Orange is the New Black arriva (finalmente) in Italia su Mediaset Premium – Laura Prepon parla della seconda stagione

0
Orange is the new black

Il 6 giugno arriverà la seconda stagione di Orange is the New Black ma mentre cominciano i rumor sulla terza stagione e in particolare sulla presenza di Laura Prepon (aka Alex Vause) all’interno della serie, la serie arriva finalmente in Italia!

Orange-is-the-New-Black-PosterQualche mese fa era stata inserita all’interno del palinsesto di Rai4, sembrava dovesse partire ad aprile in seconda serata, ma alla fine la spunta Mediaset che si aggiudica Orange is the New Black la serie fenomeno dello scorso anno negli USA. La prima stagione di Orange is the New Black arriverà dal 12 giugno in prima serata su Mya, su Mediaset Premium. Una serie assolutamente da non perdere per gli appassionati telefili italiani.

Racconta le vicende di Piper Chapman (Taylor Schilling), una donna del Connecticut che viene condannata a scontare 15 mesi nel carcere federale di Litchfield per aver trasportato una valigia piena di soldi per conto di una trafficante di droga internazionale un tempo sua amante (Laura Preporn). Guarda caso quest’ultima finisce nello stesso carcere di Piper. La serie tv di Netflix offre uno sguardo inedito e assolutamente realistico dall’interno di un carcere femminile, raccontando allo spettatore non solo il dramma di una donna che vede la sua vita completamente rivoluzionata, ma anche le difficoltà di chi l’aspetta fuori, come il fidanzato interpretato da Jason Biggs. Ma il racconto non si limiterà solo alla protagonista Piper, saranno raccontate anche le vicende delle altre donne rinchiuse, grazie ad un sapiente uso dei flashback che permettono di approfondire la vita pre-carcere dei vari personaggi.

Girata col taglio dramedy (a metà strada tra la black comedy e il drama), tratta dal libro di memorie omonimo di Piper Kerman, “OITNB” è stata ideata da Jenji Kohan, già ideatrice della serie cult – assai chiaccherata anch’essa – “Weeds”, su una vedova che alla morte del marito si mette a spacciare cannabis per mantenere i due figli.  “La serie indaga sull’auto-distruzione e sulla brutalità che si annida anche nell’animo femminile – ha dichiarato l’ideatrice Kohan – la prigione è solo un megafono di questo aspetto”.

In America, il debutto del serial è stato più visto di un altro titolo Netflix come “House of Cards”. Tra i riconoscimenti si contano un People’s Choice Award e un Peabody Award. Jodie Foster dirige il terzo episodio della serie che è già stata rinnovata per la seconda stagione. Le due interpreti principali, la bionda Taylor Schilling e la bruna Laura Prepon, sono diventate in patria icone di stile e idoli della comunità lesbo. La serie vanta per la prima volta un transgender negli interpreti principali.

[adsense]

SPOILER per chi non ha ancora visto la prima stagione della serie.

Laura-Prepon-leaving-Orange-Is-the-New-Black-during-Season-2Lo scorso anno Laura Prepon sembrava dovesse apparire solamente in una puntata della seconda stagione ( qui il trailer), poi la sua presenza è andata via via aumentando e anche se non sarà regular, vedremo spesso Alex incrociare la strada di Piper. Ma la Prepon rassicura tutti, Alex non lascerà la prigione a breve. Una delle tante teorie che si susseguivano sulla sua assenza nella seconda stagione, era che la sua chiesa, scientology, le avesse proibito di interpretare una lesbica. E’ la stessa Preporn a definire queste voci “ridicole”, in realtà il suo impegno è stato ridotto per il desiderio di portare avanti altri progetti, in particolare come produttrice “Sfortunatamente non mi posso sdoppiare” ha dichiarato l’attrice a Entertainment Weekly “ho provato a girare pià scene che potevo. Ma per la terza stagione non ci saranno ulteriori problemi”. L’attrice anticipa che le 4 puntate in cui la vedremo saranno puntate importanti in cui succederanno parecchie cose e in cui ci saranno belle scene tra Alex e Piper “La seconda stagione sviluppa le vicende in un modo veramente folle. Potrebbe succedere di tutto nella terza stagione”. Intanto ecco alcune scene della seconda stagione (da Entertainment Weekly):

Per andare da A a B passereste prima per C? Se si perchè? e D? Non rischia di offendersi se non gli facciamo nemmeno un saluto? Ma soprattutto, che razza di bio è questa? Siete sicuri di volere una biografia? Mi trovate su Fb/tw/G+/pinterest/instagram/linkedIn come Riccardo Cristilli, il modo più semplice per farvi i fa....ehm conoscermi meglio. Per comunicati, eventi, news sulle serie tv scrivete a r.cristilli@dituttoupop.it