Dituttounpop > Cinema > Tutti tranne te: la romcom con Glen Powell e Sydney Sweeney ora in home video

Tutti tranne te: la romcom con Glen Powell e Sydney Sweeney ora in home video

È disponibile in home video grazie a Eagle Pictures dopo il successo al botteghino Tutti tranne te di Will Gluck, edito nei formati DVD e Blu-ray. Un’imperdibile commedia romantica trionfatrice al box office con protagonisti Sydney Sweeney, star della serie Euphoria, e Glen Powell, al successo con Top Gun: Maverick ma “nato” anche lui in tv con Scream Queens. Due protagonisti di bell’aspetto ma che hanno dimostrato di essere anche bravi e avere molta chimica tra loro, tanto da dare adito ad una possibile relazione anche fuori dal set (qui la nostra recensione del film).

Tutti tranne te: la trama e l’edizione home video del film

Bea e Ben sembrano la coppia perfetta, ma dopo un primo appuntamento fantastico succede qualcosa che spegne la loro infuocata attrazione. Quando tempo dopo si ritrovano inaspettatamente allo stesso matrimonio in Australia, decidono di fingere di essere una coppia, ognuno con uno scopo diverso. La pellicola è un libero e moderno adattamento di Molto rumore per nulla di William Shakespeare.

Nel cast anche le ingombranti famiglie dei due protagonisti e le spose del matrimonio escamotage narrativo della trama. Ovvero Alexandra Shipp, GaTa, Dermot Mulroney che torna alle romcom ma questa volta come genitore, Hadley Robinson, Darren Barnet, Rachel Griffiths, Michelle Hurd e Bryan Brown.

Tra i numerosi contenuti extra digitali che impreziosiscono l’edizione Eagle Pictures home video troviamo: Lui ha detto che lei ha detto per parlare di come si adatta oggi Shakespeare. Tutti in Australia per parlare della suggestiva location, una sorta di New Hollywood. Errori e Bloopers e Scene eliminate che nelle commedie romantiche funzionano sempre. Spuntini australiani per parlare del cibo nella pellicola. Frasi da rimorchio per giocare coi protagonisti e i loro approcci sentimentali.

Ricordiamo che il film ha anche riportato in auge e utilizzato in modo narrativo (guardate anche i titoli di coda) la canzone Unwritten di Natasha Bedingfield.