Stay Close su Netflix, stavolta Harlan Coben ha fatto un buco nell’acqua

stay close
_JA94428.arw
- Pubblicità -

Stay Close su Netflix da oggi 31 dicembre la miniserie dal romanzo di Harlan Coben

Debutta oggi venerdì 31 dicembre in tempo per la maratona di Capodanno, Stay Close, una nuova miniserie thriller-drama di Netflix, creata da Harlan Coben sulla base di un suo romanzo. La miniserie rientra, infatti, nell’accordo firmato dall’autore americano con la piattaforma di streaming e che sta portando diversi adattamenti delle sue opere realizzati in vari paesi.

Stay Close è una produzione britannica con protagonisti Cush Jumbo e Richard Armitage, quest’ultimo già in The Stranger sempre di Coben e sempre inglese. Al centro della storia c’è Megan, una mamma la cui tranquilla esistenza è stravolta quando riemergono alcuni fantasmi del suo passato e che coinvolgono anche altre persone in un continuo intreccio di storie tipiche dello stile di Coben.

Stay Close la trama

La trama di Stay Close ci porta in un piccolo centro britannico dove Megan trascorre serena la sua vita familiare, tra lavoro, 3 figli e un marito che ama. Ma Megan non è sempre stata quella che è oggi e un giorno quel suo passato torna a bussare alla sua porta, innescando un’imprevedibile catena di eventi.

Travolto da questi eventi ci finisce Ray un fotografo che si arrangia con piccoli lavoretti, ancora depresso per la perdita della fidanzata che lavorava come ballerina in un locale notturno della zona. La ragazza sparisce la stessa notte di un uomo violento che la tormentava. E quella sparizione di 17 anni prima, ancora tormenta il detective Broome che oggi è alle prese con un nuovo ragazzo scomparso, figlio di un uomo ricco che mette in campo anche spietati assassini per ritrovarlo.

Stay Close la recensione della miniserie

Harlan Coben ha creato le miniserie procedurali. L’adattamento seriale dei suoi romanzi in miniserie, pur avendo ambientazioni e personaggi sempre diversi, ha comportato alla nascita di un racconto simile che si declina per un numero variabile di puntate tra le 5 e le 8, ma che ha alcuni punti fermi: c’è sempre una donna che ha un passato da nascondere, che torna all’improvviso, portando a una serie di scoperte sul passato e sul presente.

Se in passato da The Stranger a Suburbia Killer e Svaniti nel nulla, la formula aveva sempre funzionato con declinazioni magari vicine alla soap ma senza mai risultare piatte, con Stay Close sembra essersi arenata. Le precedenti “puntate” di Coben vivevano di continui colpi di scena che ti facevano voglia di andare avanti e non staccarti, mentre qui tutto questo manca. La miniserie va avanti in modo confuso, manca l’apporto di un vero e proprio mistero di fondo da cui la protagonista sta scappando. Il tentativo di allargare la storia a più personaggi uniti da un unico mistero fa perdere di forza il giallo e la risoluzione finale appare facilmente prevedibile con un pizzico di intuito.

L’ambientazione risulta errata. Le distanze tra i vari luoghi sembrano troppo ravvicinare per risultare credibile che una persona possa sparire per 17 anni senza lasciare traccia e senza incontrare nessuno delle sue vecchie frequentazioni. Soprattutto se lavora nel locale notturno della zona come ballerina. Gli attori sembrano fuori contesto e svogliati, a partire da Cush Jumbo che si limita al compitino per portare a casa la prova senza dare nulla di più.

L’improvvisa apparizione di Barbie e Ken, due killer che arrivano cantando e ballando, non solo aumentano la confusione, ma soprattutto appaiono fuori contesto, slegati dall’insieme narrativo costruito finora. Il risultato è un insieme farraginoso che rischia di conquistare a fatica lo spettatore. Un peccato perchè per un nuovo adattamento di Coben, britannico e con questo cast, ci si poteva aspettare molto di più. Il lavoro di fabbrica di Coben forse avrebbe bisogno della mano di un artigiano. Voto 5.5

Il cast

  • Cush Jumbo è Megan Shaw
  • James Nesbitt è Broome, il detective
  • Richard Armitage è Ray, il fotografo
  • Sarah Parish è Lorraine
  • Eddie Izzard è Harry
  • Jo Joyner è Erin Cartwright
  • Andi Osho è Simona
  • Bethany Antonia è Kayleigh Shaw
  • Rachel Andrews è Bea
  • Poppy Gilbert è Barbie
  • Hyoie O’Grady è Ken
  • Phillip Gascoyne è Gary Blak
  • Youssef Kerkour è Fester
  • Daniel Francis è Dave Shaw,
  • Dylan Francis è Jordan Shaw
  • Tallulah Byrne è Laura Shaw

Stay Close è da vedere se…

… avete visto le varie serie tv di Harlan Coben su Netflix se questa formula fa per voi, allora anche Stay Close fa al caso vostro. Per scoprire altre serie tv da vedere simili c’è l’app gratuita dei nostri partner TV Tips. Divertirvi a cercare il vostro nuovo amore seriale potete sfruttare la funzione “match” per trovare nuove serie: scarica l’app, il tuo prossimo amore seriale ti aspetta.

- Pubblicità -
PANORAMICA RECENSIONE
Riccardo Cristilli
5.5
Per andare da A a B passereste prima per C? Se si perchè? e D? Non rischia di offendersi se non gli facciamo nemmeno un saluto? Ma soprattutto, che razza di bio è questa? Siete sicuri di volere una biografia? Mi trovate su Fb/tw/G+/pinterest/instagram/linkedIn come Riccardo Cristilli, il modo più semplice per farvi i fa....ehm conoscermi meglio. Per comunicati, eventi, news sulle serie tv scrivete a riccardo.cristilli@gmail.com o info@dituttounpop.it
stay-close-netflix-serie-tv-recensione-trama-cast-serie-harlan-cobenStay Close la recensione della miniserie di Harlan Coben su Netflix da oggi 31 dicembre in streaming, la trama, il cast