Amazon sviluppa Vatican City dai creatori di The Good Wife – Manifesto per Discovery

0
Vatican City dai creatori di The Good Wife

Amazon sviluppa Vatican City dai creatori di The Good Wife, Robert e Michelle King

Dopo aver re-inventato il legal drama su CBS e con The Good Wife, i coniugi Robert e Michelle King si fanno avanti con un altro progetto particolare e ambizioso, che sarà sviluppato da CBS Studios per Amazon. Si tratta di Vatican City dai creatori di The Good Wife che si occuperanno della sceneggiatura e della produzione attraverso la loro casa di produzione, King Size Prods, che ha un contratto di esclusiva con CBS Studios.

Vatican City racconta la storia di una donna americana, una reporter di un canale finanziario di Roma. Da lì la donna attirerà l’attenzione del Papa liberale, Clemente che cosciente del fatto che non può cambiare le tradizioni e rendere preti le donne, decide di dare uno scossone alla curia rendendola la prima donna portavoce. Quando accetterà il lavoro, avrà a che fare con il sessismo vecchio di 2000 anni e con un capo che ha un seguito di 1 miliardo di persone. Il progetto è ovviamente una fiction, e tutte le posizioni di potere del Vaticano saranno frutto dell’immaginazione degli autori. Questo progetto rende i King ancora una volta portavoce di temi scomodi, e molto attuali visto che attualmente lo staff del Vaticano è composto quasi interamente da uomini e solo il 18% di questo è composto da donne, che pian piano stanno aumentando da quando Papa Francesco ha riconosciuto la necessità di coinvolgere le donne nelle cariche della Chiesa.

Discovery Channel sviluppa Manifesto, un drama antologico prodotto da Andrew Sodroski, Kevin Spacey e Dana Brunetti

Dopo la produzione di Klondike, il canale Discovery Channel ha continuato a spingere verso le produzioni originali. Secondo Deadline infatti il canale sta sviluppando la serie Manifesto, una serie antologica dagli sceneggiatori Andrew Sodroski, Kevin Spacey e Dana Brunetti. Lo show esplorerà le catture delle più famose menti criminali della storia, e ogni stagione seguirà un caso diverso. La prima stagione si concentrerà sulla cattura di Ted Kaczynski, conosciuto come “Unabomber” docente universitario che è stato catturato dopo 20 anni di ricerche. Manifesto sarà molto serializzata e psicologica, ricalcando il filone di True Detective, e fornirà anche uno sguardo ai sentimenti degli agenti che saranno assegnati ai vari casi che tratteranno ogni stagione.

Dire che amo le serie tv è abbastanza scontato visto che sono qui, è una passione che ormai è diventata quotidianità e che si è allargata pian piano, passando da 4-5 serie a circa 80 serie durante l'anno (ma saranno di più). Scrivo per passione, e soprattutto scrivo per dar sfogo alla mia ossessione per gli ascolti e le previsioni di rinnovo delle serie tv, ma questo lo sapete già. Per info: d.allegra@dituttounpop.it