Amazon si prepara per le serie tv originali italiane e nomina Davide Nardini responsabile della divisione

amazon
- Pubblicità -

Amazon Prime Video nomina Davide Nardini responsabile delle produzioni originali italiane scripted

La quantità non è il punto di forte di Amazon Prime Video. Ogni mese sono non più di 2-3 gli originali lanciati in tutto il mondo cui si aggiungono qualche produzioni in esclusiva o meno aggiunte paese per paese catalogo per catalogo. Il tutto tralasciando i film che affollano il catalogo della piattaforma.

Al di là del piano internazionale, è fondamentale per la piattaforma Video del gruppo Amazon, iniziale a caratterizzarsi paese per paese senza perdere mai di vista l’obbiettivo complessivo del gruppo che a differenza di Netlfix, per esempio, non è concentrato solo sul video ma abbraccia l’e-commerce, la moda, la musica. Abbonandosi ad Amazon Prime con 36 euro l’anno l’utente ha film, serie tv ma anche le spedizioni dei pacchi senza costi aggiuntivi.

- Pubblicità -

Se in Italia il lato dell’intrattenimento non fiction, non scripted come direbbero gli americani, è ben strutturato, il mondo “scripted” della serialità è ancora da costruire. E il primo mattone è sicuramente la nomina di Davide Nardini come responsabile delle produzioni originali seriali scripted.

Nardini lavorerà con Nicole Morganti recentemente promossa a Head of Originals per l’Italia e Georgia Brown che è a capo degli Originali Europei. L’annuncio arriva a 3 mesi dall’evento che si è svolto a Roma, cui ha partecipato anche Jennifer Salke, in cui Amazon ha presentato gli investimenti nelle produzioni italiane (qui tutti i dettagli) mostrando un evidente lacuna sul fronte seriale.

Gli unici due progetti “scripted” di serie tv sono infatti Bang Bang Baby un period drama a sfondo criminale ambientato nella Milano anni ’80 prodotto da Wildiside e The Apartment e Vita da Carlo il progetto di e con Carlo Verdone che è più un omaggio alla sua figura che un progetto seriale vero e proprio.

Decisamente più sviluppata la componente “unscripted” che ha visto già l’arrivo di Celebrity Hunted (che però è risultato più “scritto” e fiction del previsto) e ha in cantiere Ferro un documentario su Tiziano Ferro, Dinner Club uno show di Carlo Cracco viaggio con sei famosi attori e comici italiani (Luciana Littizzetto e Sabrina Ferilli le prime annunciate) attraverso il Giappone, il Vietnam, la Francia, la Spagna, il Perù e il Messico alla scoperta dell’arte culinaria esotica.

Per Davide Nardini che arriva da Palomar dove ha sviluppato Il Nome della Rosa, La Paranza dei Bambini e la serie Gaddafi-Gheddafi, ci sarà da lavorare per costruire la line-up del futuro di Amazon Prime Video Italia partendo su titoli consolidati ma provando anche a variare tra i generi con la qualità targata Amazon.

- Pubblicità -