Jake Borelli di Grey’s Anatomy e Niko Terho protagonisti del film di San Valentino di Freeform

jake borelli

The Thing About Harry il film di San Valentino di Freeform con Jake Borelli di Grey’s Anatomy

Freeform, canale cable del gruppo Disney prepara il film d’amore per il prossimo San Valentino che vedrà come protagonista uno dei dottori di Grey’s Anatomy.


Jake Borelli, Levi in Grey’s Anatomy sarà il protagonista di The Thing About Harry accanto a Niko Terho per la prima volta protagonista in tv. Il film tv che avrà al centro una storia d’amore gay vedrà Borelli nei panni di Sam, costretto a fare un viaggio in macchina con Harry (Terho) suo rivale fin dai tempi delle superiori. I due torneranno insieme in Missouri nella loro città natale per la festa di fidanzamento a San Valentino, di un comune amico.

Quando Sam scopre che Harry ha fatto coming out, tutto cambia e i due uomini inizieranno a cambiare la prospettiva della loro amicizia, a conoscersi meglio, non volendo ammettere che potrebbe esserci qualcosa di più ma lasciandoli riflettere sul fatto che un viaggio in macchina potrebbe aver per sempre cambiato la lroo vita.

Sam (Borelli) è ragazzo gay, bello, divertente, nevrotico con una visione idealista del mondo ma anche una forma di caustica saggezza. Avendo fatto coming out quando era ancora nella sua cittadina del Missouri è stato spesso vittima dei bulli. Harry (Terho) è un ragazzo che ama divertirsi, è promiscuo ma in fondo sogna solo amore e stabilità anche se ha paura di impegnarsi.

Karamo Brown di Queer Eye sarà il co-protagonista Paul, mentre Britt Baron sarà Stasia la migliore amica di Sam. Peter Paige sarà il regista ma interpreterà anche Casey il coinquilino di Sam.

Paige e i produttori Greg Gugliotta e FJ Denny hanno dichiarato che per loro è un onore collaborare “con Freeform per realizzare un film con personaggi LGBTQ+ come protagonisti. La vera uguaglianza è possibile solo quando riesci a ritrovarti in film, brani e storie che fanno parte della cultura. Da ragazzi gay negli anni ’90 vedevamo sempre le commedie romantiche in cui la protagonista si innamorava e non potevamo far altro che immaginare come fosse se un ragazzo dicesse le stesse cose a un’altro. Da sempre volevamo fare un film, una commedia romantica che i ragazzi queer non avessero bisogno di tradurre“.

Questo è un periodo d’oro per la rappresentanza LGBTQ+ in tv almeno negli Stati Uniti. Come ha rivelato GLAAD nel report Where We Are on Tv: c’è un picco mai raggiunto prima di personaggi LGBTQ regulars nelle serie tv ma soprattutto c’è un incremento di diversità nelle razze di questi personaggi sia sulla cable che sui canali broadcast anche se in parallelo sono in calo sullo streaming. In oltre per la prima volta in 24 anni, i personaggi LGBTQ regular o ricorrenti donne hanno superato gli uomini 53 a 47%.