Natalie Portman protagonista del film HBO de I giorni dell’abbandono di Elena Ferrante

Natalie portman I giorni dell'abbandono
Foto Youtube
- Pubblicità -

I giorni dell’abbandono di Elena Ferrante diventa un film tv HBO con Natalie Portman protagonista

HBO ha scoperto Elena Ferrante e dopo L’Amica Geniale co-prodotto dalla Rai sta lavorando a un film adattamento del romanzo I Giorni dell’Abbandono – The Days of Abandonment (il titolo originale) con Natale Portman come protagonista e produttrice.

Il romanzo del 2002 era già stato portato al cinema nel 2005 da Roberto Faenza con Medusa Film e Sky e Luca Zingaretti e Margherita Buy come protagonisti. Al centro la storia di Olga moglie e madre di due figli, abbandonata all’improvviso dal marito che si è innamorato di una donna più giovane. Il matrimonio perfetto sgretolato nel giro di pochi istanti. Così Olga inizia un viaggio introspettivo sul ricordo del passato che la porta alla disperazione, fino a non mangiare più e a non dormire.

- Pubblicità -

Non ci sono cause e rimedi a un nuovo amore, non c’è qualcosa che poteva fare in modo diverso, semplicemente Mario si è innamorato di un’altra. L’incontro con un musicista solitario che vive nel suo stesso palazzo può essere lo stimolo per ricominciare.

Il film HBO è scritto da Maggie Betts, prodotto da Portman con la MountainAFilms, Fandango e dalla stessa Ferrante; HBO film produrrà in collaborazione con Medusa (che evidentemente ha i diritti del romanzo). La protagonista si chiama in questa versione Tess e naturalmente il tutto sarà riportato al mondo americano mantenendo però al centro la crisi personale di una donna costretta a fare i conti con la sua femminilità e con i meandri più oscuri della mente.

Portman sarà anche la protagonista di Lady in the Lake miniserie Apple tratta dal romanzo di Laura Lippman. Il mondo di Elena Ferrante continua così a esser sempre più portato nell’universo visivo. Dopo l’Amica Geniale co-produzione Rai-HBO con Wildside anche Netflix avrà il suo pezzo di Ferrante visto che sta lavorando a La vita bugiarda degli adulti tratto sempre da un suo romanzo.

- Pubblicità -