Recensione The Big Leap la serie tv su Disney+ che fa venir voglia di rimettersi in gioco

Data:

Recensione The Big Leap – Un’altra opportunità su Disney+ da oggi mercoledì 1 dicembre

The Big Leap – Un’altra opportunità è la serie tv in partenza oggi mercoledì 1 dicembre su Disney+ in streaming, composta da 11 episodi che saranno rilasciati settimanalmente. La serie è in onda negli USA su Fox prodotta da Fox Entertainment e 20th Television, creata da Liz Heldens. La serie è ispirata al docu-reality di Channel 4 del 2014 in cui si raccontava l’allestimento del Lago dei Cigni di una compagnia di ballo amatoriale.

In The Big Leap al centro c’è la storia di un produttore televisivo che in cerca di riscatto dopo un flop decide di creare uno show in cui un gruppo di ballerini non professionisti, si allena per mettere in scena Il Lago dei Cigni (qui i dettagli sulla trama e il cast della serie tv su Disney+).

Shall we dance?

C’è sempre tempo per sognare. Questo è lo spirito ottimista che esce da The Big Leap, una serie tv che vuole dare speranza allo spettatore dopo un lungo lockdown globale e una pandemia che fa ancora sentire i suoi effetti. Bisogna sempre crederci che domani possa essere migliore ma soprattutto bisogna volerlo, mettendosi in gioco sfidando limiti e convenzioni. Ma senza smettere di sorridere. Perchè The Big Leap è una serie che fa ridere, che fa divertire, che fa ballare, dal gran ritmo e dalla grande capacità di far commuovere lo spettatore.

Iniziando l’avventura di questa serie si rischia di entrare in un sali-scendi emotivo da cui è difficile scendere. Una serie che incarna alla perfezione la missione di una tv generalista che deve saper parlare a tutti, senza però dimenticare di mandare messaggi importanti. Capace di parlare di inclusività, di body positivity con una protagonista in carne interpretata dall’emergente Simone Recasner che ruba subito la scena agli altri, ma al tempo stesso rifugge il politicamente corretto a tutti i costi. Sa guardare con occhio cinico al dietro le quinte di un reality, ma senza eccedere, perchè altrimenti sarebbe un’altra serie tv. Racconta la vita normale di un disoccupato, di una casalinga, di una ragazza madre, di un ragazzo che deve capire come vivere la propria omosessualità in una famiglia che tende a ignorarla, di un produttore tv che deve tornare al successo per non esser dimenticato. Storie di riscatto, di crescita, di cambiamento. Una sorpresa dell’autunno che funziona proprio grazie ai suoi personaggi e allo spirito che traspare dalla serie. Voto 7.5 Riccardo Cristilli

Quando si cerca l’erede di qualcosa, e lo si scopre per caso

Spesso quando una serie ha successo, il canale in chiaro che la trasmette, ma anche gli altri, tentano in tutti i modi di realizzarne delle copie, o di estrapolarne gli elementi di forza per replicarne il successo. Non succede mai, non è mai capitato con “l’erede di Lost” e da anni NBC ne sta cercando uno che possa sostituire This Is Us, e i suoi tentativi sono stati dei veri e propri fallimenti.

Quello che secondo me si merita il “trofeo” di erede di This Is Us è proprio The Big Leap. Di certo non ha lo stesso successo, non è nemmeno un family drama in senso stretto, ma possiede quella semplicità e normalità che spesso manca nelle forzature e esagerazioni che troviamo nei personaggi delle serie tv di oggi. The Big Leap non è un family drama in senso stretto perchè ha un racconto meno serializzato e più episodico, con il reality show al centro della serie a fare da perno a tutti gli episodi. Ma in un certo senso riesce comunque a raccontare delle storie semplici, senza esagerare nella retorica, portando lo spettatore a conoscere sempre di più ogni singolo personaggio, puntata dopo puntata. Quindi sì, passandola come una provocazione, The Big Leap può essere l’erede di This Is Us, se prendiamo in considerazione la naturalezza dei suoi personaggi, la loro semplicità e il grado di coinvolgimento delle loro storie. Poi sì, c’è tutto il mondo della danza, il clichè della maestra (fantastica) cattivissima ma dal cuore tenero, ci sono anche dei cliché, ma The Big Leap riesce a incollarti allo schermo con la sua voglia di riscatto e di divertirsi di ogni suo personaggio. E poi non si poteva scegliere un cast migliore. Voto: 8, Davide Allegra.

The Big Leap da vedere se…

Fin troppo facile dire che The Big Leap è da vedere se ti è piaciuto l’equilibrio tra musica-drama e comicità di Glee, la follia di Crazy Ex-Girlfriend, o il dietro le quinte della tv di UnReal. Ma la nuova serie tv in streaming su Disney+ può essere da vedere anche per chi ha apprezzato il mondo di Ted Lasso o di This is Us.

E se volete continuare divertirvi a cercare il vostro nuovo amore seriale potete sfruttare l’app di TvTips e “matchare” nuove serie: scarica l’app e inizia a giocare con Match.

RECENSIONE

Riccardo Cristilli
7.5
Davide Allegra
8

RIASSUNTO

Recensione The Big Leap - Un'altra opportunità su Disney+ da oggi mercoledì 1 dicembre. La voglia di riscatto dei protagonisti e la loro semplicità formano una storia che forse si può considerare, in modo provocatorio, l'erede di This Is Us.
Redazione
Redazione
Siamo la redazione di dituttounpop... Lo sappiamo, sembra un'entità indefinita, una cosa brutta, ma tranquilli è sempre un umano a scrivere questi articoli... o meglio più di uno di solito. Per questo usiamo questo account. Per sapere chi siamo c'è la pagina "Redazione" in fondo... facile vero? Ci trovate anche sui social. Ciao.
Recensione The Big Leap la serie tv su Disney+ che fa venir voglia di rimettersi in giocoRecensione The Big Leap - Un'altra opportunità su Disney+ da oggi mercoledì 1 dicembre. La voglia di riscatto dei protagonisti e la loro semplicità formano una storia che forse si può considerare, in modo provocatorio, l'erede di This Is Us.