Prime Impressioni: Bluff City Law il legal drama che parte direttamente con il quinto episodio

Bluff City Law - Palinsesto NBC 2019

Bluff City Law un procedurale legal da dimenticare in fretta perchè tanto non durerà molto

In attesa probabilmente che fosse pronta Zoey’s Extraordinary Playlist, il dramedy su una ragazza che immagina i pensieri delle persone sotto forma di canzoni, NBC piazza dopo The Voice Bluff City Law, un classico legal drama in formula procedurale.

Bluff City Law – La Trama

Ambientato a Memphis i Tennessee, Bluff City Law è un legal drama con al centro uno studio a conduzione per lo più familiare in cui, dopo anni a difendere grandi aziende, torna Sydney figlia del titolare Elijah Strait che decide di tornare a occuparsi di grandi battaglie civili.

Le prime Impressioni

Bluff City Law è un pilot di cui è inutile imparare la trama, il cast o qualsiasi dettaglio perchè difficilmente varcherà la soglia dei primi episodi ordinati. Un pilot che non è un pilot, un primo episodio, ma una puntata qualsiasi, con eventi gettati in pasto casualmente allo spettatore e situazioni che si evolvono con una facilità incomprensibile. Un complicato caso di avvelenamento di cui è responsabile una grande azienda viene risolto nel giro di 40 minuti come un procedurale qualsiasi, lasciando però nessuno spazio alle vicende personali o al caso stesso.

Guardando questi 40 minuti viene da chiedersi perchè NBC abbia deciso di ordinarla se non per un debito di riconoscenza verso Jimmy Smits che per la terza volta interpreta un avvocato sul canale. Imbarazzante la scelta della co-protagonista che difficilmente potrebbe essere scambiata per la figlia di Smits così come la scelta curata con il bilancino dei vari personaggi: il maschio alfa, l’amico afro-americano, la lesbica veterana, il ragazzo nerd (che si capisce praticamente subito che…vabbè sorvoliamo), prendiamo tutti per non prendere nessuno.

Il fallimento della tv generalista americana passa anche per questi prodotti. Voto 4 Riccardo Cristilli


Vi risparmio i dettagli sui difetti della serie perchè sono già elencati sopra e vi annoiereste. Ma visto che il nostro obiettivo è anche annoiarvi con tecnicismi da osservatori di televisione americana vi dico la prima cosa che ho pensato guardando il pilot di Bluff City Law: perchè NBC l’ha ordinato? E soprattutto, perchè l’ha messo nello slot post The Voice, visto che non condividono niente?

La risposta che mi sono dato è: visto che non posso pensare che i vertici di NBC siano dei folli, secondo me questa serie è stata pensata come rimpiazzo da midseason, quella serie che metti in quello slot difficile sapendo che che non ce la farà mai, come la domenica a febbraio perchè è finito il football. La lasci morire lì perchè in nessun modo questa serie potrà attrarre pubblico in streaming, è vecchia, surreale e noiosa.

Tra le altre cose NBC aveva anche un pilot (sulla carta straordinario) da piazzare immediatamente dopo The Voice, ed era Zoey’s Extraordinary Playlist, ma viste le modifiche annunciate poco dopo l’ordine (Lauren Graham è entrata nel cast sostituendo un’attrice che era nel pilot), e il fatto che la Universal Music deve produrre anche le canzoni, probabilmente non sarebbero riusciti a realizzare la serie prima dell’inizio della stagione televisiva. Sarà andata così? Mi piace pensarlo e poi avrei fatto di tutto pur di non parlare del pilot di Bluff City Law. E’ la prima serie della stagione che per me si ferma al pilot. 4 – Davide Allegra.

Gli ascolti della premiere

Bluff City Law ha debuttato con lo 0.8 di rating e 4,7 milioni perdendo gran parte del pubblico lasciato da The Voice, inoltre la nuova serie non ha suscitato grande interesse negli spettatori: nei primi 3 giorni ha guadagnato solo 0.2 e circa due milioni finendo terza nello slot delle 22 del lunedì.

Il Cast

  • Jimmy Smits è Elijah Strait, è la terza volta che Smits interpreta un avvocato per NBC
  • Caitlin McGee è Sydney Strait, figlia di Elijah, lascia il lavoro a difesa delle grandi aziende e torna dal padre nonostante le tensioni degli ultimi anni
  • Barry Sloane è Jake Reilly, avvocato e senior partner dello studio
  • Michael Luwoye è Anthony Little, avvocato dello studio e vecchio amico di Sydney
  • Stony Blyden è Emerson, un introverso assistente legame
  • Jayne Atkinson è Della Bedford, avvocato, gay, vecchia amica di Elijaha
  • MaameYaa Boafo è Briana Logan, assistente .