HBO e HBO Max al TCA tra Harry Potter, la moda dei revival e il futuro dei giovani di Generation

HBO

HBO e HBO Max al TCA Casey Bloys parla di Harry Potter dei revival da Sex and the City a In Treatment e dei “giovani” da Euphoria a Generation

Il panel virtuale del TCA dedicato a HBO e HBO Max arriva a poche settimane dalla clamorosa indiscrezione di una serie tv su Harry Potter, inevitabile per Casey Bloys Chief Content Officer di HBO di dover aggiornare i giornalisti e il pubblico sulla vicenda.

Direi che siamo in una fase embrionale” è l’unica concessione fatta da Bloys che ha sottolineato come non ci sia nulla in fase di sviluppo in questa fase ma ci sono franchise come Game of thrones, DC, Harry Potter che “sono utili per WarnerMedia e che potrebbero essere valorizzati e quindi ci sarà sempre l’interesse di fare qualcosa di qualità con questo materiale“.

L’amore per i revival

Anche HBO e HBO Max si sono lasciati travolgere dalla passione per i revival. In Treatment è in fase di produzione e arriverà a maggio con Uzo Aduba nel ruolo della nuova psicologa. In preparazione c’è Sex and the City and Just Like that, miniserie revival con 3 protagoniste su quattro e c’è anche un reboot di True Blood in preparazione.

“Si parla tanto di reboots ma non c’è solo questo” solo è quello che genera più attenzione, ha sottolineato Bloys evidenziando come sia un fenomeno che sta attraversando il mondo dell’intrattenimento “è qualcosa di potente, perchè ha a che fare con la nostalgia, con le emozioni che genera il legame con una serie, ma come per tutto non voglio farne troppi. Credo ci siano storie originali su cui lavorare e che non vogliamo perdere quindi è sempre una questione di equilibri“.

Riguardo all’assenza di Samantha/Kim Cattral in Sex and the City secondo Bloys è come nella vita “non è detto che a 50 anni hai le stesse amicizie che a 30, sono fasi diverse della vita“. E la serie è passata a HBO Max perchè è col tempo diventata sempre più un fenomeno “pop”, cosa che ci fa capire come vengono suddivise e scelte le serie.

Al momento non ci sono state discussioni per trasformare il film HBO The Many Saints of Newark prequel de I Soprano con il figlio di James Gandolfini, Michael, in una serie.

Quando tornano Succesion e Barry?

Due tra le serie tv più interessanti e acclamate di HBO sono state rallentate dalla pandemia. Lo scorso marzo dovevano iniziare le riprese di Succession 3 e Barry 3 ma entrambe sono state bloccate e da quel momento il riavvio delle produzioni è diventato complicato.

Casey Bloys spera che verso la fine del 2021 Succession riuscirà a tornare in onda ma è davvero difficile prevederlo ora e anche la somministrazione del vaccino avrà la sua parte. A un certo punto hanno anche pensato di spostare le riprese a Los Angeles quando sembrava più sicura di New York ma ora è l’esatto opposto. Quindi tutto è complicato. Anche per Barry le riprese non sono ripartite. Bill Hader, protagonista e ceatore, ha raccontato di aver scritto la quarta stagione durante il lockdown e “nonostante non ordiniamo nuove stagioni prima che siano andate in onda le precedenti, penso che scommettere su una quarta stagione è una giocata sicura“, ha commentato Bloys.

Hbo e HBO Max al TCA: il futuro dei giovani

L’arrivo di Generation, il dramedy prodotto da Lena Danham, su HBO Max accanto a Euphoria e We Are Who We Are, porterà un’ulteriore ventata di giovinezza al brand HBO. “Il bello” ha spiegato Bloys ” è che Euphoria è stata pensata per HBO prima di HBO Max” quindi non era parte di un grande piano per portare pubblico giovane.

Piuttosto è stata la realizzazione è che anche se “sei HBO devi continuare a rinnovarti e a ripensare quello che può essere una serie HBO“. Generation sarà un ulteriore tassello “mostrando la vita degli adolescenti oggi con una descrizione particolarmente autentica“.

Naturalmente è inutile legare quanto sia importante il pubblico giovane “avremo Generation, Gossip Girl, la library Warner Bros, più andiamo avanti più il pubblico giovane sarà importante, quindi ogni show che può aiutare che sia di HBO o di Max è importante perchè così quando arriva un nuovo abbonato giovane sa che può trovare prodotti pensati per lui“.

Il fenomeno degli ultimi mesi si chiama I May Destroy You miniserie dramedy di e con Michaela Coel di cui si è molto parlato perchè ignorata ai Golden Globe. Casey Bloys ha anciticipato che stanno lavorando con Coel allo sviluppo di nuovi progetti “speriamo di poter partecipare alle sue nuove idee”.

True Detective e Lovecraft Country le nuove stagioni si faranno?

Ci sarà un quarto capitolo di True Detective? Non c’è nulla di certo ma Bloys ha spiegato come stanno incontrando sceneggiatori per trovare la storia giusta con il tono giusto “credo sia interessante farlo con una nuova voce. L’obiettivo è farlo rispettandone la qualità se dovessimo arrivare a sceneggiature che non rappresentino la serie o che non abbiano la giusta qualità non lo faremmo, non è un obbligo.” Secondo alcuni rumors tra gli autori contattati ci sarebbero l’argentina Lucia Puenzo e Sam Levinson di Euphoria.

Lovecraft Country non è ancora stata rinnovata per una seconda stagione, Misha Green per la prima aveva usato il romanzo di Matt Ruff come guida, ora con un piccolo gruppo di autori sta pensando a come portare avanti le storie dei personaggi. Bloys è fiducioso che si possa arrivare all’ordine per una seconda stagione