Notes on Love, Shondaland produrrà una nuova serie antologica per Netflix – Notizie del giorno

shonda
Mandatory Credit: Photo by David Buchan/Variety/REX/Shutterstock (9310188j) Shonda Rhimes ABC 'Untitled Grey's Anatomy Spinoff' TV show panel, TCA Winter Press Tour, Los Angeles, USA - 08 Jan 2018

Notes on Love è una serie antologica, prodotta da Shonda Rhimes, dove in ogni episodio si esplorerà il matrimonio, il suo significato e la sua evoluzione nel tempo.

Come se la lista di progetti che Shonda Rhimes sta producendo per Netflix non fosse già abbastanza lunga, ecco che ne arriva un altro. La mega produttrice produrrà, insieme a Norman Lear, Steve Martin, Jenny Han, Lindy West e l’autrice di canzoni Diane Warren, una serie tv antologica per Netflix dal titolo: Notes on Love.

Notes on Love sarà una collezione di storie sul matrimonio, con ogni episodio scritto da un autore di altro profilo. La serie sarà un’antologia a episodi che: “un assortimento di generi che esplorerà il modo in cui l’amore si insinua nelle nostre vite.” La prima stagione includerà storie su come si associa l’amore al matrimonio, in particolare si esaminerà cosa è il matrimonio, cosa significa e come è cambiato nel tempo.

Norma Lear scriverà uno degli episodi della serie, con Aaron Shure, lo stesso vale per Steve Martin. Jenny Han e Diane Warren invece si occuperanno degli altri episodi. Shonda Rhimes non si occuperà di sceneggiature, ma produrrà l’intera serie insieme alla sua partner Betsy Beers, con la quale gestisce Shondaland.

Altre notizie del giorno

  • La produzione dello spinoff di 9-1-1, 9-1-1: Lone Star ha trovato il cast (qui la trama della serie). Natacha Karam (The Brave), Brian Michael Smith (Queen Sugar), Rafael Silva e Julian Works entrano nel cast in ruoli regolari. Karam interpreterà Marjan Marwani, il primo personaggio musulmano di una serie di Ryan Murphy che indosserà la hijab. Smith sarà Paul Strickland un vigile del fuoco transgender un ottimo osservatore, allo stesso livello di Sherlock Holmes. Silva è Carlos Reyes, un agente della polizia di Austin. Works invece sarà il vigile del fuoco Mateo Chavez.
  • Arrivato in ritardo viste le lungaggini subite durante la produzione del pilot, ABC ha deciso di non procedere con l’ordine a serie di Triangle (qui la trama) il pilot con Mike Vogel come protagonista. La decisione arriva otto mesi dopo l’ordine del pilot.
  • Blythe Danner entra nel cast della terza stagione di American Gods, in cui sarà presente in un arco di quattro episodi. L’attrice interpreterà Demetra, l’antica dea greca del raccolto che ha un passato romantico ancora aperto con Mr. Wednesday.
  • Phoebe Waller-Bridge ha siglato un accordo di produzione in esclusiva con Amazon Prime Video. L’accordo era già in lavorazione da mesi, e la chiusura è arrivata solo dopo la notte degli Emmy, dopo l’autrice e attrice di Fleabag ha trionfato. La Waller-Bridge adesso produrrà serie tv in esclusiva per Amazon, almeno per tre anni.
  • Kai Bradbury entra nel cast di Motherland: Fort Salem, una serie originale di Freeform (qui la trama). L’attore interpreterà uno stregone che arriverà a Fort Salem e instaura una relazione con Tally.
  • Griffin Dunne è stato promosso a personaggio regolare nella quarta stagione di This Is Us. L’attore è stato introdotto nella terza stagione nei panni di Nicky, il fratello di Jack (la versione adulta del personaggio, nel presente).

Nuovi progetti

  • CBS ha messo in sviluppo due drama, Wet House e The Terminal, prodotti da Barbie Kligman e Aaron Kaplan. Wet House è un poliziesco che verrà prodotto insieme a Sasha Alexander di Rizzoli & Isles. La serie racconta di una detective che dopo un disguido con un suo collega viene trasferita in una caserma per poliziotti sgraditi. Arrivata li la protagonista scoprirà che i suoi colleghi fanno di tutto per proteggere la popolazione e che possono essere una famiglia su cui contare, anche se con tanti difetti. The Terminal invece racconta di un’ex-marine, la prima donna ad ottenere una medaglia d’onore. Da lì diventerà il capo della sicurezza dell’aeroporto JFK di New York, e scoprirà che proteggere il target più debole nel mondo da attentati è la missione più difficile della sua vita. Il progetto non è in alcun modo legato all’omonimo film del 2004 diretto da Steven Spielgerg.

Trailer

Showtime ha rilasciato il trailer della settima stagione di Ray Donovan che debuterrà in america il 17 settembre (in Italia dovrebbe arrivare in contemporanea su Netflix).