Intervista a Giuseppe Cozzolino di Noir Factory:” Una vetrina telematica per i nostri prodotti”

0

In un tempo dove il web è diventato una nuova fucina di idee nasce la Noir Factory. Giuseppe Cozzolino grande amante del cinema e delle serie tv – quelle toste  e senza troppi fronzoli – dopo il grande successo di Legeds, la prima web series italiana a tema fantascientifico, è alla costante ricerca di nuovi modi per celebrare l’arte dell’innovazione seriale. Noi lo abbiamo intervistato e ci ha raccontato cosa significa per lui il brand Noir Factory, ma soprattutto ha rivelato cosa ne pensa delle moderne serie tv.

[adsense]

Un paio di anni fa abbiamo conosciuto il tuo nome in merito al progetto Legends, la prima serie web a tema sci-fi, da quel momento in poi cos’è cambiato nella tua vita?

Sono successe molte cose dopo l’inaspettato successo di Legends. Dunque insieme all’associazione Mondo Cult – che era anche tra i co-produttori di questa prima web series a tema – abbiamo “creato” la divisione che si chiama Noir Factory. Si tratta in realtà nuova, il primo laboratorio italiano e soprattutto sul territorio di Napoli, dedicato al cinema ed alle fiction. Abbiamo quindi sentito il bisogno di creare un “luogo”, se così vogliamo chiamarlo, che si occupasse della produzione e creazione di prodotti audiovisivi. Questo è stato il primo step, il secondo è stato dar vita ad serie antologica – di ispirazione americana e molto vicino alla stile di Ai Confini della realtà  – chiamata “Arcana, storie dell’impossibile”. La serie è ancora inedita perché stiamo puntando a realizzare un prodotto diverso dal solito, ma purtroppo il mercato è molto competitivo e quindi stiamo studiando una strategia per diffondere questa serie web e tutto ciò che è collegato al suo universo.

E la Scuola di Fumetto di Napoli? So che siete legati da una profonda stima, è vero?

In realtà non collaboro a stretto con loro da molti anni. Abbiamo instaurato un certo tipo di rapporto lavorativo molto tempo fa, ma attualmente ognuno va per la sua strada. Diciamo che supportiamo a vicenda le nostre reciproche iniziative.

Arriviamo al dunque. Sei molto attivo, in questi ultimi giorni,  per un’interessante progetto virale che si diffonde a macchia d’olio fra i social. Vorresti spiegare a grandi linee di cosa si tratta? 

Riallacciandomi al discorso che stavo facendo prima, attualmente sul web e non solo, c’è una grande richiesta di nuovi prodotti ma soprattutto c’è una grande difficoltà appunto nel diffondere determinati tipi di prodotti. Per ovviare a questa situazione alquanto incresciosa, con alcuni amici, abbiamo decido di dar vita ad alcuni canali sul web – sulla piattaforma di Youtube – per creare una vetrina dei nostri lavori. Vogliamo far capire che il brand di Noir Factory esiste ed è reale, in attesa che le nostre produzioni originali possano avere una maggiore diffusione. Abbiamo deciso di andare contro controcorrente perchè gli eventuali interlocutori che siano televisivi ed audiovisivi, potranno comunque collaborare con il nostro marchio ma sulla base della nostra idea di partenza. Ovvero quella di presentare i lavori attraverso un punto di vista nuovo e diverso dal solito. Su queste basi abbiamo lanciato il nostro blog, lezioni di Pulp Fiction, che è una sorta di Blog/talk show che cerca di racchiudere tutto quello che a noi di Noir Factory piace (cinema e serie tv),ovvero affrontando con ilarità e simpatia i temi più disparati. Tutto questo quindi lo abbiamo realizzato per far capire che dietro la nostra associazione ci sono persone competenti e conoscono molto bene l’argomento principale. Oltre a questo canale più professionale, c’è un’altra vetrina leggermente più comica, la Crack Factory, dove giovani attori possono cimentarsi in bizzarie varie, sempre con l’intento di promuovere e valorizzare il nostro marchio. Tutte idee che stanno riscuotendo un discreto successo.

10641272_843062142391346_329806122550159127_n

Sappiamo che tu sei un grande appassionato di serie tv. Attualmente ti piacendo qualcosa di particolare? 

Ci sono tantissime serie tv che apprezzo particolarmente perchè sono scritte e girate in maniera impeccabile, come True Blood, Game of Thones, Breaking Bad, tutte di altissimo livello. Tutte produzioni magnifiche che però puntano principalmente a scioccare lo spettatore senza ritegno. E’ un qualcosa che, con il tempo, può lasciare basito il pubblico. Io adoravo ed adoro ancora oggi  Buffy, Alias e tutte quelle scene che riuscivano a compensare azione e romanticismo.

Per conoscere meglio il valore di Nor Factory, a questo indirizzo trovate le Lezioni di Pulp Fiction e qui quello di Crack Factory . Mentre sulla pagina Facebook, Vertigo Clan, si possono tenere sotto controllo tutte le iniziative come una sorta di redazione telematica.

Carlo e' un giovane ragazzo di Caserta cresciuto a pane libri, cinema e serie tv. Confusionario, autocritico ed affidabile, ha fatto delle sue passioni un lavoro e quest'ultima collaborazione, e' la riprova dell'irrefrenabile voglia di scrivere e parlare di tutto ciò che riguarda la cultura pop moderna. Per comunicati, info e news scrivete a c.lanna@dituttounpop.it