Le Iene Show e i biglietti dei Coldplay. Nicolò De Devitiis sul sold-out del concerto di San Siro [video]

0
Le Iene Show e i biglietti dei Coldplay

Le Iene Show e i biglietti dei Coldplay. La Iena Nicolò De Devitiis ha indagato sul sold-out sopetto del concerto di San Siro 2017

Nel corso della puntata del 16 ottobre de Le Iene Show, la Iena Nicolò De Devitiis ha indagato sul sold-out sopetto del concerto di San Siro 2017, l’unica tappa italiana della popolare band inglese.

Lo scorso 7 ottobre, su Ticketone, sono stati messi in vendita i biglietti del concerto dei Coldplay, unica tappa italiana del tour mondiale che si terrà allo stadio San Siro di Milano a luglio 2017. Dopo pochissimi minuti dall’apertura della vendita, a molti utenti che hanno provato ad acquistare i biglietti su Ticketone è apparsa la finestra che gli annunciava di essere nella “Sala d’attesa” del sito. In tanti, però, non sono poi riusciti a procedere con l’acquisto perché poco più tardi i biglietti risultavano non più disponibili.

Nonostante Ticketone fosse il solo sito autorizzato dagli organizzatori del concerto a vendere direttamente i biglietti della band britannica, quando, appena partita la vendita, i possibili acquirenti stavano ancora provando ad aggiudicarsi i biglietti, questi erano già disponibili su altri siti a prezzi molto più alti rispetto a quelli ufficiali. Un biglietto dal costo di 80 euro, ad esempio, lo si trovava in vendita su un altro portale a 650 euro. Si tratta di siti sui quali vengono rivenduti a prezzi maggiorati biglietti acquistati da privati su portali autorizzati.

L’accaduto ha fatto infuriare i numerosi fan della band rimasti senza biglietto e la notizia è balzata immediatamente agli onori della cronaca. Da un’inchiesta del quotidiano “La Repubblica” è emerso che, dietro al fenomeno della rivendita dei biglietti a prezzi maggiorati, ci sarebbero delle società che utilizzano i Ticket Bots, ovvero dei programmi in grado di comprare migliaia di biglietti in tempi ridottissimi.

Per fare chiarezza sulla vicenda, la Iena Nicolò De Devitiis si reca, quindi, a Ginevra, dove incontra un membro di Viagogo, uno dei maggiori portali di rivendita.

Membro del sito Viagogo: Noi siamo un marketplace, quindi non vendiamo i biglietti, noi forniamo un sito sul quale altre persone possano vendere i loro biglietti.
Iena: Chi?
Membro del sito Viagogo: Tu, lui, io. Chiunque. Tu compri attraverso Viagogo come compri attraverso Ebay.
Iena: Su Ebay io parlo con l’altro interlocutore che me lo vende.
Membro del sito Viagogo: Noi dobbiamo avere delle sicurezza anche per noi stessi, tu potresti metterti d’accordo direttamente con il venditore.
La Iena allora si domanda: come mai loro sono riusciti ad avere i biglietti da rivendere in tempi cosi veloci?
Membro del sito Viagogo: Se avete un problema sul tempo di acquisto su Ticketone parlate con Ticketone.[…] Se siete giornalisti, io non posso più rispondere alle vostre domande. Finiamo la conversazione e vi prego di uscire.

In seguito a quanto dichiarato dal rappresentante di Viagogo, la Iena ha deciso di fare una prova e ha seguito tutti i passaggi necessari per mettere in vendita un biglietto sul loro portale. Si è registrato, ha inserito l’annuncio e il prezzo di vendita. Come mostrato dall’inviato, la commissione di vendita per Viagogo sul prezzo pattuito è del 10%.

L’inviato raggiunge, quindi, l’amministratore delegato di Ticketone Stefano Lionetti.

Stefano Lionetti – A.D. Ticketone: Esistono situazioni in cui la domanda di biglietti da parte dei fans è di gran lunga superiore all’offerta. Non è che c’è il doppio di persone che cercano i biglietti, ce n’è più di cinque volte rispetto ai biglietti che sono disponibili.
Iena: Noi siamo stati venti minuti nella vostra, come la chiamate? Sala d’attesa?
Lionetti: Sala d’attesa. La sala d’attesa è enorme. Decine di migliaia di biglietti sono stati venduti in mezz’ora.
Iena: A chi però?
Lionetti: Agli utenti che li hanno acquistati.
Iena: Ma gli utenti che li hanno acquistati li hanno tutti rimessi su i siti di, chiamiamolo, bagarinaggio online?
Lionetti: Tenete conto che buona parte di quelli che mettono i biglietti sui siti di bagarinaggio sono i fan. […] Su Viagogo li trovi anche prima che vengano venduti i biglietti.
Iena: Com’è possibile?
Lionetti: Su Viagogo, in molti casi, questi tipi di vendite sono delle semplici speranze o delle opzioni, perché non necessariamente dietro la vendita c’è già il biglietto. Ad esempio, nel calcio ci sono in vendita su Viagogo partite per le quali sicuramente non sono ancora stati venduti i biglietti, per cui le persone se li procurano dopo e poi dopo li vendono.
Iena: Se non se li procurano è una specie di truffa?
Lionetti: Se non se li procurano, non c’è una truffa perché, in realtà, il venditore su Viagogo viene pagato solo nel momento in cui ha veramente ceduto il biglietto.
Iena: Ma sono tutte persone diverse o avete venduto a società che ne hanno acquistati parecchi?
Lionetti: Sono persone diverse.
Iena: Possiamo vederlo?
Lionetti: Potete vederlo…
Iena: Non riprendiamo i nomi per la privacy.
Lionetti: Se non riprendete, non fate niente, noi vi possiamo far vedere che ci sono le liste. Questi sono tutti i nomi, questa è la lista di tutti gli acquirenti..
Iena: Tutti i fortunati, no?
Lionetti: Va bè, ma se ti vai a fare un giro su Facebook, ci sono tutti quelli felici che dicono: “io li ho presi” e alcuni dicono “io li ho presi e alcuni li ho messi in vendita”.
Iena: La maggior parte ne prendono 4 comunque.
Lionetti: 4 era il limite per ogni singolo ordine.
Iena: Si dice che ci siano dei robot e delle applicazioni che, in qualche modo, riescono a comprare tanti biglietti, perché, è vero sì, noi là vediamo tutti i nomi, però, potrebbero essere delle persone non esistenti.
Lionetti: I biglietti che vengono distribuiti per i Coldplay possono essere solo acquistati tramite spedizione a casa, per cui esiste anche un indirizzo di spedizione che può essere controllato. O tramite ritiro sul luogo dell’evento. E al momento del ritiro sul luogo dell’evento vengono altrettanto fatti dei controlli sugli acquirenti. Se l’antitrust verrà a fare controlli noi gli faremo vedere le nostre liste.

Infine, dopo l’intervista con l’AD di Ticketone, la Iena evidenzia come uno dei programmi potenzialmente in grado di fare l’operazione da lui citata si possa trovare facilmente in rete al costo di 950 dollari. Creando account multipli con indirizzi IP differenti, questo programma farebbe credere al sistema di sicurezza che gli acquirenti siano in tanti, mentre invece è uno solo.

Beh, che dire... Amo le Serie tv, il Cinema e il Design... ah, anche mangiare, ma questo è un altro discorso. Scrivevo, scrivo e penso che continuerò comunque a farlo nonostante il tempo tiranno. Sono ovunque, in ogni sezione c'è del mio, come una pianta infestante in pratica. In passato, come molti colleghi presenti su dituttounpop, ho preso parte al progetto editoriale "Un anno con il Serial Club". Membro fondatore della #bandadellapellicola Non siate timidi e per comunicati, eventi, news scrivetemi! l.lemma@dituttounpop.it