Il Simbolo Perduto dal romanzo di Dan Brown la serie tv su Sky e NOW in streaming

Il Simbolo Perduto Calendario
- Pubblicità -

Recensione Il Simbolo Perduto su Sky Serie da lunedì 8 novembre, serie tv prequel de Il Codice Da Vinci

Robert Langdon arriva in tv. Il personaggio creato da Dan Brown e portato al cinema da Tom Hanks è il protagonista di Il Simbolo Perduto – The Lost Symbol nuova serie tv in partenza da oggi su Sky Serie lunedì 8 novembre 2021, anche in streaming su NOW.

Il fascino del simbolismo, degli intrighi che hanno fatto la fortuna dei romanzi e dei film della saga, si ritrova in questa serie tv di fatto ambientata diversi anni prima de Il Codice Da Vinci e che vuole rappresentare l’avvio delle avventure di Langdon esperto di simbologia, professore di Harvard pronto all’avventura…suo malgrado. Inizialmente l’idea era di farne un film con Tom Hanks, poi però la produzione optò per l’adattamento di Inferno. Il progetto, prodotto da Imagine Television, CBS Studios e Universal è diventato così un pilot per NBC che però l’ha scartato preferendo dirottarlo sulla sua piattaforma di streaming Peacock (prossimamente anche in Italia via Sky).

- Pubblicità -

Il Simbolo Perduto….di una serialità vintage

Giocando con il titolo della serie tv la serie tv di Peacock (e Sky Serie e NOW) è Il Simbolo Perduto di una vecchia serialità, non a caso inizialmente pensata per la tv generalista. Al pari dei film e dei romanzi della saga, la serie tv è un prodotto di intrattenimento rivolto al pubblico più ampio possibile, appassionati di misteri, d’avventura, di complotti e simbologia. Se questo funzionava al cinema e nelle librerie, oggi nel 2021, funziona molto meno in tv e soprattutto per lo streaming.

Probabilmente NBC ha fatto un errore a decidere di non tenersi la serie (e infatti il primo episodio oggi 8 novembre sarà trasmesso da NBC) perchè Il Simbolo Perduto è più adatto a trattenere l’attenzione dello spettatore tv che a esser scelto su una piattaforma di streaming. Come vi abbiamo raccontato nell’ultimo numero della newsletter (è gratis e vi potete abbonare qui), Peacock sembra mostrare i limiti di una piattaforma cui manca un prodotto originale riconoscibile, capace di spingere gli abbonamenti con la forza della discussione collettiva social(e). E Il Simbolo Perduto non può invertirne il trend.

La serie tv non spicca per qualità, nè per capacità di incuriosire le masse, piuttosto è quella tipologia d’intrattenimento che vedi quasi per caso e poi magari ti appassioni e recuperi le puntate, che ti cattura con la simbologia, con il fascino del mistero, ma non ti trattiene e finisci quasi per dimenticartene. Pur non avendo i classici casi di puntata ma un unico mistero che percorre tutte le puntate, un po’ come un altro adattamento cinematografico realizzato da NBC, quello de Il Collezionista d’ossa (cancellato dopo una stagione). Per questo è al contempo imperfetta per Peacock ma perfetta per Sky, perchè la vedi su Sky Q in evidenza e magari incuriosito la inizia. Non devi cercarla è già lì per chi è abbonato.

Tutto come previsto

La serie è un adattamento abbastanza fedele del romanzo, con la differenza che è ambientata diversi anni prima de Il Codice Da Vinci mentre per Dan Brown è il terzo romanzo della saga. Robert Langdon (interpretato da un Ashley Zukerman che si limita a fare il compitino al contrario di quanto dimostrato in passato come in Manhattan) è un giovane professore di Harvard chiamato dall’assistente del suo mentore Peter Solomon a tenere una lezione a Washington. Peccato che in realtà sia una trappola di Mal’akh, che ha rapito Solomon per spingere Langdon a trovare un antico portale.

A quel punto parte quell’avventura che ti aspetti da una serie come Il Simbolo Perduto tratta dal romanzo di Dan Brown: il professor Langdon inizia a indagare, risolve enigmi come una Fletcher qualsiasi, e a ogni illuminazione si prodiga in lunghe spiegazioni per chi gli sta intorno e per gli spettatori sulla storia di quel determinato simbolo. Ad affiancare Langdon nelle indagini l’agente della CIA Sato che ha un legame con la famiglia Solomon mentre l’agenzia vorrebbe mettere le mani sul portale; la figlia di Solomon con cui Langdon ha avuto una relazione; un agente del Campidoglio coinvolto suo malgrado; l’architetto del Campidoglio, amico di Solomon, anche lui della massoneria.

Il risultato è quello di un intrattenimento piacevole, rilassante, spensierato non nel senso di leggero quanto di un prodotto da vedere lasciandosi guidare dal protagonista e dai personaggi, senza troppi sforzi perchè tutto viene spiegato, con momenti di spiegazione di vari passaggi tipici dei prodotti da generalista. Voto 6+

Il Simbolo Perduto da vedere se…

Il Simbolo Perduto è da vedere se hai letto i libri di Dan Brown e visto i film con Tom Hanks. Restando nel mondo delle serie tv Il Simbolo Perduto su Sky Serie e NOW con 2 episodi a settimana per 5 settimane, è da vedere se ti sono piaciute serie tv come Warehouse 13 con i suoi misteri settimanali, Blood & Treasure e la sua avventura in giro per il mondo o The Librarians con i suoi misteri da scoprire.

Grazie all’app di TvTips puoi divertirti a “matchare” le serie tv e scoprire sempre quella più adatta ai tuoi gusti in base alle serie tv che hai già visto in precedenza. Per scoprire la tua nuova “storia d’amore seriale” scarica l’app e inizia a giocare con Match.

Il Cast

  • Ashley Zukerman è Robert Langdon
  • Eddie Izzard è Peter Solomon
  • Valorie Curry è Katherine Solomon
  • Beau Knapp è Mal’akh il misterioso nemico tutto ricoperto di tatuaggi
  • Rick Gonzalez è Alfonso Nunez agente del Campidoglio trascinato nella vicenda
  • Sumalee Montano è l’agente Sato della CIA
- Pubblicità -