Milano 2015 su Sky Cinema Cult il racconto collettivo sulla città firmato Elio, Veltroni, Bolle, Soldini

0
Milano 2015

Elio, Walter Veltroni, Silvio Soldini, Cristiana Capotondi, Roberto Bolle e Giorgio Diritti firmano i 6 capitoli di Milano 2015 in onda venerdì 30 ottobre su Sky Cinema Cult HD

In prima tv domani sera alle 21:00 su Sky Cinema Cult HD va in onda Milano 2015 film un film in sei capitoli firmati da sei autori diversi, che raccontano Milano al centro del mondo nell’anno dell’EXPO.

Presentato a settembre in anteprima alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, Milano 2015arriva domani in tv in prima visione su Sky Cinema Cult HD alle ore 21. L’affresco collettivo prodotto da Lionello Cerri e di cui Cristiana Mainardi firma il soggetto di serie, è diviso in 6 capitoli firmati da Elio, Roberto Bolle, Silvio soldini, Walter Veltroni, Cristiana Capotondi e Giorgio Diritti.  Un film che ascolta e indaga l’anima della città di Milano nell’anno in cui lo sguardo del mondo si posa sull’Italia. Dalle viscere del sottosuolo fino al cielo, un racconto sentito ‐ con echi dal passato e l’impellenza della quotidianità attuale ‐attraverso mondi apparentemente lontani: dai dormitori al grattacielo più alto del Paese, dai teatri chiusi all’eccellenza della Scala, dai ragazzi delle seconde generazioni alla percezione della città vissuta in un monastero di clausura. Un racconto in cui sei  registi con la loro diversa sensibilità, hanno battuto strade, si sono soffermati su volti, hanno carpito parole per un’interpretazione della variegata “civitas”.

Milano 2015 trova una perfetta collocazione nel bouquet Sky, in particolare su Sky Cinema Cult, il canale del cinema indipendente per chi ama il cinema. Una parte fondamentale della sua programmazione è infatti legata ai grandi Festival internazionali a cui vengono dedicati cicli (Andiamo a Berlino, Cannes Cannes e Cult da Leoni) e in cui sono trasmessi i film vincitori delle passate edizioni e che hanno fatto la storia del festival. A maggio 2015 Sky Cinema ha sia trasmesso in diretta la cerimonia di premiazione sia ha offerto agli abbonati film come La vita di Adele (Palma d’Oro 2014) e Nebraska (premio all’interpretazione di Bruce Dern). Dopo la messa in onda su Sky Cinema il film sarà disponibile, anche diviso per capitoli, su Sky On Demand.

[adsense]

Milano 2015: i sei capitoli

LA CAPITALE MORALE –  scritto e diretto da ELIO

Wei è un giovane imprenditore di origine cinese che rincasa in bicicletta a notte fonda. Scopre una Milano affascinante e degradata, la città dove nasceranno e cresceranno i suoi figli.

«Milano è la città che amo più di ogni altra, in cui sono nato e cresciuto. Negli ultimi 20 anni ha perso gran parte del suo capitale umano, morale, culturale, lasciatoci in eredità da chi a Milano ha vissuto prima di noi. Il film è una testimonianza del suo degrado e un augurio di resurrezione.» (Elio)

LA FABBRICA DEI SOGNI – scritto e diretto da ROBERTO BOLLE

Un viaggio nell’anima del Teatro simbolo della città. Ventiquattr’ore tra palcoscenico e realtà, tra la Scala e i suoi laboratori, i suoi magazzini, dove prende forma uno spettacolo. Un viaggio nella competenza, nella professionalità e nel talento di ballerini,  musicisti, macchinisti, coreografi, scenografi, sarti, costumisti… Vite dedicate al Teatro,che tramandano la tradizione, compongono l’eccellenza e accendono la magia.

«Sono arrivato a Milano a 11 anni e per tutta la mia adolescenza l’idea della città ha coinciso con gli spazi della Scala. Trascorrendo in teatro tutta la mia giornata ho imparato, negli anni, a conoscerne ogni anfratto e ogni rumore. Per questo quando mi hanno proposto di partecipare a questo progetto incredibile, mi è venuto naturale sfruttare questo punto di vista privilegiato per raccontare una delle grandi eccellenze della città. Un viaggio nel dietro le quinte scaligero, dove il talento forgiato dalla disciplina diventa arte e dove, grazie alla capacità e alla competenza di tutte le maestranze, ogni sera, sul palco, si accende la magia. Mi piaceva l’idea di scoprire il  volto nascosto di uno dei teatri più famosi del mondo, orgoglio di Milano e dell’Italia  intera. »  (Roberto Bolle)

TRE MILANO – scritto e diretto da SILVIO SOLDINI

La Milano di tutti i giorni raccontata dai percorsi di tre persone che la abitano: Armando, un tranviere; Marco, un artista; Kibra, una ragazza di origine eritrea. Tre sguardi sulla stessa città, tre modi di viverla, tre fili che s’intrecciano per raccontarla.

«Un omaggio a Milano, la mia città, alla ricerca dei suoi volti più intimi, della musica dei suoi luoghi, del suo paesaggio che cambia. » (Silvio Soldini)

MAGICA E VELOCE – scritto e diretto da WALTER VELTRONI 

Passato, presente e futuro di Milano. Tre dimensioni di una città che cambia, portando la sua storia nel futuro. La tenera dimensione del passato in un monumento magico di sport e nostalgia come il Velodromo Vigorelli e la velocità sfrontata di un grattacielo che sorge. Due tempi di una città che si guardano, si cercano, si incontrano.  

«Sono stato Sindaco di Roma e ho sempre molto amato Milano. Sembra strano, nei tempi di campanilismo fesso che viviamo. Ma ho sempre amato la complessità di Milano, che è tante cose insieme. È la città più moderna del paese ma ad ogni passo c’è storia che si incontra. A questo contrasto ho dedicato il mio episodio. Giocando su un segno del futuro che cresce e si afferma, il grattacielo di Isozaki del City life, e la strenua resistenza del Velodromo Vigorelli. Futuro e passato fanno il presente di Milano, città veloce e magica. »  (Walter Veltroni)  

SOLFERINO 28 – scritto e diretto da CRISTIANA CAPOTONDI

Una giornata al Corriere della Sera è sempre un giorno speciale perché il mondo gli passa attraverso e viene inevitabilmente filtrato dalla sensibilità meneghina che incarna. Sono giornate speciali, sospese tra carta stampata e digitale, sono gli ultimi giorni di lavoro di Ferruccio de Bortoli, i giorni della nomina del Presidente della Repubblica, i giorni della memoria dell’anniversario della liberazione del Corriere da parte di due giovani partigiane. Sono istanti, volti e parole spiate da dentro uno speciale osservatorio del nostro tempo.

«La prima volta che ho visitato Milano in vita mia avevo 19 anni. Arrivata alla stazione ho preso un taxi e mi sono fatta portare di fronte alla sede del Corriere della Sera. Ero una studentessa che studiava Comunicazione e che voleva vedere dove nasceva uno dei giornali più importante d’Italia. Durante le riprese di questo documentario ho ripensato spesso a quella giornata con tenerezza. Sono felice di essere stata io la testimone della vita lavorativa di chi in quel giornale è testimone del proprio tempo. » (Cristiana Capotondi)

CIELO – scritto e diretto da GIORGIO DIRITTI

Osservare la città dall’alto ci pone secondo uno sguardo differente, distante dalla frenesia. Entriamo in una dimensione più sospesa che si avvicina a quella della meditazione, del pensiero. Angela, Maria, Emanuela, suore di clausura, pur vivendo nel cuore della città non vedono Milano da decine di anni ma la “sentono” nella sua realtà, nelle sue esigenze profonde e fanno da contrappunto allo sguardo in una riflessione che svela anche la bellezza dei luoghi e dei rapporti umani. 

«Milano è stato anche il piacere di scoprirla e capirla, di pensare a cosa c’è oltre, come respira, e di intuire o cercare ciò di cui ha intimamente bisogno. » (Giorgio Diritti)

Per andare da A a B passereste prima per C? Se si perchè? e D? Non rischia di offendersi se non gli facciamo nemmeno un saluto? Ma soprattutto, che razza di bio è questa? Siete sicuri di volere una biografia? Mi trovate su Fb/tw/G+/pinterest/instagram/linkedIn come Riccardo Cristilli, il modo più semplice per farvi i fa....ehm conoscermi meglio. Per comunicati, eventi, news sulle serie tv scrivete a r.cristilli@dituttoupop.it