Wonder Girl un’eroina latina nel futuro del CWverse di Greg Berlanti

wonder girl

Wonder Girl prodotta da Greg Berlanti per The CW con una protagonista latina

Greg Berlanti lavora con Warner Bros (e figurati se lo lasciano scappare…) e The CW a Wonder Girl una serie tv con protagonista un’eroina latina, rendendo sempre più inclusiva la rappresentazione nel mondo dei supereroi.

Ispirata al personaggio sviluppato da Joelle Jones nei fumetti DC Comics, la serie tv di Wonder Girl è creata da Daylin Rodriguez già dietro Queen of the South. Al centro della serie tv ci sarà Yara Flor una “dreamer” come vengono chiamati i figli degli immigrati senza documenti che arrivano negli USA con il sogno di cambiare vita.

Ecco quando partono le serie tv The CW negli USA

Yara, nata da una guerriera amazzone e il dio del fiume brasiliano, scopre di essere Wonder Girl, di avere dei poteri con cui dovrà combattere le forze del male che stanno minacciando il mondo. Se dovesse essere ordinata, Yara Flor/Wonder Girl sarà la prima supereroina latina di una serie tv DC. Rodriguez, figlia di immigrati cubani, produce con Berlanti Prods e Warner Bros tv.

La serie tv si concentrerà sulle origini, sul passato di Yara Flor che da poco è stato rivelato che è la nuova Wonder Woman introdotta nel fumetto in uscita a gennaio Future State: Wonder Woman. Wonder Girl sarà parte del CWverse con Batwoman, Legends of Tomorrow, The Flash, Superman and Lois, Black Lightning e Supergirl che terminerà però con la prossima sesta stagione.

Batwoman e Black Lightning hanno rispettivamente introdotto il primo personaggio gay e il primo personaggio black protagonista di una serie tv live action DC Comics. L’obiettivo è quindi quello di rappresentare anche il mondo degli eroi oltre lo stereotipo perpetuato dagli eroi “total white and straight” un retaggio del passato in cui anche solo immaginare un personaggio nero o gay in un film era qualcosa di estremo. Figuriamoci una figura positiva come quella di un eroe. Ma il mondo cambia e soprattutto la popolazione che guarda questi prodotti cambia e deve trovare una forma di rappresentazione di sè in essi.