The Crown, primi dettagli sulla quarta stagione della serie Netflix

Recensione The Crown stagione 3

The Crown, i primi dettagli sulla trama della quarta stagione con Margaret Thatcher e l’arrivo della Principessa Diana.

Disponibile su Netflix ormai da qualche mese, The Crown è tornata nei titoli nelle ultime settimane, sia perchè non compare nella classifica UK delle serie più popolari di Netflix (ne abbiamo parlato nell’ultima newsletter, qui), sia perchè Olivia Colman ha ricevuto il Golden Globe come migliore attrice in una serie tv. Sappiamo già che in questo periodo Netflix sta producendo la quarta stagione, ma vediamo i primi dettagli sulla trama che ha rivelato il sito Deadline.


Il cast resterà lo stesso, Olivia Colman tornerà nei panni della Regina Elisabetta II, così come Tobias Menzies nei panni del Principe Filippo e Josh O’Connor in quelli del Principe Carlo. Nella quarta stagione arriverà Gillian Anderson (Sex Education) che interpreterà il ruolo del primo ministro Margaret Thatcher.

Landscapers, la nuova miniserie Sky e HBO con Olivia Colman di The Crown

La terza stagione ha coperto il periodo storico dal 1964 al 1977. Periodo iniziato con l’elezione di Harold Wilson come Primo Ministro, continuando poi con il disastro nelle miniere di Aberfan e lo sbarco sulla Luna. Nella quarta stagione si andrà a coprire il periodo che va dal 1977 al 1990, quando Margaret Thatcher si è dimessa da primo ministro in seguito a una rivolta interna del suo partito.

Il rapporto tra Margareth Thatcher e la Regina Elisabetta

La serie si concentrerà molto sul rapporto tra Margaret Thatcher e la Regina Elisabetta, che secondo alcuni aveva un rapporto travagliato con Sua Maestà. Infatti secondo alcuni documenti riservati, resi pubblici anni dopo, la Regina le contestava il fatto di non aver supportato le sanzioni contro il Sud Africa per il regime dell’apartheid.

Peter Morgan, il creatore della serie, ha definito il rapporto tra le due figure come “un aquila a due teste che non si guardano mai. Entrambe avevano molto in comune, non solo il genere. Ma a volte le cose che si pensa possano far avvicinare due persone, in realtà sono motivo di separazione“.

La Principessa Diana

Nella quarta stagione vedremo anche la Principessa Diana, che avrà un ruolo importante visto ha conosciuto Carlo nel 1977 e i due si sono sposati nel 1981. La Principessa Diana è interpretata dall’attrice Emma Corrin (Pennyworth) che era stata chiamata per fare da supporto agli attori nella lettura dei copioni della terza stagione. La Corrin però ha stupito tutti, soprattutto il creatore Peter Morgan, che poi l’ha scelta per il ruolo di Diana.

Michael Fagan e la violazione della sicurezza a Buckingham Palace

Tra gli altri eventi che faranno parte della quarta stagione di The Crown, ci sarà anche la famosa violazione della sicurezza a Buckingham Palace nel 1982. Michael Fagan infatti dopo aver superato il muro perimetrale del palazzo è riuscito ad arrivare nella stanza della Regina mentre dormiva, con dei frammenti di un posacenere di vetro: non è successo nulla e la Regina ne è uscita illesa, ma questo episodio viene ricordato come una delle violazioni della sicurezza più gravi del ventesimo secolo.

Recensione The Crown, stagione 3: nuove storie, nuovo cast ma sempre un’ottima serie tv

Il documentario It’s Royal Knockout

Secondo Deadline, la quarta stagione non mostrerà il dietro le quinte del documentario: “It’s Royal Knockout“, andato in onda nel 1987 su BBC One. Il documentario ha visto protagonisti membri della famiglia reale come il Principe Edward, la principessa Anna, il Principe Andrew e Sarah Ferguson competere contro delle celebrità in un gioco in stile Ninja Warrior. I produttori della serie hanno esplorato la possibilità di includere l’evento nella quarta stagione, per poi scartarlo visto che nella terza stagione avevano già usato un documentario del 1969, voluto dal Principe Filippo, con la famiglia Reale protagonista.

E’ tutto per il momento. Non sappiamo ancora quando Netflix rilascerà la quarta stagione, ma è molto probabile che sarà disponibile entro la fine del 2020.