Home CINEMA Press play – La musica della nostra vita, che noia! – La...

Press play – La musica della nostra vita, che noia! – La recensione

- Pubblicità -
Press Play recensione

Press Play trama e recensione del film su Prime Video dal 16 luglio 2022

Press Play – La musica della nostra vita, è un mostro di banalità. C’è poco da aggiungere. Pellicola di genere romantico del 2022 scritta e diretta da Greg Björkman, è ispirata a una storia scritta da Josh Boone.

Il film, prodotto da CJ Entertainment e Jalapeno Goat, è stato rilasciato negli Stati Uniti il 24 giugno ha ricevuto dalla critica pareri abbastanza tiepidi, e la cosa non ci stupisce. É disponibile su Prime Video dal 16 luglio 2022. Ha alte probabilità di finire nella Top Ten di Prime Video? Non riusciamo a immaginarlo.

- Pubblicità -

Press Play, la trama

Laura è una pittrice acqua e sapone che ha perso il padre e ama il mare. Un giorno la sua amica del cuore Chloe la convince ad entrare nel negozio di dischi in cui lavora il suo fratellastro, Harrison, che ama il surf e la musica. Chloe pensa che sarebbero perfetti insieme, e ci tiene molto a farli conoscere. Non si sbaglia.

- Pubblicità -

Laura e Harrison si mettono insieme. Entrambi appassionati di musica, decidono di fare una cassetta con le loro canzoni preferite. Lei viene accettata in un programma di mentorship artistica, lui decide di rinunciare a studiare medicina (come vorrebbero per lui i suoi genitori) per restare con lei. Un incidente, però, lo ucciderà, rubando la gioia anche a Laura. La ragazza, dopo anni, tornerà in possesso della loro cassetta, e qualcosa di sorprendente succederà.

Recensione

Parlare di questo film è difficile perché non c’è molto da dire. È un film drammatico, romantico, con la morte e i viaggi nel tempo. Il grande colpo di trama, infatti, è che ogni volta che Laura ascolta una canzone del loro mixtape viene trasportata indietro nel tempo al momento in cui lei e Harrison la ascoltarono per la prima volta. Questo presuppone un numero limitato di viaggi nel tempo, che lei decide di usare per cercare di metterlo in guardia sulla sua fine e per evitare che muoia. Ogni volta che torna nel presente, però, scopre che lui è ancora morto, sempre in modi diversi, ma che il resto della storia ha subito qualche modifica. Questo potrebbe essere un problema, perché i suoi interventi potrebbero finire per compromettere l’esistenza stessa del mixtape, sua unica arma per impedire che il ragazzo perda la vita.

- Pubblicità -

Raccontato così, forse, sembra più avvincente di quello che è. Quest film non dice nulla di nuovo né sull’amore, né sul lutto, né sulla musica né tantomeno sui viaggi nel tempo. I protagonisti sono criminalmente senza personalità, la storia scorre senza grosse arguzie né picchi né spunti né sprazzi. Da Lewis Pullman, che si è anche guadagnato un ruolo in Top Gun: Maverick, ci si aspettava forse un pizzico in più di fascino. Guardate Palm Springs, piuttosto.

- Pubblicità -

Il cast

Clara Rugaard è Laura
Lewis Pullman è Harrison
Lyrica Okano è Chloe
Christina Chang è Mrs. Knott
Matt Walsh è Mr. Knott
Danny Glover è Cooper