Recensione Jack Ryan stagione 2: un action perfetto per dimenticare tutto (anche i difetti della serie)

Recensione Jack Ryan stagione 2

Recensione Jack Ryan stagione 2, da oggi su Amazon Prime Video: confermato lo stile della serie, con i suoi pregi e difetti, ma la storia diventa attuale.

A poco più di un anno dal debutto della prima stagione, Amazon Prime Video ha rilasciato oggi, giovedì 31 ottobre, un giorno prima del previsto, la seconda stagione di Jack Ryan. Un weekend perfetto per guardare un action puro pieno di colpi di scena, dimenticandosi dei problemi (e dei difetti della serie).


Jack Ryan di Tom Clancy è co-prodotta da Amazon Studios, Paramount Television e Skydance Television.

Jack Ryan, la trama della seconda stagione

Nella seconda stagione di Jack Ryan, dopo aver tracciato una spedizione potenzialmente sospetta di armi illegali nella giungla venezuelana, l’agente della CIA Jack Ryan, interpretato da John Krasinski, si dirige in Sud America per indagare sul campo. Ma le indagini di Jack sono una minaccia, potrebbero portare alla luce una cospirazione ben più grande. Il Presidente del Venezuela, infatti, attiva un piano che riesce a sviare Jack e tutto il team portandoli a investigare negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Russia e di nuovo in Venezuela dove riescono finalmente a svelare l’efferato complotto del Presidente, riportando stabilità in un paese sull’orlo del tracollo.

Le serie tv e i film a novembre su Amazon Prime Video – Clicca qui

Recensione Jack Ryan stagione 2: i nostri commenti

Si tratta di una seconda stagione quindi conosciamo la serie, e conosciamo i personaggi (anche se quest’anno Jack Ryan sembra meno tormentato e più sicuro di se, forse anche troppo) e possiamo saltare quel senso di smarrimento che si prova nelle prime stagioni. Ma Jack Ryan ha la classica formula da action movie con ogni stagione che si concentra su una nuova storia e l’unico filo conduttore sono i personaggi e le loro vicende personali. La storia di quest’anno si fa più attuale perchè il racconto si sposta in Venezuela e si concentra molto sul tipo di  “democrazia” che vige in quel paese, che è stata protagonista dei titoli di giornale nell’ultimi anni.

Quindi abbiamo un set di nuovi personaggi, dal presidente autoritario, alla sua avversaria alle prossime elezioni da intimidire, una storia di spionaggio internazionale e tutti gli ingredienti dell’action rilassante sono serviti, compresi i suoi difetti. La storia si svolge meccanicamente, ogni piccola e grande svolta è messa lì per portare i protagonisti a compiere delle azioni che a loro volta portano a colpi di scena. Ci sono le sparatorie, e infine ci sono scene lunghissime e prive di suspance in cui il protagonista si trova in pericolo di vita, come se una serie dal titolo “Jack Ryan” potesse far a meno del suo protagonista.

Jack Ryan ha tutti gli elementi per essere classificato in quella macro categoria dell’intrattenimento da divano, quello che ti coinvolge e ti fa dimenticare tutto, anche i difetti della serie stessa. Voto 7, perchè una produzione di questo tipo, girata tutta in location e che merita un posto nella nostra lista delle cose da guardare, non può meritare meno. Davide Allegra.


Jack Ryan è sempre lui. Libri, film, serie tv: non cambia il formato resta sempre l’analista della CIA con la faccia dell’uomo per bene che si traveste da Rambo. E non per Halloween. In questa seconda stagione la formula non cambia. Anzi se c’è un’evoluzione è in negativo. Jack Ryan non ha più nulla dell’uomo qualunque, è un uomo d’azione fatto e finito, spietato e senza scrupoli ma dal cuore d’oro, sempre pronto a proteggere chi ama.

Curiosamente nello stesso giorno arrivano in Italia Caterina La Grande su Sky e Jack Ryan su Amazon e potrebbero essere usati come esempio di tipologie di pubblico che difficilmente possono incontrarsi. Una romantica e sentimentale, l’altro un’action spara tutto. Gli opposti si attraggono potrebbero diventare una coppia. In ogni caso la serie tratta dai romanzi di Tom Clancy e già rinnovata per una terza stagione, che speriamo smuova un po’ la formula location esotica-sparatorie-nemico-vittoria del cucciolo Ryan, è un intrattenimento piacevole per chi è in cerca di una scarica di adrenalina. Magari quel qualcosa da lasciare lì su Amazon Prime Video e vedere in tempi di magra. Voto 6.5 Riccardo Cristilli

Il cast:

Nel cast, oltre a John Krasinski, troviamo Wendell Pierce (The Wire) nel ruolo di James Greer, Noomi Rapace (Prometheus) nei panni di Harriet ‘Harry’ BaumannMichael Kelly (House of Cards) nel ruolo di Mike November.

Produttori esecutivi della serie sono Andrew Form, Brad Fuller, Michael Bay, Krasinski e Allyson Seeger, a cui si affiancano Carlton Cuse e Graham Roland, responsabili di aver adattato la serie per la TV.  Inoltre si annoverano tra i produttori esecutivi della seconda stagione anche Andrew Bernstein, Vince Calandra, David Graziano, Tom Clancy, David Ellison, Dana Goldberg, Marcy Ross, Mace Neufeld, Lindsey Springer, Dennie Gordon e Phil Abraham.