Fedeltà, la recensione della nuova serie tv italiana su Netflix, che ci prova ma non si impegna

fedeltà
FEDELTA (L to R) MICHELE RIONDINO as CARLO and LUCREZIA GUIDONE as MARGHERITA in episode 102 of FEDELTA Cr. SARA PETRAGLIA/NETFLIX © 2021
- Pubblicità -

Recensione Fedeltà su Netflix da oggi lunedì 14 febbraio

Fedeltà è la nuova serie tv italiana di Netflix disponibile da oggi, lunedì 14 febbraio per sfruttare l’onda di San Valentino con una serie romantica, che parla d’amore, di desiderio, di tradimenti. Nei commenti che compongono la nostra recensione alla serie tv proveremo ad anticiparvi i temi di una miniserie che non ci ha particolarmente colpito soprattutto per un senso di freddezza e distacco che traspare guardandola.

I sei episodi (nemmeno troppo lunghi) che compongono Fedeltà sono tratti dal romanzo di Marco Missiroli (Einaudi), finalista al 73° Premio Strega e vincitore del Premio Strega Giovani. Al centro la storia di Margherita e Carlo, architetto diventata agente immobiliare lei, scrittore e insegnante precario lui, una coppia “perfetta” travolta dal germe di un possibile tradimento.

Fedeltà il commento di chi ha letto il libro…

Rimanere fedeli a un libro senza tradirlo ma rinnovandolo con un linguaggio diverso è un’impresa ardua, raramente portata a termine nelle serie tv più recenti, e Fedeltà non fa eccezione. Se l’opera letteraria, infatti, seppur estremamente dilatata in alcuni passaggi,
riesce nell’obiettivo di raccontare la storia di Carlo e Margherita (di per sé già
poco originale) attraverso una narrazione potente e dialoghi ben scritti, lo stesso non si può dire della serie, che presenta molti dei (soliti) difetti tipici delle serie tv italiane targate Netflix: dialoghi deboli e una recitazione troppo “teatrale” e poco realistica.

Il risultato è una serie molto fisica, molto più “borghese” rispetto al romanzo, troppo “urlata” in alcune scene e decisamente poco spontanea per tutta la durata. Tra i pregi, la scelta di una malinconica Milano sullo sfondo (splendide le riprese in questo senso) e la brevità degli episodi, che alleggeriscono un racconto di per sé parecchio pesante. Voto 5 Giorgia Di Stefano

….e di chi non l’ha letto

Indubbiamente la lettura condiziona la visione di un film o di una serie tratti da un’opera esistente, al tempo stesso però è fondamentale che sia possibile godere di questo prodotto senza necessariamente avere la conoscenza acquisita dal romanzo. L’adattamento deve poter funzionare da solo ed essere godibile sia per tutti, solo così si può definire riuscito. Fatta questa premessa, Fedeltà è una miniserie difficile da definire. Non è una fiction da tv generalista in chiaro, troppo spinta e provocante, al tempo stesso non è una miniserie d’autore nè (forse, chissà) ha la pretesa di esserlo.

Finisce così per essere solo l’ennesimo titolo che avrà il suo inevitabile successo italiano ma senza lasciare un segno ben definito nel panorama contemporaneo. L’impressione è che Netlfix ancora non abbia capito (o forse non le interessa) la formula giusta per rendere una serie italiana, un successo internazionale. Il gusto complessivo che traspare dalla serie è lontano da quello contemporaneo che si respira nella serialità internazionale. C’è una velo di eccessiva patinatura di perfezione che rende tutto freddo e innaturale, come già ben descritto nel commento precedente.

L’eccessiva bellezza da serie californiana, cozza con la possibilità di renderlo un racconto adatto a tutti. Una bellezza degli ambienti, dall’università ai vernissage altolocati, e dei personaggi come il fisioterapista con lo studio con enorme vetrata extra lusso, troppo anche per la “cool” Milano. La confezione c’era, la sostanza anche perchè il racconto del desiderio che incrina una coppia solida per quanto non nuovo funziona sempre, bastava sgrezzare la messa in scena, rendere tutto più naturale per avere un prodotto per lo meno discreto, ma sicuramente più umano. Voto 5.5 Riccardo Cristilli

è da vedere se…

Se cercate serie che affrontino tematiche simili, ma caratterizzate da un’ottima
sceneggiatura e una brillante regia, vi consigliamo, senza alcun dubbio, Scene
da un matrimonio (su Sky e NOW) e Wanderlust (Netflix). Divertirvi a cercare il vostro nuovo amore seriale con la funzione “match” di TvTips per trovare nuove serie: scarica l’app, il tuo prossimo amore seriale ti aspetta.

Clicca sul banner per scaricare l’app TVTips, è gratis
- Pubblicità -
PANORAMICA RECENSIONE
Riccardo Cristilli
5.5
Giorgia Di Stefano
5
Fedeltà la recensione della serie italiana di Netflix, commenti, opinioni, il voto della serie, da vedere oppure no, il giudizio della seriefedelta-recensione-serie-netflix-commenti-opinioni-voto-da-vedere