamiche delle ragazze e l’omicidio viene ricordato soltanto dalla detective in alcuni sporadici interventi. Complessivamente Corpo Libero appare poco fluida, una serie frammentata, che non riesce a trovare una sua anima definita ma che nasconde sotto la neve un grosso potenziale.

La descrizione del mondo della ginnastica artistica, delle gare, è inquietante, le dinamiche tra le ragazze hanno risvolti pericolosi per la salute fisica e mentale delle stesse. Un mondo in cui anche gli adulti favoriscono una competizione tossica e non pulita, cercando una valvola di sfogo per le proprie delusioni.

Il Trailer

Il cast di Corpo Libero

  • Antonia Truppo è Rachele Riace
  • Filippo Nigro è Alex Borrelli
  • Alessia De Falco è Martina Del Bianco
  • Barbara Chichiarelli è Elena Pace
  • Eva Iurlaro è Benedetta Palazzi
  • Giada Savi è Carla Castoldi
  • Federica Cuomo è Nadia Lettieri
  • Giada Pirozzi è Anna Iovine
  • Emanuele Maria Di Stefano è Pietro Ianni
Riccardo Cristilli
Riccardo Cristilli
Per andare da A a B passereste prima per C? Se si perchè? e D? Non rischia di offendersi se non gli facciamo nemmeno un saluto? Ma soprattutto, che razza di bio è questa? Siete sicuri di volere una biografia? Mi trovate su Fb/tw/G+/pinterest/instagram/linkedIn come Riccardo Cristilli, il modo più semplice per farvi i fa....ehm conoscermi meglio. Per comunicati, eventi, news sulle serie tv scrivete a riccardo.cristilli@gmail.com o info@dituttounpop.it